Attenti ai lanciatori: Giancarlo Stanton si sente forte

Visualizzazioni: 6
0 0
Tempo per leggere:6 Minuto, 44 Secondo

Mentre i suoi compagni di squadra degli Yankees guardavano Giancarlo Stanton lanciare razzi palla dopo palla fuori dal box del battitore, giorno dopo giorno durante l’allenamento primaverile, spesso sembrava di nuovo ottobre. Stanton era felice e in salute allora, schiacciando un fuoricampo dopo l’altro portando gli Yankees a una vittoria della American League Championship Series.

“Oddio, voglio dire che i fuoricampo che stava facendo non erano solo fuoricampo, ma fuoricampo”, ha detto il primo base degli Yankees Luke Voit, aggiungendo: “L’unico problema è che ho colpito dietro di lui e quando ha colpito quelli palle finora, ho pensato, ‘Va bene, devo fare la stessa cosa.’ E ho finito per colpire. “

Stanton non è sempre sembrato o si sentiva così bene da quando i Miami Marlins hanno scaricato lui e il suo enorme contratto sugli Yankees dopo la sua pluripremiata stagione 2017. Per colpa di lesioni ripetute, Stanton, uno dei giocatori più in forma e forti di baseball, è apparso in circa metà delle partite della sua squadra da quando si è trasferito a New York. E quando era in formazione negli ultimi postseason, lui non aveva contribuito molto, o.

La situazione è cambiata la scorsa stagione, così come il suo ruolo di leader all’interno della squadra su importanti questioni sociali. E ora, fresco di quel grande ottobre, sta cercando un anno ancora più grande.

“Ha un bell’aspetto”, ha detto l’outfielder degli Yankees Brett Gardner dopo aver visto Stanton un giorno questa primavera. “Sembra che non abbia perso un colpo da quello che ricordo che era lo scorso ottobre.”

Gli Yankees – uno dei favoriti per contendersi il titolo di World Series, una corona che gli è sfuggita dal 2009 – hanno molte stelle. C’è il lanciatore Gerrit Cole, l’asso che inizierà la giornata di apertura giovedì contro i Toronto Blue Jays. C’è DJ LeMahieu, il miglior giocatore a tutto tondo degli Yankees e il Campione di battuta dell’American League ultima stagione. E ci sono l’outfielder Aaron Judge, il più vicino Aroldis Chapman, l’interbase Gleyber Torres e altri.

“Il nostro successo è legato ad alcuni dei nostri grandi ragazzi davvero fiorenti”, ha detto recentemente il manager degli Yankees Aaron Boone.

Ci sono pochi ragazzi più grandi nel baseball di Stanton, 31 anni, un battitore designato quotato a 6 piedi 6 e 245 libbre, e l’unico giocatore Yankees attuale con un premio Most Valuable Player nel suo curriculum. In passato, le dimensioni di Stanton a volte hanno funzionato contro di lui. Da quando ha segnato 38 fuoricampo e guidato in 100 run in 158 partite della sua prima stagione regolare con gli Yankees, nel 2018, Stanton ha giocato solo 41 partite di stagione regolare. La sua lista di disturbi fisici da allora è lunga: uno stiramento del bicipite, una spalla balzosa, due ceppi di vitello, un ginocchio slogato, un quadricipite teso e un tendine del ginocchio tirato.

“Non è stato divertente”, ha detto recentemente Stanton. Conosce la gente del baseball e ne mette in dubbio la resistenza, così come sa che l’unico modo per abbandonare quell’etichetta è giocare. “Devi essere là fuori sul campo”, ha detto, “se non vuoi domande”.

Quindi, dopo una stagione 2019 rovinata da un infortunio, Stanton ha detto di aver perso circa 20 libbre, un tentativo di tornare al peso dei suoi anni più sani e produttivi. Ma questo non ha funzionato: Stanton è stato limitato, ancora una volta, apparendo solo in 23 delle 60 partite degli Yankees nella stagione regolare 2020 troncata.

Ha modificato in modo significativo il suo regime di allenamento quest’inverno e ha sollevato pesi meno spesso, ha detto il direttore della salute e delle prestazioni dei giocatori degli Yankees, Eric Cressey. la rete televisiva degli Yankees. Il risultato, ha detto Stanton, è stato una maggiore agilità e, spera, maggiori probabilità di rimanere in campo.

Il padre di Stanton, Mike, ha detto che gli infortuni erano stati i punti più bassi della carriera di suo figlio, che ha incluso quattro selezioni All-Star e 312 fuoricampo in carriera. “Non vuole altro che essere là fuori a contribuire”, ha detto Mike Stanton in un’intervista telefonica questa settimana.

Anche mentre era nella lista degli infortunati l’anno scorso, Stanton ha contribuito in modo prezioso. Come i disordini sociali che stava consumando la nazione raggiunta nelle clubhouse della Major League Baseball, Stanton, uno dei giocatori più tranquilli degli Yankees, è stato davanti e al centro durante diversi incontri di squadra sull’argomento, hanno detto compagni di squadra e funzionari della squadra.

Ha condiviso storie sulla sua esperienza di uomo biracial in America, ha parlato di essere cresciuto a Los Angeles a pochi isolati da dove Rodney King è stato picchiato dalla polizia nel 1991 e ha chiarito i suoi pensieri su ciò che doveva cambiare. In uno sport con relativamente pochi giocatori neri americani, Stanton era anche una delle poche persone che si inginocchiava regolarmente durante l’inno nazionale.

“E ‘stato bello che stesse parlando, perché ci sono persone in quella stanza che non hanno mai sperimentato niente come gli altri”, ha detto l’outfielder degli Yankees Clint Frazier, che è bianco.

“E quando parlava e parlava di cose che aveva vissuto, e altri ne parlavano, ti tira davvero le corde del cuore. E ti ha fatto capire il modo in cui questi ragazzi separano alcune delle cose che sono successe nella loro vita di tutti i giorni rispetto a ciò che sta accadendo sul campo “.

Il direttore generale degli Yankees Brian Cashman ha dichiarato in un’intervista telefonica che la forza fisica di Stanton era sempre stata evidente. Ma mentre le proteste e le difficili discussioni sulla razza hanno invaso il paese, ha aggiunto Cashman, Stanton “è stato all’altezza e quella forza interiore si è manifestata dal primo giorno”.

“Doveva essere fatto”, ha detto Stanton.

Stanton, di cui nonni materni erano afroamericani e portoricani, ha detto che quello che ha visto in campagna l’anno scorso gli ha ricordato quello che gli dicevano sua nonna e sua madre che avevano vissuto. Mentre parlava, ha detto Stanton, voleva semplicemente che le persone intorno a lui imparassero di più sui problemi.

Ha detto che gli importava poco se le sue parole e le sue azioni portassero gli altri a etichettarlo come un team leader o meno, e questo inverno ha chiarito che intendeva rimanere uno yankee ignorando l’opportunità di esercitare la clausola di rinuncia nel suo contratto, ha sette anni e una garanzia di 218 milioni di dollari rimanenti.

Data la sua storia di infortuni, sarebbe difficile per Stanton superare quel denaro garantito come free agent, e ha sottolineato che vuole vincere una World Series con gli Yankees. Stanton ora spera che, almeno per i prossimi otto mesi, il suo corpo collaborerà.

Boone ha predetto “una grande stagione” per Stanton se gli Yankees possono aiutarlo a rimanere in campo. Una ragione per la sua tendenza rialzista: Boone ha sostenuto che Stanton era un battitore migliore ora di quanto non fosse nella sua stagione da MVP, nel 2017, quando ha distrutto 59 fuoricampo e guidato in 132 corse.

Stanton è d’accordo, citando il suo approccio migliorato al piatto (il suo ritmo di camminata è aumentato nelle ultime due stagioni). Ha detto che nel corso degli anni aveva praticato l’addestramento degli occhi. Lo scorso ottobre, ha stabilito un record degli Yankees con sei fuoricampo in una sola postseason.

“Quando è in buona salute, è uno dei migliori giocatori del gioco”, ha detto Cashman. “Questo non è mai stato in discussione. E se qualcuno aveva domande sul fatto che potesse essere lo stesso tipo di giocatore quando era in buona salute nella post-stagione, lo ha dimostrato anche l’anno scorso “.

La chiave per Stanton lo mostrerà durante una maratona di baseball. Ci sono indizi che saranno possibili. Durante una recente pratica di battuta in Florida, Stanton e Judge sono tornati a lanciare palle oltre la recinzione. Mentre lasciava la gabbia, Frazier si avvicinò di soppiatto a Stanton e gli chiese: “Non ti senti come se dovessi essere su un campo più grande di quello in cui ti trovi in ​​questo momento?”

Stanton acconsentì. Gli Yankees saranno felici semplicemente di averlo in campo.



#Attenti #lanciatori #Giancarlo #Stanton #sente #forte

Informazioni sull\'autore del post

admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *