Mario González vuole ancora sapere perché la polizia lo ha trattenuto dopo la sparatoria ad Atlanta

Visualizzazioni: 5
0 0
Tempo per leggere:7 Minuto, 24 Secondo
Mario González e Delaina Ashley Yuan.Fotografia per gentile concessione di Mario González

Mario González ha incontrato Delaina Ashley Yaun su Facebook due anni fa. Entrambi vivevano a nord di Atlanta. González si era trasferito lì dal Messico circa due decenni prima e stava pensando di tornare. Da quando era arrivato negli Stati Uniti, entrambi i suoi genitori erano morti a casa. Andare avanti come giardiniere e paesaggista sembrava sempre più insostenibile. Aveva trentasette anni; Yaun aveva trentuno anni. “Pensavo che sarei finito da solo”, mi ha detto di recente, in spagnolo. “Non avevo mai avuto una ragazza seria prima di lei. Era diverso con lei. ” Al loro primo appuntamento, sono andati a pattinare sul ghiaccio con il figlio dodicenne di Yaun. “È stato bellissimo”, ha detto González. “Abbiamo parlato. Abbiamo continuato a parlare. Ha parlato con la verità. ” Sono usciti, ha detto, finché lei non ha accettato di essere la sua ragazza.

Un mese dopo, Yaun chiese a González di vivere con lei nella casa che condivideva con sua madre, suo figlio e sua nipote. Lavorava in una vicina Waffle House. A casa, ha iniziato a cucinare cibo messicano. “Una volta eravamo al negozio e ha preso un barattolo di Doña María Mole, e le ho chiesto cosa ci facesse con quello”, ha ricordato González. “Era tipo, ‘So cucinare. So cucinare.’ “Mi ha detto,” Lei cucinava come un vero messicano. Non ho idea di come abbia imparato a farlo “, aggiungendo:” Non parlava bene lo spagnolo, ma ci siamo capiti “. Hanno iniziato a parlare di avere figli.

Yaun ha lavorato il turno mattutino. La sua sveglia è suonata alle 5 AM., e González sarebbe andato con lei alla Waffle House, dove sarebbe rimasto fino al momento di incontrare il suo passaggio, in un vicino QuikTrip. Yaun rimase incinta e decisero di sposarsi dopo la nascita del bambino, una figlia. “Non voleva sposarsi mentre era incinta e con la pancia in mostra”, mi ha detto González. Era il più felice che fosse mai stato, disse, anche se i conti cominciavano ad accumularsi. “Non abbiamo guadagnato abbastanza”, ha detto. Yaun gli disse che voleva iniziare a fare i doppi turni. “Le ho detto che era troppo lavoro”, ha detto González. “Non si è mai presa giorni di ferie.” Anche se avevano pochi soldi, diceva González, Yaun aiutava sempre le persone; ha rifiutato le mance degli amici e ha fatto di tutto per assistere gli estranei le cui auto avevano esaurito il gas sul lato della strada, dando loro un passaggio alla stazione e offrendosi persino di pagare il carburante. “Era sempre così.” Jessie Rodriguez, una vecchia amica di Yaun, ha ricordato un giorno in cui le due donne hanno portato i loro figli da Chuck E. Cheese. Erano anni fa e Yaun non aveva molti soldi all’epoca. Tuttavia, ha insistito per pagare tutto per Rodriguez e sua figlia. “Continuava a dire: ‘Ho questo! Ci penso io!’ “Rodriguez mi ha detto.

Per il secondo anniversario del suo primo appuntamento con González, Yaun ebbe un’idea. “Il mio amore“, Si ricordò che lei aveva detto:” Tu lavori sei giorni alla settimana e io lavoro sei giorni alla settimana. Mi sento stanco. Mi fa male la schiena. Abbiamo bisogno di un massaggio. ” González poteva togliere il lavoro solo quando pioveva, quindi hanno scelto un giorno in cui la pioggia era prevista. Sopra Martedì 16 marzo, Yaun ha terminato il suo turno alla Waffle House alle 2 PM “Andiamo!” ha gridato quando è tornata a casa, eccitata per il loro appuntamento, ha detto González. Non aveva mai ricevuto un massaggio prima. Sulla strada per il massaggio asiatico di Young, ad Acworth, Yaun ha spiegato che potevano ricevere massaggi separatamente o insieme. “Qualunque cosa tu voglia”, le disse. “Sei il capo.” Ognuno di loro ha ricevuto un massaggio di un’ora, in stanze separate. “Stava per finire”, mi ha detto González, “quando ho sentito tre o quattro spari”.

Rita Barron lavora accanto al Young’s Asian Massage, presso Gabby’s Boutique. Come González, è originaria del Messico e lo conosceva un po ‘dal vicinato. Il 16 marzo, intorno alle 5 PM, due clienti stavano curiosando nel suo negozio quando uno scaffale di giacche lungo il muro che condivide con Young ha iniziato a tremare. “Non pensavo fosse uno sparo”, mi ha detto Barron. «Ho pensato, forse, che qualcosa fosse caduto. Qualcosa di pesante. ” Poi ha sentito delle urla e ha visto persone che correvano fuori. “Tre donne asiatiche”, ha detto. “C’era qualcosa che non andava in loro. Continuavano a urlare. ” Suo marito è uscito per cercare di parlare con loro. Parlavano poco inglese, ma lui distingueva le parole “uomo” e “pistola”. Barron ha chiamato i servizi di emergenza.

Per i sei anni in cui ha lavorato alla porta accanto, Barron ha visto un ampio spaccato di Atlanta entrare e uscire da Young’s Asian Massage. “Spagnolo, americano, nero. Tutti i tipi di persone “, ha detto. “Donne, uomini.” Barron conosceva il proprietario, Xiaojie Tan, di passaggio. “Era gentile”, ha detto Barron. “Una persona amichevole.” Tan, che era arrivato negli Stati Uniti dalla Cina, era solito organizzare le feste del 4 luglio e del capodanno lunare alle terme. Barron e suo figlio si erano fatti massaggiare in salotto. Barron conosceva González come cliente e Yaun per aver mangiato alla Waffle House. “Le ho parlato lunedì scorso di sua figlia”, mi ha detto Barron, riferendosi al giorno prima dell’omicidio. Ricordava Yaun che diceva: “Sta crescendo e sono felice, perché voglio un altro bambino”.

La massaggiatrice di González ha lasciato la stanza quando il tiro si fermò, mi disse, ma rimase dentro. Poi ha sentito un poliziotto che gli diceva di uscire con le mani sulla testa. I membri dell’ufficio dello sceriffo della contea di Cherokee erano arrivati ​​rapidamente sulla scena. “Ancora non sono uscito, non fino a quando l’agente di polizia è entrato nella mia stanza”, ha detto González. In piedi alla porta accanto, Barron è rimasta scioccata quando ha visto González in manette.

Uno degli agenti ha portato González a un’auto della polizia. All’interno, González ha cercato di mantenere la calma, sapendo che la polizia non aveva motivo di trattenerlo. Ma nessuno gli ha detto niente per ore. González ha ricordato: “Ho chiesto a uno degli agenti di polizia, che sembrava ispanico”,Primo, Ho bisogno di sapere. Mia moglie è dentro. È morta o è viva? “È stato ignorato, ha detto, fino a quando qualcuno non ha chiesto il suo nome e indirizzo. Dopo alcune ore di seduta nel parcheggio, vide sua cognata. “Si limitava a camminare su e giù e si inginocchiò a terra”, ricordò. “Io la conosco. Sapevo che era successo qualcosa di brutto. Ho subito pensato che mia moglie fosse morta. “

È rimasto solo in macchina per un’altra ora, poi un agente è tornato e gli ha tolto le manette, ma gli ha detto di restare. “Ogni volta che veniva, gli dicevo che volevo sapere di mia moglie”, ha detto González. “Mi hanno ignorato.” Era stato in macchina per circa quattro ore, ha detto, quando un agente gli ha afferrato la spalla, dicendo: “Sua moglie è morta”. González ha continuato: “Pensi che sia giusto? Ero molto arrabbiato. Penso che avessero già controllato le telecamere. ” Alle 6:37 PM, l’ufficio dello sceriffo della contea di Cherokee aveva pubblicato immagini su Facebook, riprese da una telecamera di sorveglianza, dell’indagato nel parcheggio. “Sapevano chi era l’assassino, quindi perché mi avevano in macchina? Penso che sia una questione di razzismo, perché lei “- sua moglie -” era bianca, un’americana “.

Il giorno successivo, González ha dato un colloquio davanti alla telecamera al notiziario in lingua spagnola Mundo Hispánico, descrivendo parte di ciò che era accaduto e mostrando segni di manette sui polsi. Il direttore delle comunicazioni della contea ha rifiutato di commentare, affermando che l’indagine sulle sparatorie “è aperta e in corso”.

Mercoledì scorso si sono svolti i funerali di Delaina Ashley Yaun. Sono venute molte persone, ha detto González, ma non voleva parlarne. “Questo è tutto”, ha detto giovedì. “Ora abbiamo solo problemi. Mia figlia non smetterà di dire “Mama, Mama, Mama” in questo momento. ” Ha due parenti di sangue negli Stati Uniti, ha detto, una nipote e un nipote, che hanno rispettivamente diciannove e vent’anni. Gli hanno detto che lo aiuteranno con il bambino, ha detto, e gli daranno un passaggio quando ne avrà bisogno, dal momento che González non ha la patente di guida. “Vedremo cosa succede”, ha detto. Yaun aveva intenzione di aiutarlo a ottenere un visto quest’anno, mi disse. Jessie Rodriguez, l’amica di Yaun, lo sta aiutando in questo ora. Ha detto che l’altro giorno gli aveva dato un passaggio e che, per strada, sua figlia stava chiedendo di sua madre. Lui ha risposto: “Yo soy tu mamá”, ha detto. “Ha dato tutto per me”, ha detto González di Yaun. “Sto per soffrire. Continuerò a soffrire. Non sarà lo stesso. Mi mancherà. “

#Mario #González #vuole #ancora #sapere #perché #polizia #trattenuto #dopo #sparatoria #Atlanta

Informazioni sull\'autore del post

admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *