Una nuova destinazione artistica vicino a Marfa prende forma

Visualizzazioni: 3
0 0
Tempo per leggere:1 Minuto, 37 Secondo

Marfa, in Texas, è stata a lungo un’escursione per i fan del minimalismo dell’artista Donald Judd. La città ospita il Fondazione Judd, che conserva gli spazi di vita e di lavoro di Judd, e la Chinati Foundation, un museo privato creato dall’artista.

Ma nell’ultimo anno, Michael Phelan – un artista contemporaneo che vive a Marfa a tempo pieno dal 2014 – ha pianificato in silenzio un’altra destinazione a pochi chilometri da entrambi i siti: Marfa Invitational, una fondazione artistica e culturale interdisciplinare aperta tutto l’anno, avviata cinque acri di alto deserto. Mentre dovrebbe essere completato questo autunno, le persone che partecipano alla sua fiera d’arte (precedentemente nota come Marfa Invitational) ad aprile possono visitare una mostra inaugurale del artista JPW3 (J. Patrick Walsh) nel nuovo sito.

Phelan ha progettato un paio di padiglioni espositivi identici, realizzati in acciaio prefabbricato, per un totale di 15.000 piedi quadrati, ciascuno con 150 piedi di porte avvolgibili in alluminio e vetro per un’esperienza all’aria aperta. I pezzi dell’edificio sono in fase di fabbricazione a El Paso e saranno assemblati e costruiti a Marfa sul sito della fondazione. Sebbene preveggenti, i piani furono concepiti pre-pandemia.

Gli edifici ospiteranno una varietà di programmi, come arte visiva e installazioni scultoree, nonché conferenze, spettacoli, film e sfilate di moda.

Phelan ha fondato il Marfa Invitational, un piccolo gruppo di addetti ai lavori fiera d’arte – nel 2019. È stata cancellata due volte nel 2020 a causa della pandemia, ma tornerà ad aprile e sarà conosciuta semplicemente come Invitational.

La sua missione per la destinazione per tutto l’anno è “presentare un incontro molto intimo”, ha detto Phelan. Prevede decine di migliaia di visitatori nella nuova sede nel suo primo anno.

Con una popolazione inferiore a 2.000, la città ha un numero limitato di affitti di hotel e Airbnb. “Una delle bellezze dell’infrastruttura” a Marfa, ha aggiunto, è che controlla le presenze “visto il limite degli alloggi”.

#Una #nuova #destinazione #artistica #vicino #Marfa #prende #forma

Informazioni sull\'autore del post

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *