Le aziende dicono di avere a cuore il clima. Le loro azioni sono insufficienti.

Visualizzazioni: 2
0 0
Tempo per leggere:2 Minuto, 23 Secondo

Ci sono stati alcuni progressi da parte di aziende che hanno obiettivi rigorosi. Nel un report il mese scorso, Science Based Targets, avviato dai gruppi ambientalisti e da centinaia di aziende riunite dalle Nazioni Unite, ha affermato che le 338 grandi aziende in tutto il mondo per le quali disponeva di dati sulle emissioni sufficienti hanno ridotto collettivamente le proprie emissioni del 25% tra il 2015 e il 2019.

Spesso le grandi aziende dello stesso settore hanno record molto diversi.

Ad esempio, Walmart rivela i suoi obiettivi per la riduzione delle emissioni e i progressi compiuti nel Carbon Disclosure Project, compreso un obiettivo per le emissioni dei suoi fornitori, e il suo piano è stato verificato da Science Based Targets. Ma Costco non si aspetta di avere impegni per ridurre le emissioni fino alla fine del prossimo anno. I dirigenti di Costco hanno rifiutato di commentare.

Netflix è spesso paragonato a giganti della tecnologia come Google e Microsoft. Ma Netflix deve ancora fissare un obiettivo per ridurre le emissioni causate dai suoi uffici, dalle attività di produzione e dai server dei computer che utilizza. “L’azione per il clima è importante e annunceremo i nostri piani in primavera, che includeranno obiettivi basati sulla scienza del clima”, ha affermato la società in una nota.

Ridurre le emissioni è difficile. Le aziende devono misurare in modo affidabile la quantità di anidride carbonica e altri gas serra di cui sono responsabili. Quindi le aziende devono trovare fonti di energia più pulite senza danneggiare le loro operazioni. Dove non riescono a trovare sostituti più puliti, le aziende spesso pagano altri per ridurre le emissioni o rimuovere il carbonio dall’atmosfera.

Il compito diventa ancora più difficile quando le aziende iniziano il processo di riduzione delle cosiddette emissioni Scope 3, l’inquinamento causato da fornitori e clienti. Alle compagnie petrolifere, ad esempio, lo Scope 3 includerebbe le emissioni delle auto che utilizzano benzina.

BlackRock, con $ 8,7 trilioni di asset in gestione, comprese partecipazioni in molte società, deve chiaramente affrontare un compito arduo. La società non possiede direttamente la maggior parte delle azioni o obbligazioni che acquista – le gestisce per fondi pensione, altre società e singoli investitori – limitando il grado di attivismo climatico che può perseguire. Inoltre, la maggior parte dei suoi prodotti di investimento segue indici come l’S & P 500, quindi finisce inevitabilmente per gestire azioni di società di combustibili fossili.

Molte aziende di Wall Street si sono impegnate a raggiungere zero emissioni nette dalle loro attività di prestito e altre attività finanziarie, ma non hanno chiarito se tale obiettivo si applica alle azioni e alle obbligazioni che gestiscono per i clienti. La decisione di BlackRock di includere tutti gli asset che gestisce potrebbe spingere altri giganti finanziari a prendere impegni simili, ma potrebbe irritare le industrie dei combustibili fossili ei loro sostenitori politici al Congresso.

#aziende #dicono #avere #cuore #clima #loro #azioni #sono #insufficienti

Informazioni sull\'autore del post

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *