La valutazione di Instacart sale a $ 39 miliardi nell’ultima raccolta fondi

Visualizzazioni: 7
0 0
Tempo per leggere:1 Minuto, 56 Secondo

Instacart, la società di consegna di generi alimentari, ha dichiarato martedì di aver raccolto altri 265 milioni di dollari in un finanziamento che lo stima a 39 miliardi di dollari, più che raddoppiando la sua valutazione per la seconda volta in un anno.

Andreessen Horowitz e Sequoia Capital, che sono investitori esistenti in Instacart, hanno partecipato all’ultimo finanziamento per la start-up di otto anni. Nell’ultimo anno, Instacart ha raccolto due round di finanziamento per un totale di 525 milioni di dollari. In precedenza era valutato a $ 17,7 miliardi.

La pandemia ha sovraccaricato la crescita di Instacart. I clienti desiderosi di evitare di fare acquisti nei negozi utilizzano il servizio di ordinazione di generi alimentari basato sull’app dell’azienda. I lavoratori licenziati si sono anche rivolti a lavori di gig economy, come lo shopping Instacart, per fare soldi. Instacart ha ora 500.000 acquirenti che lavorano su contratto.

“L’anno scorso ha inaugurato una nuova normalità, cambiando il modo in cui le persone fanno acquisti di generi alimentari e merci”, ha detto in una nota Nick Giovanni, chief financial officer di Instacart.

Instacart ha resistito alle critiche sul suo modello di business man mano che si è espanso. All’inizio di quest’anno, sono stati provocati i licenziamenti di alcuni dei pochi lavoratori sindacalizzati di Instacart accuse di fallimento sindacale. Negozi di alimentari hanno detto le commissioni dell’app di circa il 10 percento hanno reso difficile realizzare un profitto.

L’azienda consegna merci da 600 rivenditori in 45.000 negozi negli Stati Uniti e in Canada. Si è espanso oltre i generi alimentari per includere forniture per ufficio, articoli sportivi, farmaci da prescrizione e articoli per animali domestici da catene tra cui Staples, Dick’s Sporting Goods, CVS e Petco.

Instacart ha detto che prevede di utilizzare i nuovi finanziamenti per assumere più dipendenti e per espandere le linee di business, compresa la pubblicità per le società di beni di consumo confezionati e il software aziendale per i rivenditori.

In una dichiarazione, Jeff Jordan, un partner di Andreessen Horowitz, ha affermato che la sua azienda è rimasta colpita dal modo in cui Instacart ha dimostrato resistenza alla pandemia e “ha incontrato il momento del 2020”.

L’azienda è stata nominata come candidata per diventare pubblica. A gennaio ha nominato il Sig. Giovanni, ex Goldman Sachs, Chief Financial Officer.

#valutazione #Instacart #sale #miliardi #nellultima #raccolta #fondi

Informazioni sull\'autore del post

admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *