Cosa tenere d’occhio nel torneo femminile NCAA questo fine settimana

Visualizzazioni: 7
0 0
Tempo per leggere:6 Minuto, 24 Secondo

Il torneo di basket femminile NCAA ha già mostrato la forza delle sue prime posizioni, così come la lotta dei suoi sfavoriti. I giocatori di tutto il paese hanno ottenuto i migliori risultati in carriera spingendo le loro squadre al livello successivo.

Ecco cosa guardare negli ottavi di finale di sabato e domenica:

Il Connecticut ha una strada difficile da percorrere che dovrebbe portare a una grande concorrenza.

Se gli husky del seme numero 1 vogliono arrivare alla loro tredicesima Final Four consecutiva, dovranno probabilmente conquistare due squadre con punti di forza molto diversi, ma ugualmente letali.

In primo luogo, il matchup con il seme n. 5 dell’Iowa di sabato (13:00, ABC) metterà alla prova la loro difesa. L’Iowa ha una media di oltre 86 punti a partita, diventando così il secondo più alto punteggio offensivo del paese. Le loro statistiche sgargianti sono rese possibili dall’impavida matricola Caitlin Clark, miglior marcatore della Divisione I, e dall’efficiente gioco post-partita della junior di 6 piedi 3 Monika Czinano.

L’anticipazione di un faccia a faccia tra Clark e la matricola di UConn, Paige Bueckers, ha reso questo un incontro privilegiato, ma gli Huskies dovranno limitare il punteggio di tutti gli Occhi di Falco oltre a Clark e Czinano se vogliono una possibilità per passare a il prossimo round.

“È passato un po ‘di tempo dall’ultima volta che hai avuto due bambini che hanno avuto questo tipo di impatto, sia sulle loro squadre, sia sulla partita a livello nazionale”, ha detto giovedì ai giornalisti di Clark e Bueckers l’allenatore della UConn Geno Auriemma. “Come sempre in questi giochi, però, ne fanno solo una parte.”

Se UConn vince, potrebbe affrontare Baylor (supponendo che Baylor superi il perdente Michigan sabato). Baylor ha battuto facilmente l’UConn negli ultimi due incontri e sembra essere il campione in carica. Baylor si è lanciato all’inizio del torneo e guida la nazione nella difesa percentuale di field goal per il quarto anno consecutivo, consentendo agli avversari di fare solo il 31,7% dei loro tiri. Quattro dei titolari di Baylor hanno una media di punti a due cifre, e quello che non lo fa – DiDi Richards senior – è stato il Naismith Defensive Player of the Year 2020 ed è finalista per il premio anche quest’anno.

In una fascia diversa, questo matchup potrebbe facilmente essere una Final Four o una partita di campionato; invece, però, entrambe le squadre saranno probabilmente testate durante quello che potrebbe essere uno degli incontri più combattuti del torneo.

Solo una testa di serie numero 3, Arizona, e una testa di serie numero 4, Indiana, sono arrivate agli ottavi di finale di quest’anno. Il resto del girone è pieno di squadre che hanno già sfidato le aspettative affrontando le teste di serie dominanti, sperando per i turbamenti che lasceranno i loro nomi impressi nella tradizione dei tornei.

No. 6 L’Oregon potrebbe essere la migliore posizionata di queste squadre, poiché i Ducks sono in programma per incontrare una squadra di Louisville seconda testa di serie che ha giocato da dietro per gran parte del torneo.

Con la partenza di Sabrina Ionescu, Satou Sabally e Ruthy Hebard, l’Oregon avrebbe dovuto trascorrere la stagione 2020-2021 ricostruendo, non arrivando al quarto round consecutivo di 16. Ma i Ducks finora hanno mostrato più profondità del previsto, anche senza la matricola della guardia Te-Hina Paopao, assente dal torneo per un infortunio al piede. La senior Erin Boley sta ancora facendo i tiri da 3 punti che hanno spinto l’Oregon alla sua prima Final Four nel 2019, e il secondo anno di Redshirt di 6 piedi e 7 Sedona Prince – il cui video virale di Tik Tok sulle attrezzature minime disponibili per i giocatori a San Antonio ha aiutato costringere l’NCAA a creare una sala pesi al torneo – ha eguagliato la sua carriera con 22 punti nel suo ribaltamento del seme n. 3 Georgia.

Se l’Oregon batte Louisville, potrebbe avere una possibilità di riscatto contro una squadra di Stanford del seme n. 1 che ha battuto i Ducks due volte durante la stagione regolare.

A spingere per un ribaltamento è anche il seme n. 6 del Michigan, che ha raggiunto il suo primo turno di 16 dopo aver giocato solo 18 partite nella stagione regolare a causa dei protocolli del coronavirus. I Wolverine e il loro tutto americano, Naz Hillmon, stanno colpendo i loro colpi al momento giusto, con giocatori come Leigha Brown e Hailey Brown che usano il loro momento sotto i riflettori per dimostrare che sono molto più del cast di supporto di Hillmon. Abbinarsi ai Lady Bears non sarà facile, ma i giocatori del Michigan hanno dimostrato con la loro vittoria sul seme n. 3 del Tennessee che possono vincere anche quando non sono grandi o forti come i loro avversari.

“Stiamo andando a scovare le loro cose, ma alla fine della giornata faremo quello che sappiamo fare meglio”, ha detto Hailey Brown giovedì. “Sarà difficile, ma siamo pronti per la sfida”.

Lo slogan dei Terrapins, “Tutto gas, niente freni”, si è dimostrato adatto alle prime due partite del torneo, visti i punteggi finali di 98 e 100 punti. Ma il seme n. 6 del Texas ha una squadra più completa di quella che il Maryland ha visto finora, e in particolare, i Longhorns hanno uno dei giocatori più completi del torneo in Charli Collier, vincolato alla WNBA. Il centro di 6 piedi e 5 può interrompere da solo qualsiasi incontro e dovrebbe essere in grado di sfidare il dinamico duo del secondo anno del Maryland, Ashley Owusu e Diamond Miller, che tendono entrambi a segnare a volontà sotto canestro.

Se riusciranno a superare il Texas, la testa di serie n. 2 affronterà probabilmente la testa di serie numero 1 del South Carolina, che ha anche una presenza al secondo posto a capo della squadra ad Aaliyah Boston. I Gamecocks sono un’altra squadra fisica e giovane la cui prestazione contro il Maryland dovrebbe mostrare se qualcuno ha una possibilità di fermare o semplicemente tenere il passo con la potenza di fuoco offensiva dei Terrapin. Sia che arrivino alle Final Four o che si trovino a lottare per sopravvivere e avanzare contro queste due squadre difficili, il Maryland dovrebbe offrire alcuni dei basket più emozionanti del secondo fine settimana del torneo.

Gli Aggies hanno giocato ad alcune delle partite più divertenti – e emozionanti, per i loro fan – di questo torneo, con la prima e la seconda partita che sono arrivate alle ultime giocate. La seconda, agli straordinari, è stata la prima campionessa del torneo femminile.

Se possono affermarsi contro una concorrenza ancora più dura, però, lo dirà. Il seme numero 3 dell’Arizona ha eliminato il suo avversario rotondo, Stony Brook, 79-44, e ha vinto una partita serrata contro il seme numero 11 Brigham Young, dimostrando la sua capacità sia di vincere alla grande che di giocare vicino. Con la guardia del Texas A&M Jordan Nixon che gioca il suo miglior basket della stagione, l’incontro Wildcat-Aggie sarà probabilmente una battaglia della zona di difesa, con Nixon che si schiera contro l’anziano dell’Arizona Aari McDonald e la sua media di 19 punti. La domanda è se quella competizione spingerà Texas A&M a giocare il miglior basket del torneo.

“Dovremmo essere un seme n. 2, ed entrambe le squadre ci hanno giocato fino all’ultimo possesso”, ha detto l’allenatore del Texas A&M Gary Blair. “È perché hanno giocato così bene o abbiamo sottovalutato? Penso che sia solo marzo. “

#Cosa #tenere #docchio #nel #torneo #femminile #NCAA #questo #fine #settimana

Informazioni sull\'autore del post

admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *