Genitori, conoscete i vostri diritti sul posto di lavoro nella pandemia

Visualizzazioni: 4
0 0
Tempo per leggere:2 Minuto, 45 Secondo

Se ciò non produce risultati, prendi in considerazione la possibilità di comunicare con il tuo capo per iscritto sul problema per stabilire un record o riassumere la tua conversazione in un’e-mail al tuo capo in seguito. Chiedi aiuto alle risorse umane, se il tuo lavoro ce l’ha, non solo al tuo supervisore. “Assicurati di identificare le azioni illegali come illegali”, ha detto la signora Lee. “Dare un nome alla legge fornisce un ulteriore livello di protezione contro le ritorsioni”.

Può anche essere utile parlare con altri colleghi. Condividono le stesse preoccupazioni? Prenderanno in considerazione l’idea di unirsi per parlare con la direzione? Secondo la signora Lee, le denunce di gruppo godono di una protezione legale speciale. Se la discriminazione è di genere, potresti anche essere in grado di presentare un’accusa di discriminazione illegale al Commissione per le pari opportunità di lavoro degli Stati Uniti.

Probabilmente. Legge federale richiede ai datori di lavoro di fornire “un ragionevole periodo di pausa per un dipendente per estrarre il latte materno per il suo bambino che allatta per un anno dopo la nascita del bambino”.

Ci sono alcune limitazioni a questo diritto, ha detto Jessica Mason, analista senior delle politiche presso il National Women’s Law Center. I lavoratori esentati dallo straordinario, come i lavoratori salariati e alcune professioni come gli insegnanti, non hanno il diritto garantito interruzioni della lattazione secondo la legge federale, anche se potrebbero essere coperti da leggi statali. “Ma la maggior parte dei lavoratori ha il diritto di interrompere il tempo per l’allattamento, sia che stiano lavorando in un magazzino, in un ufficio o da casa”, ha detto.

Se hai diritto alle pause ma hai ricevuto respingimenti, la signora Mason suggerisce di dire al tuo datore di lavoro: “Anche se lavoro da casa, le mie pause per l’allattamento sono coperte dalla legge”.

La semplice risposta è no, ha detto la signora Lee. Un bambino con una condizione di salute non ti dà diritto a sistemazioni speciali oltre a quelle che la tua azienda – o la legge – fornisce a tutti i lavoratori. Ma questo non significa che non dovresti chiedere al tuo datore di lavoro di aiutarti, o sostenere che potresti essere altrettanto efficiente lavorando da casa. Considera l’idea di proporre un programma flessibile, un programma ridotto o di chiedere al tuo datore di lavoro di fornire dispositivi di protezione individuale, come maschere e guanti. Se devi smettere di lavorare, potresti essere in grado di prendere un congedo familiare e medico o ricevere un’indennità di disoccupazione.

Diversi studi hanno trovato che i lavoratori con orari flessibili sono più produttivi e hanno meno probabilità di smettere. Sebbene alcune leggi statali e locali stabiliscano che i lavoratori hanno il diritto legale di richiedere orari di lavoro flessibili senza ritorsioni (il National Women’s Law Center ha un buona lista), qualsiasi lavoratore può provare a negoziare con il proprio datore di lavoro per un programma più flessibile, inquadrandolo come un vantaggio per l’azienda, ha detto la signora Mason.

#Genitori #conoscete #vostri #diritti #sul #posto #lavoro #nella #pandemia

Informazioni sull\'autore del post

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *