Australian Open 2021: Novak Djokovic e Daniil Medvedev si incontrano per il titolo

Visualizzazioni: 5
0 0
Tempo per leggere:4 Minuto, 0 Secondo

Come guardare: La partita è alle 3:30 fuso orario orientale di domenica su ESPN, ESPN Deportes e ESPN +. Ci saranno proiezioni di bis alle 8 e alle 23 su ESPN2.

La finale di singolare maschile che concluderà gli Australian Open di quest’anno è una battaglia tra il portabandiera Novak Djokovic e lo sfidante più degno che il campo avrebbe potuto raccogliere, il crescente Daniil Medvedev. Ecco cosa guardare mentre i due si affrontano:

Medvedev, 25 anni, ha messo insieme una serie notevole negli ultimi mesi, rimuovendo una serie di 20 vittorie consecutive che include titoli a i Maestri di Parigi, il Finali ATP a Londra e la Coppa ATP a Melbourne. Dodici di queste 20 vittorie sono arrivate contro i primi 10 avversari. Ha battuto otto degli altri nove giocatori nella top 10; solo Roger Federer, fuori concorso da più di un anno per problemi al ginocchio, ha evitato una sconfitta a Medvedev.

“Per la fiducia, quando batti tutti è semplicemente fantastico, perché penso che la gente inizi forse ad avere un po ‘di paura per te”, ha detto Medvedev venerdì dopo aver battuto Stefanos Tsitsipas in semifinale a Melbourne. “Allo stesso tempo, a volte ci saranno alcuni che vorranno batterti ancora di più. È una situazione difficile, ma sono felice di essere riuscito a essere il primo in tutte quelle 20 partite “.

Sebbene il suo nome non sia proprio sinonimo di questo torneo nel modo in cui lo è diventato Rafael Nadal con gli Open di Francia, Djokovic, 33 anni, è il giocatore del secolo (finora) agli Australian Open. È stato lì che ha vinto il suo primo titolo del Grande Slam, nel 2008, quando aveva solo 20 anni.

Come Nadal a Parigi, Djokovic è imbattuto in finale a Melbourne, con un record di 8-0. Se vincesse domenica, Djokovic si siederebbe da solo al secondo posto, dietro Nadal e i suoi 13 titoli agli Open di Francia, nella lista dei campionati di singolare maschile vinti in un particolare evento del Grande Slam. Djokovic è attualmente legato a Federer, che ha otto campionati di Wimbledon in singolo.

Il dominio di Djokovic a Melbourne non riguarda solo la superficie: ha vinto solo tre titoli agli United States Open, che si giocano su terreni duri abbastanza simili.

A Melbourne, però, Djokovic riceve un forte sostegno da un consistente contingente locale di espatriati serbi, mentre la folla agli US Open di New York spesso tifa contro di lui.

In questi giorni, Medvedev non si lascia intimidire da nessuno nel tennis e ha motivi particolari per sentirsi a suo agio contro Djokovic.

Medvedev ha vinto tre dei suoi sette precedenti incontri contro Djokovic, inclusa una semifinale al Cincinnati Masters nel 2019 su un terreno duro veloce che ha giocato in modo simile ai campi di Melbourne quest’anno.

Nel quarto round degli Australian Open 2019, ha perso contro Djokovic, che ha ricevuto un trattamento extra a causa di tutto lo sforzo e la contorsione necessari per battere Medvedev.

“E ‘stato difficile attraversarlo”, ha detto Djokovic quella sera. “È stato una specie di gioco al gatto e al topo per la maggior parte della partita, ecco perché è stato così lungo. Abbiamo avuto manifestazioni di 40, 45 scambi. Ecco perché penso che sia stato fisicamente estenuante, per il fatto che non ci siamo davvero permessi a vicenda di pensare che possiamo fare molti errori non forzati e regalare punti “.

Nel terzo round di quest’anno all’Open, Djokovic ha subito un infortunio addominale nella sua partita contro Taylor Fritz. Djokovic inizialmente ha parlato pessimisticamente delle sue possibilità di continuare nel torneo, ma è sembrato meno colpito dall’infortunio in ogni partita successiva, anche se il suo lato destro rimane pesantemente fasciato sotto la maglia.

Per trovare l’ultima finale in cui un giocatore maschio ha vinto il suo primo titolo del Grande Slam contro un finalista più anziano chi ne aveva già vinto uno, è necessario tornare indietro fino agli United States Open 2009, dove Juan Martín del Potro ha battuto Roger Federer.

Quando Dominic Thiem ha vinto il suo primo titolo del Grande Slam agli US Open dello scorso anno, lo ha fatto quasi letteralmente per impostazione predefinita, dopo Djokovic era stato squalificato dal torneo negli ottavi di finale, quando ha schiacciato una palla vagante per la frustrazione e ha colpito una guardalinee alla gola.

Una vittoria di Medvedev, tuttavia, potrebbe rappresentare un vero cambiamento. Se sconfigge Djokovic, salirà al numero 2 della classifica mondiale. Sarebbe stata la prima volta da quando Lleyton Hewitt raggiunse il numero 2 nel luglio 2005 che chiunque tranne Djokovic, Nadal, Federer o Andy Murray si classificasse tra i primi due.



#Australian #Open #Novak #Djokovic #Daniil #Medvedev #incontrano #titolo

Informazioni sull\'autore del post

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *