Cosa c’è da sapere sul torneo di basket femminile NCAA

Visualizzazioni: 8
0 0
Tempo per leggere:4 Minuto, 55 Secondo

In un anno normale, la selezione della fascia per il NCAA il torneo di basket femminile è relativamente tranquillo. Alcuni dei migliori contendenti finiscono per dominare i regionali a cui sono geograficamente più vicini, portando ad alcuni volti familiari in siti familiari. Albany, ad esempio, ha servito a lungo essenzialmente come un altro tribunale nazionale per UConn, un contendente perenne.

Questo, come tutti sappiamo, non è un anno normale. Ciò si estende al basket universitario femminile, dove il campo è più competitivo e caotico che mai. L’espansione della parità è una delle ragioni, ed è particolarmente evidente tra le squadre che dovrebbero essere le teste di serie numero 1 e 2, ognuna delle quali ha una possibilità legittima per vincere il campionato. Un altro motivo, tristemente, è la pandemia di coronavirus, che ha plasmato la stagione di ogni squadra in modi che renderanno difficile per il comitato di selezione confrontare e classificare le squadre sul campo. Solo tra le prime 25 squadre nel sondaggio Associated Press, i curriculum vanno da 18 partite (Rutgers) a 27 partite (Stanford e Baylor).

La logistica del torneo rende il girone ancora più difficile da prevedere. Per la prima volta, il torneo si svolgerà in un’unica regione, l’area di San Antonio, rendendo irrilevanti le considerazioni geografiche che tipicamente giocano un ruolo significativo nella costruzione della staffa. Invece, la parentesi risultante sarà un file vera curva a S., ponendo le basi per gli incontri basati solo sulla forza relativa di ciascuna squadra. Se il comitato di selezione ottiene le classifiche corrette, i fan potrebbero vedere alcune delle migliori competizioni nella storia dei tornei.

I primi due semi nelle regioni includeranno probabilmente Stanford, UConn, South Carolina, Texas A&M, North Carolina State, Baylor, Maryland e Louisville o Georgia. Stanford, UConn e South Carolina sono quasi bloccate come semi numero 1 dopo essere passati ai titoli dei tornei della conferenza. Anche il Texas A&M sarà probabilmente sulla linea numero 1 dopo aver conquistato il duro titolo della stagione regolare della Southeastern Conference con una vittoria sul South Carolina.

Oltre a ciò, le classifiche più alte sono più difficili da prevedere. Lo stato della Carolina del Nord ha giocato molte meno partite rispetto alla maggior parte dei suoi pari nella top 10, ma ha vinto il torneo della Atlantic Coast Conference per la seconda volta consecutiva. Il campione NCAA 2019, Baylor, ha molti degli stessi giocatori della sua squadra del titolo 2019, ora con quasi altre due stagioni di esperienza. Il Maryland ha il miglior attacco del paese, in media più di 91 punti a partita, grazie alle seconde Ashley Owusu e Diamond Miller, che si sono combinate per una media di oltre 35 punti a partita. Louisville e Georgia hanno entrambi perso partite di campionato serrate e dispongono di talenti veterani.

Oltre alle 31 qualificazioni automatiche, ci sono due posti in più per le offerte generali dopo che la Ivy League ha annullato la sua stagione di basket a causa della pandemia e l’Ohio State – che probabilmente sarebbe altrimenti una squadra del torneo – sta completando un divieto post-stagionale autoimposto. Ciò significa che i programmi con record di conferenze persi in campionati difficili, come Mississippi State e Wake Forest, così come alcuni programmi più forti in conferenze deboli, come l’Università della Florida centrale e DePaul, dovrebbero entrare di nascosto nella parentesi come semi n. 11.

Le squadre in bolla ci sono però per un soffio. Notre Dame, una centrale elettrica che si reinventa dopo Muffet McGraw, il suo allenatore di lunga data, ritirato alla fine della stagione 2019-20, non ha avuto vittorie classificate ed è stato sconvolto da Clemson nel secondo turno del torneo ACC. Se Notre Dame non fa la parentesi, sarà la prima volta che esce dalla competizione dal 1995.

Ole Miss, che ha sconvolto l’Arkansas nel torneo SEC, ha una reale possibilità di un posto nel girone per la prima volta dal 2007, grazie in gran parte al dominio del trasferimento del Maryland Shakira Austin – ma potrebbe finire a 5 punti di distanza, il margine della sua sconfitta nel torneo contro il Tennessee.

Nel mezzo del gruppo, le teste di serie dei beniamini dell’analisi Stephen F. Austin (il terzomigliore percentuale di field goal effettivi) e Florida Gulf Coast (settimo, secondo Her Hoop Stats) offrirà informazioni su quanto il comitato di selezione ha guadagnato nelle loro strategie basate sui numeri. Allo stesso modo, la difesa di talento di Jackson State dovrebbe portarlo non solo al torneo per la prima volta dal 2008, ma anche a un seme n. 15 o addirittura n. 14 e una possibilità esterna alla sua prima vittoria in un torneo NCAA.

Indipendentemente dalla classifica, non ci sarà un incontro facile negli ottavi di finale. Se ci sarà uno scontro tra Baylor e UConn in questo round, come previsto, però, potrebbe essere il più acceso. Baylor ha ha vinto le sue ultime due partite contro UConn, più recentemente di 16 punti sul terreno di casa di UConn nel gennaio 2020. La loro partita durante la stagione regolare 2021 è stata cancellata dopo che l’allenatore della Baylor Kim Mulkey è risultato positivo al coronavirus. Ora, se Baylor vuole estendere la sua serie di vittorie, potrebbe doverlo fare tramite un ribaltamento nel torneo.

Senza la geografia come fattore di semina, tuttavia, l’ordine generale è più difficile che mai da indovinare. Quando il comitato di selezione ha rilasciato il suo prime 16 squadre preliminari il 28 febbraio, quattro delle squadre in lista hanno perso lo stesso giorno. Non perché i membri del comitato non siano bravi in ​​quello che fanno, ma perché il campo è competitivo come non lo è mai stato. Con un po ‘di fortuna, le sorprese di lunedì lasceranno tanto spazio per alcuni buster di parentesi quanto per le dinastie in rotta di collisione.

#Cosa #cè #sapere #sul #torneo #basket #femminile #NCAA

Informazioni sull\'autore del post

admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *