Powell si concentra sulle necessità in momenti delicati nei mercati e nella politica

Visualizzazioni: 4
0 0
Tempo per leggere:6 Minuto, 4 Secondo

L’economia americana è lungi dall’essere guarita e la Federal Reserve non ha fretta di ridurre il suo sostegno, ha detto ai legislatori Jerome H. Powell, presidente della banca centrale, durante un’udienza attentamente seguita martedì.

È un promessa che il signor Powell ha fatto molte volte negli ultimi 11 mesi, ma martedì si è verificato in un contesto teso: mentre i democratici cercano di spostare un pacchetto di aiuti da $ 1,9 trilioni attraverso il Congresso, i repubblicani sostengono che è troppo grande e potrebbe portare a un’inflazione che danneggerebbe i consumatori e le imprese. Anche i mercati hanno iniziato a tremare, poiché gli investitori temono che un surriscaldamento dell’economia indurrà la Fed a ritirare i suoi sforzi per sostenere la crescita.

Parlando davanti al Comitato bancario del Senato, il signor Powell ha rifiutato di intervenire sul I piani di spesa dell’amministrazione Biden ma respinto l’idea sollevata da più senatori repubblicani che l’economia è sul punto di diventare troppo calda. L’economia è in calo di quasi 10 milioni di posti di lavoro dallo scorso febbraio, l’inflazione è stata troppo bassa piuttosto che troppo alta negli ultimi decenni e le prospettive di una rapida ripresa, anche se più luminose, rimangono tutt’altro che assicurate, ha affermato.

“La ripresa economica rimane irregolare e lungi dall’essere completa, e il percorso da seguire è altamente incerto”, ha detto Powell. “C’è una lunga strada da percorrere.”

La Fed prevede di mantenere i tassi di interesse vicini allo zero, dove sono stati da marzo, pur continuando ad acquistare obbligazioni garantite dal governo a un ritmo di $ 120 miliardi al mese in attesa che l’economia guarisca. Gli investitori sono cresciuti preoccupati che la Fed possa rallentare gli acquisti di obbligazioni prima o poi se l’inflazione inizia a salire.

Questa preoccupazione sta contribuendo a far salire i tassi di interesse sul debito pubblico a lungo termine; sono saliti al loro punto più alto in un anno questa settimana. Questi tassi sono la base per i prestiti e i mutui societari e il loro aumento ha anche messo in crisi i mercati azionari.

Ma martedì, il signor Powell ha ribadito che la Fed prevede di continuare ad acquistare obbligazioni fino a quando non vedrà “ulteriori progressi sostanziali” verso i suoi doppi obiettivi di piena occupazione e inflazione stabile. L’America può “aspettarsi che ci muoviamo con attenzione e pazienza e con molto preavviso” quando si tratta di rallentare tale supporto, ha detto il signor Powell.

La rassicurazione sembrava aiutare. L’S & P 500 ha chiuso in rialzo martedì, riprendendosi da una perdita di quasi il 2% all’inizio della giornata e interrompendo una serie di sconfitte di una settimana.

“Siamo in uno di questi momenti di mania del mercato, in cui c’è un’intensa attenzione all’inflazione” e “era molto ottimista, molto calmo”, ha detto Julia Coronado, fondatrice di MacroPolicy Perspectives ed ex economista della Fed. “Ha continuato a rivolgere l’attenzione al mercato del lavoro”.

La disoccupazione è diminuita drasticamente dopo l’aumento dell’anno scorso, ma il tasso di disoccupazione ufficiale rimane quasi il doppio rispetto al livello di febbraio 2020. E le perdite di posti di lavoro sono state più acute per i membri delle minoranze e per quelli con meno istruzione. Sebbene la spesa sia ripresa, l’attività nel settore dei servizi è ancora moderata.

I vaccini alimentano le speranze di una ripresa più forte e completa per il 2021. I prezzi dovrebbero aumentare temporaneamente nei prossimi mesi, sia rispetto alle letture deboli dello scorso anno sia, potenzialmente, poiché i consumatori spendono i risparmi accumulati durante il blocco delle cene al ristorante e delle vacanze.

Ma i funzionari della Fed sono stati chiari sul fatto che non si aspettano che l’inflazione aumenti in modo duraturo e che intendono guardare oltre gli aumenti temporanei quando pensano alle loro politiche. Le pressioni sui prezzi sono state ostinatamente tiepido, piuttosto che troppo alto, per decenni e in molte economie avanzate.

Il signor Powell ha detto martedì che le tendenze dell’inflazione di più lunga durata non “cambiano in un attimo” e che se i prezzi iniziano a salire in modo allarmante, la Fed ha gli strumenti per combatterlo.

“Non mi aspetto davvero che saremo in una situazione in cui l’inflazione sale a livelli preoccupanti”, ha detto Powell. “Questo non è un problema per questa volta, per quanto posso immaginare.”

Ha anche respinto l’idea che la spesa pubblica sia pronta a mandare i prezzi fuori controllo.

“Forse una volta c’era una forte connessione tra deficit di bilancio e inflazione – non c’è stata davvero ultimamente”, ha detto Powell. Ha notato che mentre si aspetta che l’inflazione aumenti nei prossimi mesi, c’è una distinzione tra un temporaneo aumento dei prezzi e un aumento sostenuto.

Tuttavia, ha rifiutato di valutare quanto più sostegno del governo sia appropriato.

“Io, oggi, starò davvero lontano dalla politica fiscale”, ha detto all’inizio dell’udienza. Ha continuato a girare in punta di piedi o semplicemente a rifiutarsi di rispondere a domande sul salario minimo, l’entità e le varie componenti della proposta di spesa della Casa Bianca. A un certo punto, gli è stato chiesto se sarebbe stato “cool” nel far passare il conto di spesa o meno.

“Penso che essendo cool o non cool, dovrei esprimere un’opinione”, ha detto Powell.

La Fed è politicamente indipendente e si allontana dalle questioni di parte, ma lo è stata fornire consulenza ai responsabili politici del Congresso e pesando disparità socioeconomiche e rischi finanziari legati al cambiamento climatico nell’ultimo anno. Parte di quella franchezza ha attirato l’attenzione dei repubblicani.

Il senatore Patrick J. Toomey, repubblicano della Pennsylvania, ha avvertito martedì che la banca centrale dovrebbe evitare di andare oltre i suoi compiti fondamentali.

“Per quanto nobili possano essere gli obiettivi, questioni come il cambiamento climatico e la disuguaglianza razziale semplicemente non sono di competenza della nostra banca centrale”, ha detto Toomey.

Il signor Powell ha parlato di come i mercati del lavoro forti aiutano le persone ai margini – coloro che non sono formati o quelli con precedenti penali – ad avere successo. Ha chiarito che la banca centrale spera di tornare a un mercato del lavoro forte, come quello che ha preceduto la pandemia.

Gli acquisti di obbligazioni della Fed possono aiutare a rafforzare l’economia abbassando i tassi di interesse a più lungo termine e spingendo gli investitori ad abbandonare attività più sicure, come i titoli di stato, ad azioni e ad altri usi più attivi della loro liquidità.

Il signor Powell ha detto che l’economia negli ultimi tre mesi non ha “davvero fatto” i progressi sostanziali che la Fed sta cercando come precondizione per rallentare i suoi acquisti, poiché i guadagni di lavoro sono rallentati. Ma ha detto che c’è un’aspettativa che i progressi dovrebbero “riprendere con la diminuzione della pandemia”.

Quando si tratta del tasso di interesse principale della Fed, il tasso sui fondi federali, che aiuta a guidare i costi dei prestiti in tutta l’economia, Powell ha anche adottato un tono cauto. La Fed vuole raggiungere la piena occupazione, raggiungere il 2% di inflazione e crede che l’economia sia sulla buona strada per guadagni di prezzo ancora più rapidi prima di aumentare quel tasso.

“In questo momento, il nostro obiettivo è fornire all’economia il supporto di cui ha bisogno”, ha detto Powell a un certo punto, riassumendo il suo messaggio.

Matt Phillips ha contribuito alla segnalazione.

#Powell #concentra #sulle #necessità #momenti #delicati #nei #mercati #nella #politica

Informazioni sull\'autore del post

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *