Cosa potrebbe significare l’elezione di Biden per i prestiti studenteschi

Visualizzazioni: 43
0 0
Tempo per leggere:8 Minuto, 25 Secondo

Il governo federale è il principale prestatore per gli studenti che prendono in prestito denaro per il college e la scuola di specializzazione, e il dipartimento dell’istruzione detiene direttamente più di $ 1,4 trilioni di debiti studenteschi. L’amministrazione del presidente eletto Joseph R. Biden Jr. avrà la capacità di apportare modifiche che possono influire direttamente sulle fatture mensili di milioni di mutuatari.

Ecco cosa devi sapere.

Circa 22 milioni di mutuatari di prestiti studenteschi federali hanno ricevuto pagamenti mensili temporaneamente in pausa e l’interesse è stato revocato fino alla fine dell’anno a causa della pandemia – una sospensione dei pagamenti sul debito per un totale di oltre $ 900 miliardi – e sono ansiosi di sapere se il sollievo continuerà nel 2021.

Il presidente Trump, attraverso un azione esecutiva, ha già esteso la cosiddetta tolleranza amministrativa fino al 31 dicembre (la scadenza era prevista per il 30 settembre ai sensi di un pacchetto legislativo di emergenza). Ma non è chiaro se abbia intenzione di fornire un’altra proroga prima che il signor Biden si insedi in ritardo Gennaio. Una portavoce del Dipartimento dell’Istruzione ha rifiutato di commentare. Anche il team di transizione di Biden ha rifiutato di commentare i suoi piani.

Il Congresso potrebbe sentire la pressione di agire prima della fine dell’anno, hanno detto gli esperti di politica, e potrebbe includere un’estensione in un nuovo pacchetto di stimoli o in un’altra legislazione.

“Per milioni di mutuatari, le ricadute della pandemia sono ancora in corso”, ha detto Seth Frotman, direttore esecutivo dello Student Borrower Protection Center, un gruppo di difesa. “Il pensiero che i pagamenti dei loro prestiti studenteschi verranno riattivati ​​e riceveranno denaro dal loro conto tramite addebito automatico, o vedranno il loro stipendio guarnito ancora una volta – i risultati saranno catastrofici per le loro finanze”.

Il piattaforma di istruzione superiore Il signor Biden ha fatto una campagna è stato notevolmente silenzioso su una proposta che i progressisti dicono essere matura per l’azione esecutiva: la cancellazione totale di alcuni debiti studenteschi.

L’Higher Education Act del 1965, che ha creato il programma federale di prestito studentesco, autorizza il segretario all’istruzione a “compromettere, rinunciare o liberare” i debiti federali del prestito studentesco. Alcuni studiosi legali e legislatori chiave credo che il linguaggio dia al presidente il potere di usare un ordine esecutivo incaricare il Dipartimento dell’Istruzione di estinguere ampiamente i debiti per uno o tutti gli studenti mutuatari. Altri non sono d’accordo e credono che un’azione del genere affronterebbe sfide legali.

I senatori Elizabeth Warren del Massachusetts e Chuck Schumer di New York, entrambi democratici, l’hanno fatto ha chiesto al prossimo presidente di annullare fino a $ 50.000 in debito per mutuatario. Ma il signor Biden non ha mai approvato pubblicamente l’idea e due persone coinvolte nelle sue discussioni sulla pianificazione della transizione hanno affermato che le sue opinioni non erano cambiate. Senza un’azione legislativa del Congresso – il che è improbabile se i repubblicani mantengono il controllo del Senato – la cancellazione del debito studentesco su vasta scala sembra improbabile.

Il signor Biden ha suscitato l’entusiasmo tra gli studenti mutuatari con un tweet a marzo che ha approvato una proposta di soccorso in caso di pandemia dalla signora Warren e da altri legislatori che chiedono la cancellazione di almeno $ 10.000 di debito del prestito studentesco federale a persona. Tuttavia, quella proposta richiedeva al Congresso di autorizzare tale sollievo – e finora non è stato così. Senza un’azione legislativa, Biden potrebbe essere riluttante a tentare una misura con un prezzo di circa 420 miliardi di dollari.

Sono iscritti circa 8,5 milioni di mutuatari di prestiti federali piani di rimborso basati sul reddito, che cercano di aiutare i debitori in difficoltà collegando il pagamento mensile del prestito a quanto guadagnano. Ci sono quattro piani tra cui scegliere, ma i sostenitori dicono che non sono sempre alla portata dei mutuatari più vulnerabili.

Propose il signor Biden un’opzione più generosa: gli individui che guadagnano $ 25.000 o meno all’anno non dovranno alcun pagamento sui loro prestiti federali universitari, né matureranno interessi. Tutti gli altri mutuatari pagheranno il 5 per cento del loro reddito discrezionale – ciò che resta dei loro stipendi dopo aver tenuto conto di cose di base come cibo e alloggio – oltre $ 25.000. Ciò viene confrontato con il 10-15% del reddito discrezionale richiesto dai piani ora. (Un piano richiede il 20 percento.) Secondo il piano del signor Biden, qualsiasi saldo residuo sarebbe perdonato.

Il signor Biden ha anche promesso di andare oltre: i debiti cancellati sono generalmente tassati come reddito, ma ha detto che prevede di cambiare la situazione. Apportare una modifica permanente al codice fiscale richiederebbe una legislazione, ma gli esperti fiscali dicono che ci sono altri modi per eliminare la sanzione fiscale.

Il enormi problemi associati con il perdono di prestito del servizio pubblico federale programma siamo Ben documentato. Il programma è stato creato nel 2007 per attirare i lavoratori verso lavori governativi e non profit a bassa retribuzione in cambio della cancellazione del debito; dopo un decennio di pagamenti mensili puntuali, qualsiasi debito residuo viene cancellato. Ma i mutuatari devono essere nel giusto tipo di piano di rimborso e avere il giusto tipo di prestito federale, il tutto mentre lavorano in una posizione qualificata – e solo il 2,2% delle domande è stato considerato idoneo dall’inizio del programma.

Il signor Biden ha detto che avrebbe risolto i problemi che affliggono il programma “assicurando il passaggio” di una bolletta ciò semplificherebbe i processi di richiesta e certificazione, incluso l’ammissibilità di tutti i prestiti e i piani di rimborso, fornendo anche una remissione parziale dopo cinque anni. La normativa è stata introdotta sia in Casa e Senato, ma con il solo sostegno democratico.

Oltre a rafforzare il programma esistente, Biden ha detto che creerà un altro piano di perdono per i lavoratori delle scuole, del governo e di altre organizzazioni senza scopo di lucro. Per ogni anno di servizio, i lavoratori avrebbero diritto alla cancellazione di $ 10.000 del loro debito universitario o laureato per un massimo di cinque anni (per un totale di $ 50.000).

Una regola nota come “difesa del mutuatario al rimborso” consente agli studenti che sono stati gravemente fuorviati dalle scuole che frequentavano di cercare sollievo sui loro prestiti studenteschi federali. Dopo il crollo di diverse famigerate catene a scopo di lucro, tra cui Corinthian Colleges e ITT Technical Institute, centinaia di migliaia di persone hanno inondato il Dipartimento dell’Istruzione di reclami.

Il segretario all’istruzione Betsy DeVos li ha combattuti in ogni occasione e lascia che molte applicazioni languiscano per anni, fino a quando i giudici federali in più casi le hanno ordinato di accelerare le cose. Il dipartimento della signora DeVos ha risposto negando in massa le accuse, inviandone più di 83.000 nell’ultimo anno. Tuttavia, un giudice federale in California ha messo in dubbio quelle smentite in una sentenza il mese scorso, definendoli “superficiali” e “potenzialmente illegali”. Gli ex studenti rappresentati nella causa collettiva hanno chiesto al tribunale di annullare le smentite della signora DeVos.

Eileen Connor, la direttrice legale del Project on Predatory Student Lending, che rappresenta i mutuatari nel caso della California, ha detto che sperava che l’amministrazione Biden facesse rivivere lo spirito del programma di difesa del mutuatario e concedesse sollievo a centinaia di migliaia di studenti che erano defraudato. Un nuovo segretario per l’istruzione ha l’autorità di ribaltare le smentite passate, ha detto la signora Connor, e creare nuovi standard per giudicare le 80.000 domande ancora in sospeso.

Il signor Biden si è impegnato durante la sua campagna a perdonare il debito dei mutuatari che “sono stati ingannati dai peggiori college a scopo di lucro o dai profittatori di carriera”. Ha anche detto che ripristinerà regole più permissive per il programma che sono state emanate durante l’amministrazione Obama e eliminato dalla signora DeVos.

Sia i prestiti federali che i prestiti studenteschi privati ​​possono essere estinti in caso di fallimento, ma non vengono spazzati via facilmente come carta di credito e altri debiti dei consumatori. I mutuatari devono presentare un procedimento legale separato e i legislatori hanno inasprito le regole negli ultimi decenni. In effetti, il signor Biden ha sostenuto una legge del 2005 che ha reso più difficili i prestiti agli studenti privati scarico, ma si è impegnato a invertire quella regola come presidente.

Ciò potrebbe rivelarsi impegnativo perché pochi repubblicani hanno sostenuto eventuali modifiche alle leggi sul fallimento. UN Fattura della casa ha un co-sponsor repubblicano, ma il La versione del Senato, guidato dal senatore Richard J. Durbin dell’Illinois, ha solo il sostegno democratico.

Il Dipartimento dell’Istruzione affida in outsourcing il compito di servire i suoi 42 milioni di prestiti studenteschi federali, e i revisori dei conti e i cani da guardia lo hanno ha ripetutamente criticato gli appaltatori per aver svolto un lavoro scadente. Costruire un sistema migliore è un obiettivo dell’agenzia bipartisan che risale all’amministrazione Obama, ma in realtà farlo è complicato.

Il dipartimento della signora DeVos ha ripetutamente cambiato i suoi piani e annullato le richieste di offerta, il che lo ha fatto l’ha portato sull’orlo di una crisi: La maggior parte dei contratti di assistenza dell’agenzia scade nel dicembre 2021 e non può essere prorogata.

L’ultimo tentativo dell’agenzia per evitare il disastro è stato una nuova sollecitazione pubblicata il mese scorso alla ricerca di due appaltatori per gestire un sistema provvisorio. Ma quel lasso di tempo è estremamente stretto e se quest’ultima richiesta fallisce, deve affrontare due scelte sbagliate: pagare ai suoi fornitori esistenti tassi significativamente più alti per continuare a lavorare, o trasferire milioni di mutuatari a nuovi servicer, un processo che è stato caotico in passato .

“Siamo al punto dell’intera saga sui prestiti agli studenti in cui l’urgenza è più grande di quanto non sia mai stata”, ha detto Clare McCann, vicedirettore per la politica federale dell’istruzione superiore alla New America, un pensiero di sinistra. “Ciò riguarda decine di milioni di mutuatari ed è un problema che deve essere vicino alla cima dell’elenco.”



#Cosa #potrebbe #significare #lelezione #Biden #prestiti #studenteschi

Informazioni sull\'autore del post

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *