Con New Wrinkle, le gare della divisione NHL si riscaldano

Visualizzazioni: 5
0 0
Tempo per leggere:5 Minuto, 9 Secondo

C’è molto di diverso nel programma NHL di questa stagione.

Inizia con la sequenza temporale compressa, che richiede 868 partite di stagione regolare da giocare in 119 giorni. Poi ci sono i numerosi protocolli e restrizioni Covid-19, con altri aggiunti dall’inizio della stagione. E a causa dei rinvii e delle chiusure, i programmi sono stati in continuo mutamento, creando scompiglio nelle pratiche e nella pianificazione.

Eppure c’è un accordo diffuso sul fatto che il formato di programmazione di questa stagione, che comprende principalmente due serie di partite nella stessa città con un giorno di riposo in mezzo, e l’allineamento divisionale guidato dalla geografia, abbia ravvivato quello che in genere è uno slogan estenuante per i playoff della Stanley Cup.

“Se potessi mettere i fan nell’edificio”, ha detto l’allenatore di Winnipeg Paul Maurice, “mi piacerebbe che fosse così per sempre”.

Mentre le squadre si avvicinano alle ultime 20 partite della stagione regolare e le gare per ottenere la posizione di playoff finendo tra le prime quattro di ogni divisione si intensificano, il programma di quest’anno fornisce un altro bonus. Il gioco esclusivamente intradivisionale rende ogni gara un gioco da quattro punti e fornisce il potenziale per salite veloci o scivolate in classifica.

Nelle sue 10 partite a partire dall’11 marzo, il Nashville è andato 7-3, inclusa una serie di cinque vittorie consecutive, passando dal sesto posto nella Central Division al quarto pareggio. Dopo aver battuto i Rangers il 4 marzo, Philadelphia era al secondo posto nella East Division con 27 punti. Entrando in partita mercoledì, i Flyers erano scesi al quinto posto, a tre punti dai playoff.

“Non puoi permetterti di perdere due o tre di fila, e lo sanno tutti”, ha detto l’attaccante di Winnipeg Pierre-Luc DuBois.

DuBois ha aggiunto: “Fa solo parte della divertente sfida di quest’anno”.

Con una tale volatilità in classifica, la sfida per i direttori generali, soprattutto con l’avvicinarsi della scadenza commerciale del 12 aprile, è determinare quali club sono acquirenti e quali venditori.

“Penso che le squadre siano un po ‘più riluttanti a scuotere l’albero, per così dire, di quanto non lo siano normalmente”, ha detto mercoledì il direttore generale del Minnesota Bill Guerin in una videoconferenza. “Parlando per noi, stiamo tenendo a mente la chimica di squadra perché abbiamo una buona chimica di squadra ei ragazzi stanno giocando bene insieme. Quindi lo sconvolgi? È ancora abbastanza tranquillo là fuori. “

I giochi stessi hanno più energia e intensità, ha detto Maurice, in parte a causa della corsa ridotta.

La scorsa stagione, Boston era in una divisione con Florida e Tampa Bay. Quest’anno, gli avversari più distanti dei Bruins sono Pittsburgh e Buffalo, e il viaggio tra gli altri – Washington, Philadelphia, i Devils, i Rangers e gli Islanders, è stato fatto in treno o in autobus.

In questa stagione, Vancouver deve fare tre viaggi invece di uno, per giocare a Montreal, Toronto e Ottawa. Ma in tutti e tre i casi si prevede di giocare a due serie multi-gioco e tornare a casa, piuttosto che rimanere in viaggio come parte di un viaggio più lungo, riducendo drasticamente le richieste di viaggio.

“Ci sono momenti nel programma normale in cui una squadra sta arrivando, hanno giocato la sera prima e arrivano alle quattro del mattino, quindi questo è un grande vantaggio per noi”, ha detto l’allenatore del Detroit Jeff Blashill. “Ora, per la maggior parte, siamo tutti sulla stessa barca, quindi il viaggio diventa meno importante.”

Ai giocatori piace anche la possibilità di concentrarsi su un avversario per più di una notte. Le squadre hanno dovuto apportare ulteriori modifiche, ha detto l’attaccante dei Flyers Travis Konecny.

“Si tratta di adattare e sorprendere l’altra squadra con cose diverse ogni sera, e stanno facendo la stessa cosa con noi, quindi è divertente”, ha detto.

La geografia ha creato nuove rivalità e ne ha intensificate altre. Le squadre negli Stati Uniti ora si affrontano otto volte, mentre le sette squadre canadesi giocano quattro squadre nove volte e due squadre 10 volte.

Carolina, che era nella Metropolitan Division la scorsa stagione, quest’anno è nella stessa divisione di Florida e Tampa Bay, e tutte e tre le squadre sono raggruppate in cima al Central.

“Ci sono alcuni ragazzi che non ti piaceranno più di altri nelle serate consecutive”, ha detto l’attaccante della Carolina Brett Pesce.

Prima di questa stagione, l’ultima volta che le squadre NHL si sono affrontate per tre volte consecutive è stata nel 2012-13. Ci sono già state alcune serie di quattro partite, una prima in campionato. E dal 2 al 15 febbraio, i Coyote e i Blues hanno suonato sette volte consecutive a causa dei rinvii legati a Covid che hanno richiesto un cambio di programma. Le squadre si sono divise le prime sei partite e Clayton Keller dell’Arizona ha segnato l’unico gol nella settima.

“E ‘stata una serie divertente”, ha detto Keller. “Quasi tutte le partite erano serrate e l’atmosfera era simile a quella dei playoff.”

Carolina ha giocato quattro partite consecutive contro il Tampa Bay a febbraio e ha concluso un set di quattro partite con il Columbus il 25 marzo, perdendo le prime due partite in casa e vincendo le ultime due in trasferta.

Per l’attaccante degli Hurricanes Jordan Martinook, nessuna serie contro un solo avversario è troppo lunga.

“Ripensando a ottobre e novembre, quando stavamo pensando che forse non avremmo nemmeno giocato una stagione, non mi interessa se giochiamo una squadra 56 volte”, ha detto. “Finché giochi a partite di NHL, non puoi darlo per scontato. Sono solo felice che stiamo giocando. “

Durante una conferenza stampa l’11 marzo, il commissario NHL Gary Bettman ha detto che la lega tornerà al suo precedente allineamento di divisione la prossima stagione. Tuttavia, ha lasciato aperta la possibilità di modificare il programma per consentire un gioco più intradivisionale e giochi back-to-back, il che farebbe piacere a Blashill.

“Penso che sia molto, molto difficile battere la stessa squadra due volte di seguito”, ha detto Blashill, ex college e allenatore dell’American Hockey League. “L’ho visto risalire al mio passato di hockey al college, e lo abbiamo avuto anche nell’AHL. Rende i giochi molto competitivi notte e notte. “

#Con #Wrinkle #gare #della #divisione #NHL #riscaldano

Informazioni sull\'autore del post

admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *