Porter Wright smette di rappresentare la campagna Trump in Pennsylvania Suit

Visualizzazioni: 9
0 0
Tempo per leggere:1 Minuto, 46 Secondo

Porter Wright Morris & Arthur, lo studio legale che guida gli sforzi della campagna di Trump per mettere in dubbio i risultati delle elezioni presidenziali in Pennsylvania, si è improvvisamente ritirato da una causa federale che aveva presentato giorni prima per conto del presidente Trump.

“I querelanti e Porter Wright hanno raggiunto un accordo reciproco che i querelanti saranno meglio serviti se Porter Wright si ritira”, ha detto lo studio legale in un deposito del tribunale federale.

Seguì il ritiro dell’azienda un articolo sul New York Times lunedì ha descritto le tensioni interne all’azienda riguardo al suo lavoro per la campagna di Trump in Pennsylvania. Alcuni dipendenti hanno affermato di essere preoccupati che l’azienda venisse utilizzata per minare l’integrità del processo elettorale. Un avvocato di Porter Wright si è dimesso per protesta durante l’estate.

Porter Wright, con sede a Columbus, Ohio, ha ricevuto almeno 727.000 dollari di tasse dalla campagna Trump e dal Comitato Nazionale Repubblicano, secondo divulgazioni sulle elezioni federali.

Lo studio legale lunedì ha intentato una causa presso il tribunale distrettuale federale per il distretto centrale della Pennsylvania per conto della campagna Trump. La causa, in corso, ha affermato che c’erano “irregolarità” nel voto presidenziale in tutto lo stato, che il presidente eletto Joseph R. Biden Jr. vinto con più di 50.000 voti.

Il Comitato Nazionale Democratico ha presentato una mozione per archiviare la causa.

In precedenza, Porter Wright aveva intentato una serie di altre azioni nei tribunali della Pennsylvania che contestavano aspetti del processo di voto dello stato. Non è chiaro se l’azienda continuerà a rappresentare la campagna di Trump su questi casi. Un rappresentante di Porter Wright non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento venerdì.

Mercoledì, Porter Wright ha rilasciato una dichiarazione sottolineando la sua “lunga storia di lavoro sulla legge elettorale durante il quale abbiamo rappresentato campagne e questioni democratiche, repubblicane e indipendenti”.

“A volte, questo ci richiede di affrontare casi controversi”, afferma la dichiarazione. “Ci aspettiamo critiche in questi casi e affermiamo il diritto di tutti gli individui di esprimere preoccupazione e disaccordo”.

Alan Feuer ha contribuito alla segnalazione.

#Porter #Wright #smette #rappresentare #campagna #Trump #Pennsylvania #Suit

Informazioni sull\'autore del post

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *