L’amministrazione Trump dà a TikTok più tempo per raggiungere l’affare

Visualizzazioni: 24
0 0
Tempo per leggere:2 Minuto, 49 Secondo

WASHINGTON – L’amministrazione Trump ha concesso al proprietario cinese di TikTok più tempo per raggiungere un accordo per vendere l’app, dopo aver chiesto di cedere il suo interesse nel servizio di social media per questioni di sicurezza nazionale.

Il presidente Trump aveva firmato un ordine esecutivo in agosto richiedendo che la società madre di TikTok, ByteDance, venda tutti i beni che le consentivano di gestire l’app negli Stati Uniti entro giovedì. Tale termine è stato prorogato di 15 giorni fino al 27 novembre, secondo un documento che TikTok ha presentato venerdì presso il tribunale distrettuale degli Stati Uniti per il distretto di Columbia.

L’estensione mantiene nel limbo un accordo che mirava a impedire al governo degli Stati Uniti di vietare la popolare app video. ByteDance ha offerto di vendere la posta in gioco in TikTok per l’americano azienda di cloud computing Oracle e Walmart. In base all’accordo, Oracle supervisionerebbe i dati di TikTok per mitigare i timori che l’app possa fornire al governo cinese le informazioni sui clienti sugli americani.

L’amministrazione Trump ha fatto pressione su TikTok, dove le persone condividono la sincronizzazione labiale e altri video, come parte della sua campagna contro l’influenza della Cina nell’industria tecnologica globale. I funzionari americani l’hanno fatto limitato l’uso di apparecchiature cinesi nelle reti wireless 5G, preso problema con le aziende statunitensi che supportano cavi Internet sottomarini nella Cina continentale e app di consumo sempre più mirate come TikTok e WeChat, un’app di messaggistica di proprietà del gigante cinese di Internet Tencent.

Funzionari statunitensi hanno affermato che la proprietà cinese di TikTok significa che l’app potrebbe inviare dati a Pechino, in base alle leggi locali che richiedono alle aziende cinesi di collaborare con le richieste del governo. TikTok ha negato che la sua app rappresenti una minaccia alla sicurezza per gli americani, sottolineando che molti dei suoi investitori sono americani e che i dati dei suoi clienti non sono archiviati in Cina.

TikTok ha rifiutato di commentare l’estensione. Il Dipartimento del Tesoro, che sta giocando un ruolo centrale nel vagliare l’accordo proposto, non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Dall’ordine esecutivo di Trump ad agosto, gli sforzi dell’amministrazione per reprimere TikTok hanno incontrato resistenza legale.

Con un ordine esecutivo separato, il dipartimento del commercio regole rilasciate a settembre per costringere gli app store gestiti da Apple e Google a smettere di ospitare TikTok e WeChat. I giudici federali per ora li hanno bloccati.

TikTok ha anche chiesto a un tribunale federale questa settimana di bloccare l’ordine in cui chiedeva a ByteDance di vendere i suoi interessi nell’app. Mentre Trump ha segnalato a settembre di aver approvato le grandi linee dell’accordo che coinvolge TikTok, Oracle e Walmart, deve ancora essere preso in considerazione da un comitato federale che controlla gli investimenti stranieri negli Stati Uniti.

“Nei quasi due mesi trascorsi da quando il presidente ha dato la sua approvazione preliminare alla nostra proposta per soddisfare tali preoccupazioni, abbiamo offerto soluzioni dettagliate per finalizzare tale accordo, ma non abbiamo ricevuto feedback sostanziali sulla nostra vasta struttura di protezione e privacy dei dati”, un portavoce di TikTok ha detto in una dichiarazione martedì.

Oracle e Walmart hanno rifiutato di commentare.

Monica Crowley, portavoce del Dipartimento del Tesoro, ha dichiarato venerdì pomeriggio in una dichiarazione che l’estensione darebbe alle società “tempo aggiuntivo per risolvere questo caso in un modo” conforme all’ordine esecutivo di Trump.

#Lamministrazione #Trump #dà #TikTok #più #tempo #raggiungere #laffare

Informazioni sull\'autore del post

admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *