Australian Open 2021: Naomi Osaka e Jennifer Brady si incontrano per il titolo

Visualizzazioni: 3
0 0
Tempo per leggere:4 Minuto, 0 Secondo

Come guardare: La partita è alle 3:30 fuso orario orientale di sabato su ESPN, ESPN Deportes e ESPN +. Ci sarà un bis alle 8 del mattino su ESPN2.

Le finali del singolare femminile dell’Australian Open Naomi Osaka, il campione 2019, contro Jennifer Brady, finalista per la prima volta del Grande Slam. Ecco alcune trame da seguire:

Come il mondo l’atleta femminile più pagata e una tre volte campionessa del Grande Slam, Naomi Osaka, 23 anni, si è già affermata come una superstar dello sport globale.

Se Osaka aggiunge un altro titolo, raggiungerà un’aria più rara.

L’ultima donna a vincere un quarto titolo del Grande Slam è stata Maria Sharapova, agli Open di Francia 2012. Le sorelle Williams e gli uomini Big 3 (Roger Federer, Rafael Nadal e Novak Djokovic) hanno raggiunto i quattro anni molto prima. Andy Murray, Stan Wawrinka e Angelique Kerber ne hanno tre ciascuno.

Anche con un quarto titolo, Osaka avrebbe ancora spazio per mettersi alla prova al di là del duro. Non è ancora arrivata al quarto turno sulla terra del Roland Garros o sull’erba di Wimbledon.

Rispetto al tennis maschile americano, che non ha giocatori tra i primi 20 del mondo e non ha prodotto un vincitore del Grande Slam dal 2003, c’è un raccolto eccezionale di talenti tra i ranghi delle donne americane. Jennifer Brady, 25 anni, è in lizza per essere la terza donna americana a vincere un titolo del Grande Slam da quando Serena Williams ha vinto il suo più recente agli Australian Open 2017. Si unirà a Sloane Stephens, che ha vinto gli United States Open 2017, e Sofia Kenin, che ha vinto l’Australian Open dello scorso anno.

Considerando che altre quattro donne americane hanno raggiunto le semifinali del Grande Slam in quel tratto: Madison Keys, Danielle Collins, Amanda Anisimova e CoCo Vandeweghe: è chiaro che Brady è stato aiutato non avendo bisogno di portare l’intero peso delle aspettative di una nazione.

I giocatori di tennis che arrivano in Australia si sono preparati in condizioni variabili durante le quarantene obbligatorie di 14 giorni.

Brady è stato uno dei giocatori che ha dovuto completare le cosiddette quarantene dure – il che significa che non le è stato permesso di lasciare la sua camera d’albergo per 14 giorni – perché una persona sul suo volo charter per l’Australia è risultata positiva al coronavirus. Ha perso i privilegi di pratica di cui godevano molti dei suoi coetanei.

Con un atteggiamento positivo e il diligente aiuto della sua squadra di allenatori, tuttavia, Brady ha perseverato: era l’unica donna che ha vissuto la dura quarantena e avanzato al quarto round del torneo.

L’Osaka, al contrario, era uno dei pochi migliori giocatori che lo erano inviato in una città completamente diversa, Adelaide, dove hanno avuto un maggiore accesso ai tribunali e alloggi più grandi che includevano balconi esterni.

L’ultima partita tra Osaka e Brady – una semifinale degli US Open 2020 – potrebbe essere stata una delle migliori nella storia recente del tennis, con Osaka che ha prevalso, 7-6 (1), 3-6, 6-3, in una raffica di grandi colpire.

Anche dopo aver vinto tre finali del Grande Slam, ciascuna drammatica a modo suo, Osaka ha individuato quella partita come quella che le è rimasta impressa.

“È facilmente una delle mie partite più memorabili”, ha detto Osaka giovedì. “Penso che fosse solo di altissima qualità in tutto.”

Brady era indeciso se l’esperienza acquisita da quella sconfitta l’avrebbe aiutata in finale.

“Sì, penso di poter togliere gli aspetti positivi da quella partita e imparare forse quello che ho fatto di sbagliato che non sono stato in grado di venire via con il risultato”, ha detto Brady giovedì. “Ma anche no, perché anche io non voglio confrontare le partite o confrontare le prestazioni e cercare di replicarlo, perché ogni partita è diversa.”

Osaka è nata in Giappone e Brady in Pennsylvania, ma i due si sono incontrati all’inizio della loro carriera nel tennis. Entrambi sono emigrati nel focolaio del tennis della Florida da bambini e hanno giocato a vicenda nei tornei giovanili lì.

All’inizio della loro carriera professionale, nell’autunno del 2014, Brady e Osaka si affrontarono nel primo round di un torneo da $ 50.000 della International Tennis Federation a New Braunfels, in Texas. Brady ha vinto la partita, 6-4, 6-4, ma ricorda di essere rimasto impressionato dal suo avversario.

“Penso che fosse appena arrivata forse tra i primi 200, e ricordo di averla interpretata”, ha detto Brady giovedì. “Ero tipo, ‘Wow, colpisce la palla alla grande. Sarà brava. ‘”

#Australian #Open #Naomi #Osaka #Jennifer #Brady #incontrano #titolo

Informazioni sull\'autore del post

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *