Come il collezionismo di auto ha alimentato la pandemia

Visualizzazioni: 6
0 0
Tempo per leggere:1 Minuto, 57 Secondo

Un’asta Mecum di otto giorni a luglio a Indianapolis – precedentemente posticipata dalla pandemia – ha registrato vendite record di $ 74 milioni. Quella cifra includeva un prezzo più alto di sempre di $ 3,85 milioni per una Mustang. Il banditore dichiarò l’auto, un prototipo Shelby del 1965 una volta guidata da Ken Miles della fama di “Ford v. Ferrari”, come “la più importante nella storia del marchio”.

Forse i risultati più singolarmente impressionanti sono arrivati ​​il ​​5 settembre, in un’altra delle poche aste live dell’anno. L’evento, nello storico Hampton Court di Londra, presentava 15 classici superlativi nella prima vendita internazionale di Gooding & Company. L’asta era stata annullata ad aprile, ma “abbiamo visto una finestra di opportunità e l’abbiamo colta”, ha detto David Gooding, presidente della società.

Come si è scoperto, i proventi hanno superato i 44 milioni di dollari, con un tasso di sell-through del 93%. Sono stati riportati record per un prezzo medio più alto per auto, $ 3,1 milioni, e per l’importo d’asta più alto finora per una Bugatti – $ 12,7 milioni per un’auto sportiva Type 59 del 1934. La Bugatti ha anche ottenuto il prezzo più alto per un’auto da collezione venduta in pubblico nel 2020, ha detto Gooding & Company.

Anche così, “il 2020 è stato difficile – l’intera industria delle aste dal vivo era in calo”, ha detto Gooding. La sua azienda, con sede a Santa Monica, in California, ha incassato circa 125 milioni di dollari, ben al di sotto dei suoi anni migliori, ha detto, “ma siamo grati per quello che siamo ancora riusciti a realizzare e per quello che abbiamo imparato”. Ad esempio, la pandemia ha spinto la società ad accelerare la sua introduzione di Orientato in linea, una piattaforma web con auto d’epoca e cimeli automobilistici.

Hagerty, una società di Traverse City, Michigan, che assicura auto da collezione e veicoli speciali e tiene traccia dei dati di mercato, ritiene che il volume di automobili da collezione passate di mano nel 2020 sia aumentato fino al 14%, con la maggior parte delle vendite online e in privato “privato”. transazioni “trattate”.

“La necessità di essere soli o in piccoli gruppi ha spinto le persone all’aria aperta”, ha affermato McKeel Hagerty, presidente dell’azienda. “Più persone sono scese per guidare, per andare in campeggio, fare escursioni o semplicemente per guidare. Inoltre, la benzina costava davvero poco.

#collezionismo #auto #alimentato #pandemia

Informazioni sull\'autore del post

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *