Al Kentucky Derby, un fantino nero cerca un po ‘di storia

Visualizzazioni: 6
0 0
Tempo per leggere:7 Minuto, 8 Secondo

L’educazione di Kendrick Carmouche è iniziata quando era un ragazzino seduto accanto a suo padre mentre guidavano nella nebbia prima dell’alba attraverso la Louisiana sud-occidentale. Hanno parlato di equilibrio, ritmo e mani morbide. Hanno parlato di cavalli.

Sylvester Carmouche era un fantino. Una buona.

Ha vinto quasi 700 gare su circuiti di grande successo come il Fairgrounds di New Orleans e il Louisiana Downs vicino a Shreveport. Mentre Kendrick cresceva, tuttavia, i Carmouches erano vagabondi, viaggiando su sentieri di boscaglia tagliati dai campi di canna da zucchero e fronteggiati da honky-tonk con nomi come The Quarter Pole e Cajun Downs.

Sylvester Carmouche aveva perso la licenza per guidare sui circuiti sanzionati dopo aver eseguito un’audace e sconsiderata acrobazia durante una gara avvolta dalla nebbia. Ma Kendrick Carmouche – che sabato proverà a diventare il primo fantino nero in 119 anni a vincere il Kentucky Derby – non ha mai pensato a suo padre come “The Fog Jockey”, come hanno fatto molti altri. Lo considerava un dottore di ricerca. nelle corse dei cavalli e come i “Papi” che lo portavano ovunque e gli insegnavano tutto.

Lo fa ancora. E dice che prima di alzare una gamba su un puledro chiamato Bourbonic per il Derby, abbraccerà suo padre e lo ringrazierà per averlo reso il fantino e l’uomo che è oggi.

“Senti, ho 37 anni e ho coperto un sacco di asfalto, ho lavorato duramente e sono rimasto positivo nei momenti difficili”, ha detto Kendrick Carmouche. “Ho imparato tutto questo dai miei papà.”

La presenza di Carmouche al cancelletto di partenza sarà carica di storia. Sa che un fantino nero, Oliver Lewis, vinse il primo Derby nel 1875 e che 15 delle prime 28 edizioni della gara furono vinte da fantini neri, l’ultimo Jimmy Winkfield nel 1902.

È anche profondamente consapevole del dialogo in corso della nazione sulla razza.

Lo scorso giugno, quando le corse sono tornate a New York, Carmouche ha contribuito a organizzare un momento di silenzio a Belmont Park per quelli persi a causa della pandemia. Poi lui e più di una dozzina di compagni fantini si sono inginocchiati ciascuno in segno di solidarietà con coloro che protestavano per l’uccisione di George Floyd.

Ma nonostante tutto il potenziale significato della sua corsa nel derby, Carmouche ha detto che avrebbe pensato principalmente a suo padre. “Ha riversato molte lezioni e amore in me”, ha detto.

La lezione 1 era che le scorciatoie hanno delle conseguenze. Sylvester Carmouche stava percorrendo il circuito della boscaglia durante gran parte dell’adolescenza di suo figlio perché ha cercato di convincere gli ufficiali delle corse e il pubblico delle scommesse.

L’11 gennaio 1990, una fitta nebbia si è depositata su Delta Downs a Vinton, La., E Sylvester Carmouche riusciva a malapena a vedere il muso del suo cavallo, figuriamoci quelli che gareggiavano al suo fianco. Nell’undicesima regata, Sylvester, a bordo dell’ufficiale di atterraggio, sembrava vincere facilmente.

Forse troppo facilmente.

L’ufficiale di atterraggio, un tiro dalla distanza 23 a 1, ha vinto per quasi 25 lunghezze e ha quasi pareggiato il record della pista per una gara di un miglio. Successivamente, la traccia il veterinario ha notato che né il cavallo né il fantino sembravano senza fiato o sporchi.

Sylvester Carmouche è stato accusato di essere scivolato fuori dalla gara vicino alla partenza, nascondendosi nella nebbia fino a quando gli altri cavalli non hanno girato la pista e poi sono tornati in corsa, davanti al gruppo, verso la curva finale. La Louisiana Racing Commission lo ha dichiarato colpevole e lo ha sospeso per 10 anni.

“L’ho fatto. Mi sbagliavo. Ho fatto il mio tempo “, ha detto Sylvester Carmouche, 62 anni. “L’unica cosa positiva che ne è venuta fuori è stato il tempo che ho trascorso con Kendrick e la mia famiglia.”

Sylvester portò Kendrick a scuola in piste nelle città della Louisiana come Carencro e Abbeville, dove tra colpi di stato delle scommesse e musica zydeco, e spesso alimentati da Budweiser e salsiccia boudin, i ragazzi avevano imparato a cavalcare i cavalli da corsa per più di un secolo. Quelle tracce non autorizzate nella boscaglia fanno parte della cultura cajun tanto quanto la messa domenicale e le bolle di aragosta.

Eddie Delahoussaye, Kent Desormeaux e Calvin Borel – vincitori della Hall of Famers e del Kentucky Derby – sono tra i punteggi dei fantini Cajun che hanno sviluppato il loro mestiere da ragazzini di 11 o 12 anni legati alla sella in gare di match per puntate fino a $ 10.000 .

Sylvester Carmouche vinse bushel di gare su piste di piccole città nella sua giovinezza, così come durante il suo esilio.

Quando Kendrick compì 13 anni, suo padre era sicuro di aver assorbito i suoi tutorial e le ore di pratica sui pony Shetland della famiglia. Così ha messo suo figlio in sella a un purosangue e lo ha portato al cancelletto di partenza di Acadiana Downs per il suo primo assaggio di guida da corsa.

“Ha fatto bene – è arrivato secondo in una corsa a quattro cavalli”, ha detto Sylvester Carmouche. “È tornato con un sorriso che non lo ha ancora abbandonato.”

Quando Kendrick ha compiuto 16 anni, ha ottenuto la sua licenza di fantino e ha iniziato a guidare professionalmente a Delta Downs. Conosceva almeno una persona nella stanza del fantino: suo padre. La licenza di Sylvester Carmouche era stata ripristinata due anni prima, nel 1998.

Per quanto fiero di suo figlio, Sylvester gli ha dato un’altra lezione: “Gli ho detto di andare a est. La Louisiana è stata brava anche per me, ma c’era un grande mondo là fuori da vedere e in cui fare la sua vita “.

Quindi, cinque giorni prima di compiere 17 anni, Kendrick Carmouche ha spostato la sua virata nell’area di Filadelfia per affrontare il circuito del Mid-Atlantic. Ha incontrato la donna che avrebbe sposato, ha messo su famiglia ed è diventato il pilota di soldi a Parx Racing.

Tornato in Louisiana, Sylvester Carmouche ha attirato l’attenzione per un motivo più ottimista, come pilota principale di Hallowed Dreams, una cavalla che ha vinto 25 delle sue 30 partenze, di cui 16 di fila. Si è ritirato nel 2013 all’età di 55 anni con 1.348 vittorie su piste sanzionate e oltre $ 11 milioni in borse. Galoppa ancora qualche cavallo vicino a casa sua ad Arnaudville, La.

Nel 2015, dopo aver vinto cinque titoli di guida al Parx, Kendrick Carmouche ha deciso di essere pronto per New York, il circuito automobilistico più importante d’America. Si è presentato agli allenatori lavorando i loro cavalli – fino a una dozzina al giorno – al mattino e sfruttando al massimo le sue opportunità di corsa nel pomeriggio.

A New York, Carmouche è tutto business. Il mercoledì, saluta sua moglie, Whitney, sua figlia, Olivia, 15 anni, e il figlio, Kendrick, 12, e lascia la sua casa a Newark, Del., Per un viaggio di due ore e mezza verso un hotel vicino alla pista. Domenica torna a casa dopo la sua ultima gara.

Questo obiettivo ha aiutato Carmouche a scalare la classifica dei fantini ogni anno, guadagnando più cavalcature e più soldi. Lo scorso autunno, ha vinto il titolo di equitazione ad Aqueduct, il suo primo a New York, e attualmente è il numero 7 della nazione in guadagni.

Nessun altro nella colonia di fantini della New York Racing Association gli assomiglia. Nemmeno i motociclisti in Pennsylvania, West Virginia, Delaware o in qualsiasi altro posto in cui abbia guidato. I fantini neri sono stati costretti a lasciare lo sport nell’era di Jim Crow e ora sono uno spettacolo raro in competizione.

Carmouche ha detto che la sua gara non lo aveva mai trattenuto nello sport e ha indicato le sue oltre 3.400 vittorie in carriera e oltre $ 118 milioni di guadagni in borsa come prova.

“Io lavoro duramente. Sono gentile con tutti “, ha detto. “Se mi tratti allo stesso modo, non mi importa se sei rosa o verde. L’ho imparato anche da papà. “

Ora Carmouche ha la sua prima cavalcatura Kentucky Derby, che, forse opportunamente, è un tiro lungo per rivendicare la ghirlanda di rose.

All’inizio di questo mese, Bourbonic è uscito con una probabilità di 72 a 1 nel Wood Memorial at Aqueduct e ha seguito gli altri otto cavalli per un miglio. Nel tratto, tuttavia, Carmouche ha baciato il suo puledro, gli ha massaggiato il collo e ha ottenuto ogni grammo di velocità per vincere con il naso.

“Tutto quello che ho sempre voluto è un’opportunità”, ha detto Carmouche. “Me lo sono guadagnato ovunque ho guidato. Ora ho l’opportunità di portare a casa quelle rose. Non mi escluderei. “

#Kentucky #Derby #fantino #nero #cerca #storia

Informazioni sull\'autore del post

admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *