Mancano i piani statali per distribuire il vaccino contro il coronavirus: soldi per farlo

Visualizzazioni: 19
0 0
Tempo per leggere:2 Minuto, 34 Secondo

Anche i requisiti di tenuta dei registri saranno un compito travolgente, hanno detto i funzionari. Il CDC vuole monitorare, in tempo reale, l’età, il sesso, la razza e l’etnia di tutti coloro che vengono vaccinati – gli stati di solito forniscono tali dati trimestralmente, nella migliore delle ipotesi – in modo da poter analizzare quanto bene sta andando la campagna di vaccinazione tra i diversi gruppi demografici giorno di giorno e apportare modifiche se determinate popolazioni o regioni hanno tassi di vaccinazione bassi. Il CDC, che tiene frequenti chiamate di pianificazione con funzionari sanitari statali e locali, sta ancora lavorando per convincere gli stati a consegnare i dati personali dei loro cittadini. Nel suo accordo sull’utilizzo dei dati con gli stati, l’agenzia ha richiesto il nome, la data di nascita, l’indirizzo, la razza, l’etnia e una storia medica di ciascun destinatario del vaccino.

“Gli Stati non hanno mai dovuto riferirlo al governo federale”, ha detto JT Lane, il responsabile della salute e dell’innovazione della popolazione dell’Associazione dei funzionari sanitari statali e territoriali, aggiungendo che la sua organizzazione stava cercando chiarezza su come esattamente le informazioni sarebbero state utilizzate . In particolare, i membri dell’organizzazione temono che le informazioni possano essere utilizzate dall’immigrazione e dall’autorità doganale per rintracciare gli immigrati privi di documenti.

Non appena la FDA approva un vaccino, il CDC Comitato consultivo sulle pratiche di immunizzazione si riunirà per emettere raccomandazioni, già in lavorazione, su come distribuirlo. Quasi certamente dirà che gli operatori sanitari dovrebbero essere il gruppo con la massima priorità per la vaccinazione, seguiti dai lavoratori dei servizi essenziali, dalle persone con condizioni mediche ad alto rischio e da quelli di età superiore ai 65 anni.

Ma agli stati sarà concessa flessibilità all’interno di queste linee guida; Maryland, ad esempio, prevede di includere le sue popolazioni carcerarie e carcerarie nel suo gruppo prioritario “Fase 1”. I funzionari statali devono anche capire su chi concentrarsi all’interno delle popolazioni prioritarie se ricevono meno vaccini del necessario.

Durante la riunione del comitato consultivo del CDC il mese scorso, alcuni membri hanno affermato di voler garantire che le informazioni su eventuali problemi di sicurezza siano rese pubbliche rapidamente. Il Dipartimento della salute e dei servizi umani ha affermato che il suo obiettivo è iniziare a spedire un vaccino entro un giorno dall’autorizzazione della FDA. Fino ad ora, la FDA e il CDC hanno mantenuto un sistema di dati per i pazienti o gli operatori sanitari per segnalare reazioni negative ai vaccini. Hanno in programma di integrare quel sistema con uno strumento basato su smartphone che controlla le persone che sono state vaccinate per vedere se hanno avuto problemi di salute.

Il gruppo consultivo CDC ha anche sottolineato l’importanza di una campagna per persuadere il pubblico a prendere il vaccino, osservando che i messaggi sarebbero probabilmente più efficaci se provenissero dai leader della comunità che dal governo federale. Carolina del Nord afferma che la sua campagna utilizzerà “foto, video e testimonianze personali di celebrità, leader di popolazioni storicamente emarginate e altri messaggeri fidati che ricevono il vaccino come primi utilizzatori”.

#Mancano #piani #statali #distribuire #vaccino #contro #coronavirus #soldi #farlo

Informazioni sull\'autore del post

admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *