Il Dipartimento di Giustizia fa causa a Jeffrey Lowe di “Tiger King” per il trattamento degli animali

Visualizzazioni: 17
0 0
Tempo per leggere:4 Minuto, 27 Secondo

Jeffrey Lowe, l’uomo che ha rilevato il parco degli animali al centro del famoso documentario Netflix “Tiger King”, è stato accusato giovedì di violare l’Endangered Species Act e l’Animal Welfare Act, hanno detto i pubblici ministeri.

Giovedì, il Dipartimento di Giustizia ha annunciato di aver presentato un Denuncia civile di 110 pagine contro il signor Lowe e sua moglie, Lauren Lowe e il parco, il Greater Wynnewood Exotic Animal Park a Wynnewood, Okla.

La denuncia accusa la coppia di violare l’Endangered Species Act e l’Animal Welfare Act esponendo animali senza licenza e mettendo a repentaglio la salute dei loro animali. La denuncia chiedeva al tribunale di richiedere alla coppia di cedere alcuni dei loro animali al governo.

L’avvocato del signor Lowe, James M. Wirth, ha detto in una dichiarazione che la coppia era “costantemente premurosa e gentile custode degli animali affidati alle loro cure” e che il governo aveva costruito una “interpretazione fittizia” dell’Animal Welfare Act.

“Il governo afferma che poiché il signor e la signora Lowe hanno permesso a una troupe di documentari sulla loro proprietà, stavano esibendo illegalmente la fauna selvatica”, ha detto. “Secondo gli standard inventati dal governo, chiunque scatta un selfie di una specie in via di estinzione in uno zoo è un espositore illegale in violazione della legge federale”.

Il signor Lowe è l’ultima figura del documentario, sulle faide tra proprietari di animali esotici e attivisti per i diritti degli animali, ad affrontare le accuse di illeciti da parte del governo. Il precedente proprietario del parco, Joseph Maldonado-Passage, era condannato l’anno scorso di cercare di assumere un sicario per uccidere un attivista per i diritti degli animali che lo ha criticato.

Un altro proprietario del parco apparso nel documentario, Bhagavan Antle, noto come Doc, è stato accusato in ottobre di due conteggi di crimini legati al traffico di specie selvatiche e di altri 13 reati.

Fino ad agosto, il signor Lowe e sua moglie gestivano il parco degli animali dell’Oklahoma che era di proprietà del signor Maldonado-Passage, meglio conosciuto come Joe Exotic.

La struttura di 16,4 acri aveva diversi animali protetti dall’Endangered Species Act, tra cui tigri, leoni, un orso grizzly e lemuri dalla coda ad anelli, afferma la denuncia.

A giugno, dopo una battaglia legale durata sette anni, un giudice ha dato il parco a Carole Baskin, l’attivista per i diritti degli animali che ha combattuto con i custodi di tigri esotiche nel documentario. Venerdì il marito della signora Baskin, Howard Baskin, ha dichiarato in una dichiarazione che spera che il Dipartimento di Giustizia riesca a rimuovere gli animali.

“Le numerose citazioni molto serie da parte dell’USDA, a nostro avviso, dimostrano chiaramente che ai Lowes non dovrebbe essere permesso di avere animali”, ha detto, riferendosi alle affermazioni degli investigatori del Dipartimento dell’Agricoltura.

A giugno e luglio, gli ispettori dell’Animal Plant and Health Inspection Service dell’USDA hanno dichiarato di aver trovato alcuni animali “in cattive condizioni di salute e che vivono in condizioni inferiori alla media presso la struttura di Wynnewood”, una violazione dell’Endangered Species Act e dell’Animal Welfare Act.

Nella denuncia i Lowes sono stati anche accusati di non fornire “cure veterinarie tempestive e adeguate”, facendo sì che alcuni degli animali “soffrissero di condizioni facilmente curabili”. Alcuni di questi casi hanno provocato la morte “prematura”, afferma la denuncia.

Gli ispettori hanno riscontrato che agli animali non era stata fornita una quantità sufficiente di cibo e che erano sottopeso e affetti da carenze nutrizionali.

Gli ispettori hanno anche affermato di aver trovato carcasse di grandi felini parzialmente bruciate e in decomposizione e un camion frigorifero rotto con carne in decomposizione, afferma la denuncia.

“L’incapacità dei Lowes di fornire cure veterinarie di base, cibo appropriato e condizioni di vita sicure per gli animali non soddisfa gli standard richiesti sia dall’Animal Welfare Act che dall’Endangered Species Act”, ha affermato Jonathan D. Brightbill, il principale vice procuratore generale della Divisione Ambiente e Risorse Naturali.

La denuncia ha anche accusato i Lowes di separare regolarmente i cuccioli di grandi felini dalle loro madri per eventi di “gioco” con gli ospiti del parco, portando potenzialmente “danni duraturi” ai cuccioli.

In un esempio, gli ispettori hanno detto di aver visto un cucciolo di leone letargico e magro che aveva la secrezione che le usciva dal naso e dagli occhi e piaghe sulle orecchie. Hanno detto che il cucciolo, di nome Nala, è stato successivamente scoperto che soffriva di un’infezione delle vie respiratorie superiori, disidratazione, malnutrizione e un’infezione del tratto urinario.

Nala è stata trasferita in un santuario della fauna selvatica in Colorado a settembre, afferma la denuncia.

Ad agosto, l’USDA ha sospeso la licenza per espositori dell’Animal Welfare Act del sig. Lowe e ha tentato di revocare definitivamente la sua licenza.

Giorni dopo, il signor Lowe ha risolto volontariamente la sua licenza, hanno detto i documenti del tribunale. In seguito i Lowes trasferirono i loro animali in una proprietà di 33 acri a Thackerville, Okla. Hanno detto che la loro nuova struttura si chiamerà “Tiger King Park“E funzionerà come set cinematografico per spettacoli televisivi. I Lowes non hanno una licenza per esporre animali, secondo la denuncia.

#Dipartimento #Giustizia #causa #Jeffrey #Lowe #Tiger #King #trattamento #degli #animali

Informazioni sull\'autore del post

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *