Il danno a lungo termine delle bugie antidemocratiche di Trump

Visualizzazioni: 19
0 0
Tempo per leggere:7 Minuto, 13 Secondo

Dieci giorni dopo le elezioni, Donald Trump è ancora aggirarsi furtivamente per la Casa Bianca, sostenendo che lo era imbrogliato. Questo non dovrebbe sorprendere nessuno che lo abbia visto durante la campagna. Ha ripetutamente affermato che il voto sarebbe stato fraudolento e, a un certo punto, ha suggerito di ritardare il giorno delle elezioni. A ottobre, Bright Line Watch, un’organizzazione di monitoraggio creata nel 2017 per monitorare le minacce di Trump alla democrazia statunitense, ha intervistato centinaia di scienziati politici sulle loro aspettative per le elezioni e le sue conseguenze. Molti degli intervistati previsto che Trump avrebbe dichiarato la vittoria nella fase iniziale, avrebbe attaccato il “passaggio blu” causato dal conteggio tardivo dei voti per corrispondenza e si sarebbe rifiutato di concedere.

Questo è esattamente quello che è successo, ovviamente. Trump ha anche autorizzato un esercito di avvocati a sollevare accuse di frode degli elettori. Procuratore generale Bill Barr, ha rotto con il precedente del Dipartimento di Giustizia ordinato i suoi subalterni per indagare su eventuali accuse di irregolarità che sono “chiare e apparentemente credibili”. Poiché la stragrande maggioranza dei repubblicani eletti non è riuscita a denunciare questi sviluppi allarmanti, alcuni commentatori si sono spinti al punto di suggerire che Trump e i suoi amici stanno cercando di organizzare un colpo di stato.

Giovedì ho parlato con Brendan Nyhan, uno scienziato politico di Dartmouth che è stato uno dei fondatori di Bright Line Watch, e gli ho chiesto se si fosse iscritto alla tesi del colpo di stato. “Penso che sia sbagliato”, disse Nyhan. “Quello che vorrei sottolineare è precisamente ciò di cui abbiamo parlato praticamente tutto il tempo: la preoccupazione è l’erosione democratica”. L’erosione democratica non è qualcosa da minimizzare o da prendere alla leggera. Si riferisce al graduale indebolimento delle norme democratiche e delle istituzioni democratiche, che alla fine può rivelarsi fatale per la democrazia, ed è qualcosa su cui Nyhan e altri scienziati politici hanno lanciato avvertimenti da poco dopo l’elezione di Trump. “L’erosione democratica avviene in un processo lento e frammentario”, ha detto Nyhan. “Joe Biden quasi certamente continuerà a prestare giuramento come presidente, ma l’erosione democratica può ancora avvenire. . . . Il trasferimento pacifico del potere è il fulcro della democrazia “.

Scrivendo a Washington Inviare all’inizio di questa settimana, Erica De Bruin, politologa dell’Hamilton College, autrice del libro “Come prevenire i colpi di stato, “Ha avanzato un argomento simile. Sebbene le misure che Trump e funzionari repubblicani hanno preso per minare le elezioni “sono enormemente dannose, non costituiscono un colpo di stato”, De Bruin scrive. Il vero pericolo, sostiene, è che i repubblicani “stiano violando le norme su cui facciamo affidamento per garantire trasferimenti pacifici di potere, minando la fiducia nel nostro processo elettorale e trasmettendo ai loro sostenitori la nozione velenosa che i democratici, di regola, non possono mai vincere il potere. legittimamente. “

Anche se sembra probabile che Trump alla fine accetterà di non poter rimanere in carica, nessuno dovrebbe sottovalutare il danno che sta facendo e i pericoli che sta alimentando. Facendo ripetutamente affermazioni infondate sulle elezioni, sta creando una falsa narrativa, che, negli anni a venire, potrebbe benissimo diventare una versione trumpiana della leggenda della “pugnalata alle spalle” che alcuni generali tedeschi hanno promulgato dopo il Primo Mondo. Guerra. Secondo quella narrativa priva di fondamento, che molti estremisti di destra, compreso Hitler, si sono successivamente impadroniti di minare la fragile Repubblica di Weimar, i soldati tedeschi non hanno perso la Grande Guerra sul campo di battaglia: sono stati traditi dai politici civili.

Nella narrativa altrettanto fittizia di Trump, non ha perso le elezioni: i suoi avversari l’hanno rubata inserendo schede per corrispondenza, buttando fuori voti Trump e impegnandosi in altre tattiche nefaste. Giovedì, Trump twittato su una storia completamente infondata dal pro-Trump One America News Network, che ha affermato che il software fornito ai governi locali dalla società tecnologica Dominion Voting Systems ha cancellato 2,7 milioni di voti Trump a livello nazionale. (“Non ci sono prove che un sistema di voto abbia cancellato o perso voti, cambiato voti o sia stato in qualche modo compromesso”, ha affermato in una dichiarazione la Cybersecurity and Infrastructure Security Agency, che sovrintende alla sicurezza elettorale. “Le elezioni del 3 novembre sono state più sicuro nella storia americana. “)

Sebbene Trump abbia ampliato il suo progetto sulla falsa storia dalle elezioni, parte del lavoro fondamentale per esso è stato fatto prima dell’inizio della campagna del 2020, ed era tutt’altro che l’unico responsabile. Per più di un decennio, i repubblicani intenti a sopprimere il voto di minoranza hanno fatto false affermazioni sulla frode degli elettori. Trump ha raccolto e amplificato queste affermazioni. A una manifestazione, a settembre, lui detto i suoi sostenitori: “È un’elezione truccata. È l’unico modo in cui perderemo. “

Alla vigilia delle elezioni, dopo quasi quattro anni di esposizione al Presidente e ai media e agli account sui social media che lo supportano, i sostenitori di Trump hanno già sottoscritto una versione controfattuale della realtà. Un sondaggio condotto da Bright Light Watch a ottobre ha rilevato che il settantotto per cento degli intervistati che approvava Trump credeva che il voto alle elezioni statunitensi da parte di non cittadini fosse comune e il settantotto per cento dei sostenitori di Trump credeva che ci fosse un diffuso furto di o manomettere le schede elettorali. Le dichiarazioni di Trump dopo le elezioni si sono aggiunte alla disinformazione. Un politico e un consulto mattutino sondaggio pubblicato all’inizio di questa settimana ha rilevato che il settanta per cento dei repubblicani ora afferma di non credere che le elezioni siano state libere ed eque. Che molti repubblicani la pensino davvero in questo modo è irrilevante. Dare falsa testimonianza a cose che non sono vere è un rito di passaggio in molti gruppi estremisti, e il GOP di oggi dominato da Trump si qualifica certamente come tale. Il fallimento di molti leader repubblicani nel ripudiare le false affermazioni di Trump è forse la cosa più allarmante accaduta dal 3 novembre. “Dipendiamo dall’affermazione bipartisan dei risultati per aiutare i perdenti ad accettare la legittimità delle elezioni”, ha detto Nyhan. “Invece, stiamo vedendo il contrario.”

In definitiva, la falsa storia di Trump potrebbe rivelarsi più insidiosa e duratura di un vero e proprio tentativo di colpo di stato. Se domani dovesse annunciare che intende rimanere in carica e ordinare all’esercito americano di riconoscerlo come legittimo presidente, sembra altamente improbabile che i generali prestino ascolto alla sua chiamata, nonostante abbia appena licenziato il Segretario alla Difesa. e ha nominato nuovi leader civili al Pentagono. Con ogni probabilità, qualsiasi tentativo di usurpare la Costituzione sarebbe finito rapidamente e Trump potrebbe finire per essere accusato di tradimento. Affermando che i Democratici gli hanno rubato le elezioni e che i media mainstream sono stati d’accordo, sta creando qualcosa di più durevole: un grido di battaglia per i suoi sostenitori più veementi e un mito fondamentale per le future reclute del Trumpismo.

Alcuni dei sostenitori di Trump dell’alt-right stanno organizzando una manifestazione “Stop the Steal” a Washington, sabato. Secondo un Washington Inviare storia , quelli che intendono partecipare includono Alex Jones, il teorico della cospirazione di Infowars, ed Enrique Tarrio, presidente dei Proud Boys. Con le manifestazioni anti-Trump previste anche per lo stesso giorno, è possibile che ci saranno violenti scontri tra i manifestanti rivali. Quest’estate, Trump applaudito suoi sostenitori, che sono entrati a Portland con camioncini e hanno sparato paintball e pistole a pallini contro i manifestanti di Black Lives Matter. Sembra improbabile che rimanga tranquillo questo fine settimana.

Con Axios e Washington Inviare riferendo che Trump ha detto agli associati che correrà di nuovo nel 2024, potrebbero esserci altri quattro anni di manifestazioni e false affermazioni che è stata commessa una grande ingiustizia. “È facile immaginare Trump e i media conservatori mantenere questa affermazione fino al 2024 e negare la legittimità della Presidenza Biden”, mi ha detto Nyhan. “Per essere chiari, probabilmente sarà un gruppo relativamente piccolo di americani che crede alle versioni più estreme di quelle affermazioni. Ma è particolarmente importante per il modo in cui funzionano il Partito Repubblicano e l’universo dei media conservatori. Quel gruppo relativamente piccolo può distorcere le azioni delle élite e fare molti danni “.

Trump sta anche creando un precedente, e molto brutto. Fino a quest’anno, sarebbe stato impensabile per un presidente degli Stati Uniti in carica rifiutarsi di concedere una sconfitta dopo essere stato chiaramente sconfitto alle elezioni. Nei duecentoquarantatré anni di storia del paese, una cosa del genere non è mai accaduta. Ora che è successo, cosa succederà se qualche futura elezione sarà notevolmente più vicina? “Potremmo avere leader con inclinazioni autoritarie che sono più competenti di Trump”, ha osservato Nyhan.


Ulteriori informazioni sulle elezioni del 2020

#danno #lungo #termine #delle #bugie #antidemocratiche #Trump

Informazioni sull\'autore del post

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *