Cervello in quarantena: una guida all’autodiagnostica

Visualizzazioni: 6
0 0
Tempo per leggere:2 Minuto, 47 Secondo

La tua mente si sente un po ‘molle dopo mesi di isolamento senza fine, tempo sullo schermo e documentazione ossessiva della crescita delle tue piante da appartamento? Bene, non temere! È probabile che tu stia solo vivendo una condizione temporanea e altamente non ufficiale nota come Quarantine Brain. Controlla questa guida per vedere se mostri uno o più dei seguenti sintomi. *

  • Hai messo più pensiero ed energia nel capire cosa mangiare per cena rispetto a quando hai pianificato il tuo matrimonio di duecento persone.

  • Hai attraversato una fase in cui ti riferivi al tuo doomscrolling quotidiano come “tenere l’orario d’ufficio”, nonostante il fatto che lo scorrimento di solito non avvenisse in un ufficio ma in bagno, e hai anche smesso di tenere traccia delle ore a settembre.

  • Tocca elementi che non sono il tuo telefono nel tentativo di riattivare i loro schermi e controllare le notifiche. Questi articoli potrebbero includere, a titolo esemplificativo ma non esaustivo, telecomandi televisivi, barre per la colazione e fronte dei bambini.

  • Ti ritrovi a litigare inutilmente con il tuo nuovo coinquilino, che è una lampada da terra alta e sinuosa di nome Clarence.

  • Stai facendo una chiamata Zoom con la tua famiglia allargata e all’improvviso dimentichi il nome di battesimo del marito di tuo cugino, nonostante lo conosci da sei anni e sei stato in vacanza insieme la scorsa estate. Vai sul sicuro chiamandolo “tizio” per un’ora, poi fingi che la tua connessione Internet cada quando tua zia inizia a sembrare sospettosa.

  • Apri il frigorifero per afferrare un frutto, ma all’improvviso ricordi che il contenuto nutrizionale di una fetta di pizza fredda è più o meno lo stesso. Dopo tutto, cosa sono i peperoni se non mele piccole, piatte e unte?

  • Prendi il telefono per richiamare tuo padre, ma finisci per sfogliare Instagram di Martha Stewart fino a raggiungere il suo famigerato selfie in piscina. Dimentichi per un attimo che hai persino un padre.

  • Puoi rispondere solo a cinque degli indizi nel cruciverba quotidiano. Normalmente, ne ottieni sei. Oh, aspetta, questo è Sudoku.

  • Torni a casa dopo aver preso a prendere tuo figlio dall’asilo. Quando si toglie la maschera, ti rendi conto che non hai preso in braccio tuo figlio ma, piuttosto, il suo migliore amico, Edwin. (Se questo è il tuo caso, smetti di leggere e restituisci immediatamente Edwin. Sua madre lo sta cercando!)

  • Stai preparando un cocktail basato su una ricetta che hai trovato sul sito Web di Martha Stewart, che hai visitato dopo aver raggiunto la fine del suo feed Instagram. Perdi se hai già aggiunto l’oncia e mezza di vodka richiesta, quindi aggiungi altra vodka, solo per sicurezza. Un’ora dopo, concludi di averlo già aggiunto, mentre fai il valzer nel tuo soggiorno con il tuo golden retriever. (No, Clarence, non puoi intervenire! Uffa, stupido Clarence.)

  • Chiami il tuo capo “mamma” durante una teleconferenza. Non solo non è tua madre, ma è molto più giovane di te. Questo ti ricorda anche che non hai ancora richiamato tuo padre.

  • Non puoi superare il primo capitolo del tuo libro perché stai scorrendo la pagina con il dito invece di girarla. Ma, ehi, è quello che ottieni provando a leggere un libro, come un vecchio strambo.

  • Andrea! È il suo nome! Andrea.

* Questi sintomi non sono ancora approvati da Fauci, ma solo perché non risponderà ai miei DM.

#Cervello #quarantena #una #guida #allautodiagnostica

Informazioni sull\'autore del post

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *