Donna della Pennsylvania accusata di usare la tecnologia Deepfake per molestare le cheerleader

Visualizzazioni: 6
0 0
Tempo per leggere:2 Minuto, 22 Secondo

Più tardi quel giorno, Madi Hine si è avvicinata a sua madre piangendo istericamente per i messaggi molesti, ha detto sua madre. Sua figlia ha ammesso di essere imbarazzata e le ha detto che aveva ricevuto messaggi di testo anonimi che la ritraevano nuda o che le dicevano di morire suicida per un mese prima che i proprietari della palestra ricevessero qualcosa.

“Ero così sconvolta”, ha detto Jennifer Hine. “Ciò che la teneva sana di mente era tornare in quella palestra.”

Giorni dopo che la figlia della signora Hine è tornata in palestra, ha detto la signora Hine, ha iniziato a ricevere messaggi di testo anonimi sul suo cellulare sulla posizione di sua figlia e su come il mittente fosse deluso dal fatto che sua figlia fosse tornata in palestra. Ciò ha spinto la signora Hine a trasferire sua figlia in una palestra fuori dallo stato. Ma in agosto, ha detto la signora Hine, testi simili hanno iniziato ad arrivare anche agli amici di sua figlia.

I proprietari della palestra hanno espresso rammarico per la campagna di molestie.

“Victory Vipers ha sempre promosso un ambiente familiare e ci dispiace per tutte le persone coinvolte”, hanno detto in un comunicato i proprietari della palestra, Mark McTague e Kelly Cramer, aggiungendo che l’incidente è avvenuto fuori dalla palestra e che tutti gli atleti coinvolti non sono più stati coinvolti. partecipato lì. “Abbiamo politiche ben consolidate e una politica anti-bullismo molto rigida nel nostro programma.

Lo hanno detto i funzionari di polizia ha eseguito più mandati di perquisizione durante tutto l’anno per determinare la fonte dei messaggi di testo. Gli investigatori hanno chiesto ai fornitori di rivelare gli indirizzi IP associati ai numeri di telefono assortiti, che hanno ricondotto alla residenza della signora Spone.

Il 18 dicembre, ha detto la polizia, sono entrati nella casa della signora Spone con un mandato di perquisizione e hanno sequestrato diversi dispositivi, tra cui più telefoni cellulari. Con un altro mandato di perquisizione approvato il 28 dicembre, ha detto la polizia, hanno analizzato i dispositivi e hanno scoperto che sei messaggi su uno dei cellulari allineati con la data in cui le vittime avevano ricevuto i messaggi.

Henry Ajder, che fa ricerche sui deepfake, ha detto che crimini come quello che la signora Spone è stata accusata di aver commesso sono qualcosa che ha visto arrivare. La generazione di deepfake è diventata più accessibile alle persone tramite app e strumenti di scambio di volti e sincronizzazione labiale. Le persone possono persino assumere altri tramite forum online per generare deepfake più realistici.

Mentre molte delle app disponibili, come quella attraverso il sito Web di genealogia La mia eredita, non producono immagini incredibilmente realistiche, Ajder prevede che nei prossimi cinque anni la tecnologia per creare rappresentazioni più realistiche potrebbe emergere in modo più ampio.

#Donna #della #Pennsylvania #accusata #usare #tecnologia #Deepfake #molestare #cheerleader

Informazioni sull\'autore del post

admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *