Lettura della domenica: gli Oscar del 2021

Visualizzazioni: 7
0 0
Tempo per leggere:2 Minuto, 14 Secondo
Fotografia di Andrew H. Walker / Getty

In un altro momento, i grandi di Hollywood hanno consegnato gli Academy Awards in una cerimonia priva di politica e dell’oscurità soffocante di un’emergenza nazionale. Giorni allegri. Lo spettacolo di questo fine settimana arriva dopo un anno di COVID-19 e almeno mezzo decennio in cui voci sia all’interno che ben oltre Hollywood hanno chiesto una maggiore diversità sullo schermo, dietro la telecamera e, in definitiva, nella consegna dei premi stessi. L’elenco delle nomination di quest’anno sembra riflettere quel cambiamento, con la nomina senza precedenti (e molto tardiva) di due registe donne, così come le nomination per i film che trattano di razza, genere e esperienza degli immigrati.

Altro dall’archivio

Iscriviti a Classics, una newsletter bisettimanale con pezzi notevoli del passato.

Questa settimana vi presentiamo una selezione di brani sui candidati di quest’anno. In “Economic Ruthlessness on the Open Road in ‘Nomadland'”, Anthony Lane esplora il film inquietante di Chloé Zhao (nominato per sei Oscar) su una donna che viaggia attraverso il West americano dopo la morte del marito e la perdita della sua casa. Richard Brody recensisce il racconto di immigrati di Lee Isaac Chung, “Minari” (nominato per sei premi), e, su The New Yorker Radio Hour, offre la sua analisi delle migliori performance dell’anno passato e conferisce i suoi Brody Awards annuali. Carmen Maria Machado considera la complessità morale del debutto alla regia di Emerald Fennell, “Promising Young Woman” (candidata a cinque premi), ed esamina la discendenza delle protagoniste di film femminili che cercano vendetta dopo la violenza sessuale. Infine, in “Shaka King Grapples with Hollywood and History”, Jelani Cobb parla con il regista di “Judas and the Black Messiah” (nominato per sei premi) sulla razza nell’industria cinematografica e sulla vita e l’omicidio di Fred Hampton, il nero Leader della pantera e attivista per i diritti civili. Ci vediamo davanti allo schermo.

—David Remnick


Illustrazione di Steffi Walthall

In una storia quasi vera di americani anziani che vivono nei loro furgoni, Frances McDormand interpreta una donna che è allo stesso tempo spirito libero e rifugiata del mercato del lavoro.


UN Newyorkese Il critico sceglie i migliori film e spettacoli del 2020, secondo lui.


Fotografia di Terrance Purdy, Jr., per The New Yorker

Il regista di “Judas and the Black Messiah” parla di ciò che deve al Black Panther Party e ai cineasti neri che lo hanno preceduto.


Fotografia per gentile concessione di Focus Features

Il tortuoso thriller capovolge i tropi più familiari di un genere oscuro, raccontando la storia di un lungo dopoguerra e il senso di colpa condiviso da chi detiene il potere.


La narrazione convenzionale oscura le osservazioni a grana fine nel dramma quasi autobiografico di Lee Isaac Chung.

#Lettura #della #domenica #gli #Oscar #del

Informazioni sull\'autore del post

admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *