Il team marito e moglie dietro il principale vaccino per risolvere il Covid-19

Visualizzazioni: 16
0 0
Tempo per leggere:5 Minuto, 53 Secondo

Due anni fa, il dottor Ugur Sahin è salito sul palco a una conferenza a Berlino e ha fatto una previsione audace. Parlando a una stanza piena di esperti in malattie infettive, ha detto che la sua azienda potrebbe essere in grado di utilizzare la sua cosiddetta tecnologia dell’RNA messaggero per sviluppare rapidamente un vaccino in caso di pandemia globale.

A quel tempo, il Dr. Sahin e la sua azienda, BioNTech, erano poco conosciuti al di fuori del piccolo mondo delle start-up biotecnologiche europee. BioNTech, che il Dr. Sahin ha fondato con sua moglie, il Dr. Özlem Türeci, si è concentrato principalmente sui trattamenti contro il cancro. Non aveva mai introdotto un prodotto sul mercato. Il Covid-19 non esisteva ancora.

Ma le sue parole si sono rivelate profetiche.

Lunedì, BioNTech e Pfizer annunciato che un vaccino per il coronavirus sviluppato dal dottor Sahin e dal suo team è stato efficace per oltre il 90% nel prevenire la malattia tra i volontari dello studio che non avevano prove di essere stati precedentemente infettati. I risultati sbalorditivi hanno portato BioNTech e Pfizer in testa alla corsa per trovare una cura per una malattia che ha ucciso più di 1,2 milioni di persone in tutto il mondo.

“Potrebbe essere l’inizio della fine dell’era Covid”, ha detto il dottor Sahin in un’intervista martedì.

BioNTech ha iniziato a lavorare sul vaccino a gennaio, dopo che il dottor Sahin ha letto un articolo sulla rivista medica The Lancet che lo ha lasciato convinto che il coronavirus, all’epoca diffondendosi rapidamente in alcune parti della Cina, sarebbe esploso in una vera e propria pandemia. Gli scienziati dell’azienda, con sede a Mainz, in Germania, hanno annullato le vacanze e si sono messi a lavorare su quello che hanno chiamato Project Lightspeed.

“Non ci sono molte aziende sul pianeta che hanno la capacità e la competenza per farlo così velocemente come possiamo farlo”, ha detto il dottor Sahin in un’intervista il mese scorso. “Quindi non mi è sembrata un’opportunità, ma un dovere farlo, perché ho capito che potremmo essere tra i primi a inventare un vaccino”.

Dopo che BioNTech aveva identificato diversi promettenti candidati vaccinali, il dottor Sahin ha concluso che l’azienda avrebbe avuto bisogno di aiuto per testarli rapidamente, ottenere l’approvazione delle autorità di regolamentazione e portare il miglior candidato sul mercato. BioNTech e Pfizer lavoravano insieme su un vaccino antinfluenzale dal 2018 e, a marzo, hanno deciso di collaborare a un vaccino contro il coronavirus.

Da allora, il dottor Sahin, che è turco, ha sviluppato un’amicizia con Albert Bourla, l’amministratore delegato greco di Pfizer. La coppia ha dichiarato in recenti interviste di essersi legata alla loro esperienza condivisa come scienziati e immigrati.

“Ci siamo resi conto che lui viene dalla Grecia, e che io sono dalla Turchia”, ha detto il dottor Sahin, senza menzionare l’antagonismo di lunga data dei loro paesi nativi. “È stato molto personale fin dall’inizio.”

Il dottor Sahin, 55 anni, è nato a Iskenderun, in Turchia. Quando aveva 4 anni, la sua famiglia si trasferì a Colonia, in Germania, dove i suoi genitori lavoravano in una fabbrica Ford. È cresciuto desiderando diventare un medico ed è diventato un medico presso l’Università di Colonia. Nel 1993, ha conseguito un dottorato presso l’università per il suo lavoro sull’immunoterapia nelle cellule tumorali.

All’inizio della sua carriera, ha incontrato il Dr. Türeci. Aveva le prime speranze di diventare suora e alla fine ha finito per studiare medicina. La dottoressa Türeci, ora 53enne e direttore medico di BioNTech, è nata in Germania, figlia di un medico turco immigrato da Istanbul. Il giorno in cui si sono sposati, il dottor Sahin e il dottor Türeci sono tornati al laboratorio dopo la cerimonia.

I due si sono inizialmente concentrati sulla ricerca e sull’insegnamento, anche presso l’Università di Zurigo, dove il dottor Sahin ha lavorato nel laboratorio di Rolf Zinkernagel, che ha vinto nel 1996 il Premio Nobel per la medicina.

Nel 2001, il Dr. Sahin e il Dr. Türeci hanno fondato Ganymed Pharmaceuticals, che ha sviluppato farmaci per il trattamento del cancro utilizzando anticorpi monoclonali.

Dopo diversi anni hanno fondato anche BioNTech, cercando di utilizzare una gamma più ampia di tecnologie, incluso l’RNA messaggero, per curare il cancro. “Vogliamo costruire una grande azienda farmaceutica europea”, ha detto il dottor Sahin in un’intervista al Corriere di Wiesbaden, un giornale locale.

Anche prima della pandemia, BioNTech stava guadagnando slancio. L’azienda ha raccolto centinaia di milioni di dollari e ora ha più di 1.800 dipendenti, con uffici a Berlino, in altre città tedesche e Cambridge, Mass. Nel 2018, ha iniziato la sua partnership con Pfizer. L’anno scorso, la Bill & Melinda Gates Foundation ha investito 55 milioni di dollari per finanziare il suo lavoro nel trattamento dell’HIV e della tubercolosi. Anche nel 2019, il dottor Sahin è stato insignito del Premio Mustafa, un premio iraniano biennale per i musulmani nella scienza e nella tecnologia.

Il Dr. Sahin e il Dr. Türeci hanno venduto Ganymed per $ 1,4 miliardi nel 2016. L’anno scorso, BioNTech ha venduto azioni al pubblico; Negli ultimi mesi, il suo valore di mercato ha superato i 21 miliardi di dollari, rendendo la coppia tra le più ricche della Germania.

I due miliardari vivono con la loro figlia adolescente in un modesto appartamento vicino al loro ufficio. Andano in bicicletta per andare al lavoro. Non possiedono un’auto.

“Ugur è un individuo davvero unico”, ha detto il mese scorso Bourla, amministratore delegato di Pfizer, nell’intervista. “Gli interessa solo la scienza. Discutere di affari non è la sua tazza di tè. Non gli piace affatto. È uno scienziato e un uomo di principi. Mi fido di lui al 100 percento. “

In Germania, dove l’immigrazione continua a essere un problema litigioso, il successo di due scienziati di origine turca è stato motivo di celebrazione.

“Con questa coppia, la Germania ha un fulgido esempio di integrazione riuscita”, ha scritto il sito di affari conservatori Focus.

Un membro del Parlamento, Johannes Vogel, ha scritto su Twitter che se dipendesse dal partito di estrema destra Alternativa per la Germania, “non ci sarebbe il #BioNTech della Germania con Özlem Türeci e Ugur Sahin in cima”.

“Se dipendesse dai critici del capitalismo e della globalizzazione”, ha aggiunto, “non ci sarebbe cooperazione con Pfizer. Ma questo ci rende forti: paese di immigrazione, economia di mercato e società aperta! “

Il dottor Sahin ha avuto poco tempo per la politica quest’anno. BioNTech è stata così impegnata nello sviluppo di un vaccino che la società non ha finalizzato i dettagli finanziari del suo accordo di partnership con Pfizer.

“La fiducia e il rapporto personale sono così importanti in questi affari, perché tutto sta andando così velocemente”, ha detto il dottor Sahin. “Abbiamo ancora un term sheet e non ancora un contratto definitivo su molte cose.”

Il dottor Sahin ha detto che lui e il dottor Türeci hanno appreso i dati sull’efficacia domenica sera e hanno segnato il momento preparando il tè turco a casa. “Abbiamo festeggiato, ovviamente”, ha detto. “È stato un sollievo.”

Christopher F. Schuetze ha contribuito alla segnalazione da Berlino.



#team #marito #moglie #dietro #principale #vaccino #risolvere #Covid19

Informazioni sull\'autore del post

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *