Gli anziani in cerca di vaccini hanno un problema: non possono usare Internet

Visualizzazioni: 12
0 0
Tempo per leggere:2 Minuto, 10 Secondo

Molti anziani si sentono a proprio agio a mandare SMS, twittare e navigare in Internet. Ma per coloro che non lo fanno, dedicare del tempo all’apprendimento di una nuova abilità spesso si sente scoraggiante, ha detto il signor Kamber. Older Adults Technology Services ha insegnato a 48.000 persone come iniziare a lavorare online dall’inizio della pandemia, ha affermato, e gestisce una hotline di supporto tecnico. Quando sono iniziate le iscrizioni ai vaccini, il personale al telefono ha risposto a migliaia di domande su come prenotare gli appuntamenti.

Agenzie di zona sull’invecchiamento, parte di a rete nazionale per l’invecchiamento finanziato dal governo federale e supervisionato dall’Amministrazione per la vita in comunità, stanno anche dando una mano. I capitoli locali hanno chiamato gli anziani e li hanno aiutati a registrarsi per gli appuntamenti sui vaccini per telefono o di persona, ha detto Sandy Markwood, amministratore delegato delle agenzie di area, che includono più di 600 centri regionali senza scopo di lucro guidati dai governi statali.

Ad Akron, Ohio, la 78enne Lee Freund ha detto che ogni ospedale, farmacia e negozio di alimentari che aveva chiamato in cerca di un vaccino l’aveva indirizzata a una serie di pagine web confuse. La signora Freund è riuscita a iscriversi accidentalmente per la consegna di generi alimentari, ma non ha avuto fortuna a litigare. È finita in lacrime.

“Quando sei da sola, è frustrante, travolgente ed è molto emozionante”, ha detto la signora Freund, il cui marito è morto l’anno scorso. Ha detto che non ha chiamato i suoi figli per chiedere aiuto perché non voleva essere un peso. “Mi ha quasi fatto pensare, ‘Non credo che ne valga la pena.'”

La signora Freund ha finalmente trovato aiuto con la vicina Area Agency on Aging, dove una donna le ha assicurato un appuntamento.

Alla fine della scorsa settimana, solo 12,3 milioni di americani di età pari o superiore a 75 anni, ovvero il 28%, avevano ricevuto almeno una dose di vaccino contro il coronavirus, secondo i Centers for Disease Control and Prevention. La senatrice Tina Smith, democratica del Minnesota, che ha reintrodotto un disegno di legge dello scorso anno che stanzerebbe denaro per aiutare gli americani più anziani online, ha detto che il governo non è riuscito a superare una crisi prevenibile non finanziando prima le agenzie di alto livello.

Le organizzazioni di reti che invecchiano “sono state sopraffatte dai bisogni e dalle richieste che hanno e stanno lottando contro la pandemia”, ha detto la signora Smith in un’intervista. “Abbiamo risorse insufficienti e ne stiamo vedendo gli effetti”.

#Gli #anziani #cerca #vaccini #hanno #problema #possono #usare #Internet

Informazioni sull\'autore del post

admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *