Baylor travolge Houston per raggiungere la finale del torneo NCAA

Visualizzazioni: 11
0 0
Tempo per leggere:5 Minuto, 37 Secondo

INDIANAPOLIS – Quando Jared Butler lasciò l’Alabama nell’estate del 2018, iscrivendosi al Baylor poco prima dell’inizio del suo anno da matricola, entrò in quello che era un programma mediocre, uno che non aveva raggiunto il torneo NCAA la stagione precedente ed era noto per i suoi primi fiamme.

I suoi occhi erano puntati su ciò che aveva di fronte: competere per un lavoro iniziale, abituarsi al college e vincere più partite possibili.

Un viaggio per le Final Four sembrava improbabile come un viaggio sulla luna.

“Potevo crederci tre anni fa?” Butler ha detto venerdì. “No.”

Qui gli Orsi, però, sono arrivati ​​non solo alle Final Four per la prima volta dal 1950, ma sul punto di vincere il loro primo campionato nazionale. Hanno giocato la parte sabato sera, travolgendo Houston, 78-59, in una semifinale nazionale riscoprendo il loro tiro da 3 punti deadeye e scatenando una difesa repressiva.

La vittoria sposta Baylor nella partita per il titolo di lunedì sera contro Gonzaga imbattuto o UCLA non celebrata.Se sono davvero gli Zags, sarebbe una partita di quattro mesi, da quando la loro partita qui a Indianapolis è stata cancellata a dicembre solo 90 minuti prima della soffiata a causa di un caso positivo nel programma Baylor. L’atmosfera per quella partita, che metterebbe le squadre che si sono classificate in cima al sondaggio The Associated Press Top 25 per quasi tutta la stagione, quasi certamente non corrisponderebbe alle aspettative.

Le Final Four contemporanee sono cresciute da tempo oltre le semplici partite di basket in mega eventi, giocati in stadi di calcio cavernosi e accompagnati da intrattenimento per il fine settimana. Le soffiate, accompagnate da un mare di lampi, trasportano un’energia palpabile.

Questo è notevolmente attenuato a causa della pandemia, dall’assenza di folle di fan che festeggiano nel centro di Indianapolis venerdì sera, al grande sipario che ha diviso a metà il Lucas Oil Stadium, limitando la folla a meno di 10.000 persone. (Le semifinali hanno ottenuto un record di 72.238 qui nel 2015.)

Assenti anche, come lo sono state durante tutto il torneo, sono le cheerleader e le band della squadra – un punto fermo del torneo maschile che l’NCAA, attraverso il suo contratto televisivo, è tenuta a trasportarle alle Final Four.

“Sembra ancora che stiamo giocando a basket”, ha detto Butler. “Torniamo in albergo. Siamo solo noi, noi la squadra. E abbiamo solo una missione, un obiettivo. Penso che affonderà più tardi nella vita o forse tra due mesi quando sarò, tipo, wow, siamo davvero nella partita del campionato nazionale “.

Nel tentativo di creare un’estetica più consueta per la televisione, gli organizzatori hanno riempito molti dei posti vuoti con ritagli di cartone, spesso inclusi i famosi giocatori di basket delle scuole. A occupare diversi posti c’erano Cazzie Russell del Michigan, i Fab Five e una star più recente, Trey Burke. Elgin Baylor, con indosso una maglia della Seattle University, ne occupò un altro. Come ha fatto Justin Turner rasato in modo sorprendente, nella sua uniforme da baseball Cal State Fullerton.

La presenza di Turner ha ricordato che, mentre i tornei maschili e femminili sono proceduti in gran parte ininterrottamente – gli uomini del Virginia Commonwealth sono stati l’unica squadra a lasciare il torneo a causa di casi di virus – giocare in una pandemia può essere un esercizio capriccioso. Turner, la terza base dei Los Angeles Dodgers, è stato ritirato verso la fine della gara 6 delle World Series a causa di un test positivo.

Sabato non c’è stato nessun intervento del genere per conto di Houston.

I Cougars, che hanno disputato la loro prima Final Four dal 1984, hanno messo alla prova il loro coraggio sul percorso verso una semifinale nazionale – radunandosi da 10 punti in giù per battere Rutgers e radunando abbastanza per finire Oregon State dopo aver ottenuto un vantaggio di 17 punti – ma solo ha dovuto battere semi a due cifre per arrivarci.

Houston portava con sé una squadra di difesa intransigente la cui guardia maggiore, l’esile DeJon Jarreau, ha bloccato due dei migliori marcatori del torneo, Buddy Boeheim di Syracuse e Ethan Thompson di Oregon State. Ma non è certo un’esagerazione suggerire che la migliore opzione di punteggio dei Cougars sia un rimbalzo offensivo. Hanno guidato la nazione in percentuale di rimbalzo offensivo, secondo KenPom.com, afferrando il 39,8% dei loro tiri persi.

Il primo possesso dei Cougars ha dovuto dare una pausa all’allenatore del Baylor Scott Drew quando Reggie Chaney e Justin Gorham hanno preso rimbalzi offensivi per Houston prima che Marcus Sasser affondasse una tripla aperta.

Si è rivelato l’ultimo hurrà per Houston.

Baylor ha bloccato tutti tranne Sasser, assicurando i bordi difensivi e assalendo la difesa Cougars con una grandinata di 3 punti. Quando Davion Mitchell ha scoccato una tripla al segnale acustico dell’intervallo, li ha portati su 45-20 – tutto tranne che dando loro un passaggio a lunedì sera.

La difesa del Baylor ha incatenato l’intera offensiva di Houston con l’eccezione di Sasser, che ha segnato 17 dei 20 punti della sua squadra nel primo tempo. Tutti gli altri erano combinati 1 su 15 all’intervallo.

I Bears, che erano la migliore squadra di tiro da 3 punti del paese durante la stagione regolare, hanno ripreso la loro forma, in particolare Butler, che ha fatto 4 su 5 dietro l’arco e ha segnato 17 punti, tutti nel primo tempo. I suoi compagni di difesa, Mitchell e MaCio Teague, hanno contribuito potentemente con 12 punti e 11 assist per Mitchell e 11 punti e 6 assist per Teague.

E mentre Houston ha gestito 14 rimbalzi offensivi, quelli sono stati compensati da 13 dal tiro del 38,2% di Baylor e dei Cougars.

Se Baylor può replicare la performance di sabato, coronerebbe una lunga scalata da una profondità ignominiosa.

Drew è stato assunto nel 2003 dopo uno degli scandali più orribili della NCAA – un giocatore del Baylor ne uccise un altro e l’allenatore dell’epoca, Dave Bliss, ordinò ai giocatori di mentire agli investigatori, che scoprirono una serie di violazioni delle regole nel programma. I Bears sono stati colpiti da rigori severi, incluso il divieto di partite non conferenza nel 2006, e hanno vinto 21 partite in totale nelle prime tre stagioni di Drew.

Alla fine hanno raggiunto la rispettabilità. E hanno approfittato delle parentesi spezzate per raggiungere le finali regionali nel 2010 e nel 2012. Quei risultati sono arrivati ​​durante un’indagine NCAA che ha scoperto che gli allenatori Baylor avevano fatto 1.200 telefonate o messaggi inammissibili alle reclute e Drew è stato citato per non aver monitorato il suo programma.

Ora, però, i Bears sono a un gioco di distanza da un titolo che pochi, inclusa la loro guardia stellare, avrebbero potuto vedere arrivare.

#Baylor #travolge #Houston #raggiungere #finale #del #torneo #NCAA

Informazioni sull\'autore del post

admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *