L’economia statunitense ha aggiunto 49.000 posti di lavoro a gennaio, un risultato debole dopo un’ondata di virus.

Visualizzazioni: 6
0 0
Tempo per leggere:3 Minuto, 25 Secondo

L’economia americana ha prodotto poco sollievo il mese scorso, poiché l’ondata di pandemia invernale ha continuato a frenare una ripresa del mercato del lavoro. Il risultato debole arriva nel bel mezzo di un nuovo sforzo a Washington per fornire una grande infusione di aiuti per favorire una ripresa.

Datori di lavoro statunitensi aggiunto 49.000 posti di lavoro a gennaio, ha detto venerdì il dipartimento del lavoro. Il numero rifletteva un mese di assunzioni deludente anche se forniva speranza di un rinnovato slancio economico.

Il tasso di disoccupazione è sceso al 6,3 per cento, dal 6,7 per cento.

Il presidente Biden, parlando più tardi alla Casa Bianca, ha fatto riferimento ai dati sull’occupazione nel presentare un caso per la sua proposta di aiuto economico da $ 1,9 trilioni. “È molto chiaro che la nostra economia è ancora in difficoltà”, ha detto. “Molte persone stanno perdendo la speranza.”

I limitati guadagni di gennaio hanno seguito una battuta d’arresto definitiva a dicembre, quando l’economia ha perso posti di lavoro per la prima volta da aprile. La perdita di dicembre, inizialmente dichiarata a 140.000, è stata rivista venerdì a 227.000. Il guadagno di novembre è stato modificato da 336.000 a 264.000.

C’è stata una piccola vittoria nell’evitare un secondo mese consecutivo di perdite di posti di lavoro, una prospettiva che alcuni economisti avevano temuto dato il colpo di uno-due dell’aumento dei casi di coronavirus e del calo degli aiuti federali.

“È un segno positivo che abbiamo superato quei dossi e le ruote non si sono staccate completamente dalla macchina”, ha detto Nick Bunker, responsabile della ricerca per il cantiere Indeed.

Ma il signor Bunker ha detto che i guadagni non erano niente da celebrare. L’economia ha ancora più di nove milioni di posti di lavoro in meno rispetto a prima della pandemia e i progressi sono rallentati in modo significativo dall’estate. A differenza di dicembre, quando la perdita di posti di lavoro si è concentrata in alcuni settori esposti alla pandemia, la debolezza di gennaio è stata ampia, con produttori, rivenditori e società di trasporto che hanno tagliato tutti i posti di lavoro.

“Non è chiaro che questo mese attenui queste preoccupazioni”, ha detto. “Centomila qui, centomila là sono un progresso costante, ma non è il tipo di guadagni che dobbiamo vedere.”

La proposta di soccorso del signor Biden ha fatto un passo verso l’approvazione del Congresso venerdì all’inizio, quando il Senato ha approvato un budget di misura risoluzione quello andrà poi alla Camera, dove i Democratici non avranno bisogno del sostegno dei repubblicani per approvarlo.

Alcuni repubblicani hanno detto che un pacchetto più piccolo sarebbe sufficiente, e altri hanno detto che è troppo presto per un altro round di aiuti.

Quasi un anno dopo che la pandemia ha devastato il mercato del lavoro, molti meteorologi prevedono che l’economia si rafforzerà da qui in poi. I $ 900 miliardi pacchetto di aiuti federali emanato a dicembre dovrebbe sostenere l’economia, con ulteriori aiuti potenzialmente in arrivo. La spinta alla vaccinazione, sebbene più lenta di quanto sperato, sta aprendo la strada a riaperture più ampie anche se le mutazioni del coronavirus in tutto il mondo rendono il lancio più urgente.

“Dovrebbe esserci un vento favorevole alle spalle dell’economia”, ha detto Julia Pollak, economista del lavoro presso il sito di lavoro online ZipRecruiter. “Avremo bisogno di tutti i venti favorevoli che possiamo ottenere.”

Ma il rallentamento invernale potrebbe lasciare ferite durevoli. Sebbene l’economia abbia riguadagnato più della metà dei 22 milioni di posti di lavoro persi la scorsa primavera, milioni di persone sono state disoccupate per un lungo periodo, rendendo potenzialmente più difficile rientrare nel mondo del lavoro, o non sono più classificate come disoccupate perché hanno smesso di cercare per un lavoro.

“È difficile su base mensile vedere realmente quali saranno gli impatti a lungo termine”, ha affermato Daniel Zhao, economista del sito per la carriera Glassdoor. “Ma certamente lo sfregio economico a lungo termine è qualcosa che è una grande preoccupazione per la ripresa”.

#Leconomia #statunitense #aggiunto #posti #lavoro #gennaio #risultato #debole #dopo #unondata #virus

Informazioni sull\'autore del post

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *