È ora di ripensare alle Olimpiadi

Visualizzazioni: 13
0 0
Tempo per leggere:5 Minuto, 51 Secondo

È giunto il momento di mettere in pausa e reinventare le Olimpiadi. Potrebbe anche essere il momento, sono arrivato a credere, che l’intero tentativo di chiudere definitivamente.

Che ne dici?

In primo luogo, considera il breve termine.

A luglio, inizieranno a Tokyo altri giochi estivi decisamente troppo costosi, originariamente previsti per il 2020 ma rinviati a causa della pandemia.

Il tempismo rimane pessimo.

Il Giappone ha lavorato duramente per reprimere il coronavirus, ma ora i casi si stanno avvicinando, e anche quelli della nazione tasso di vaccinazione è in ritardo. Gli organizzatori hanno appena reindirizzato la staffetta della torcia programmata questa settimana per raggiungere il strade di Osaka, dove ha detto un funzionario sanitario la diffusione di nuove varianti aveva spinto il sistema medico “sull’orlo del collasso”.

In questo ambiente travagliato, scenderanno 11.000 atleti da tutti gli angoli del globo, insieme ad allenatori, funzionari, personale di supporto olimpico, operatori dei media e altro ancora. I Giochi di Tokyo potrebbero finire per essere un evento superspreader di tre settimane che porta alla morte e alla malattia in tutto il Giappone e ben oltre.



Il pubblico giapponese è diventato saggio nei confronti del rischio per la salute. È anche a conoscenza delle stime che mostrano che il costo per i Giochi è salito a un record di $ 15,4 miliardi, in aumento di $ 3 miliardi solo nell’ultimo anno. Recenti sondaggi mostrano quasi l’80% dei giapponesi dire che i Giochi dovrebbero essere rinviati di nuovo o annullati.

Poi ci sono i Giochi invernali, in programma per febbraio 2022 a Pechino e dintorni. L’anticipazione si è concentrata principalmente sull’opportunità di boicottarli perché la Cina è stata ripetutamente accusata di aver brutalizzato il proprio popolo. La Cina nega tali affermazioni, ma l’amministrazione Biden, il parlamento canadese, i funzionari delle Nazioni Unite e fino a 180 organizzazioni per i diritti umani hanno detto La Cina è impegnata nel genocidio contro le minoranze etniche musulmane.

Questo è in cima al record brutale dell’attuale regime cinese di repressioni sul dissenso in Hong Kong e il Tibet, che i suoi funzionari hanno continuato a negare.



Qual è il modo migliore per rispondere?

L’amministrazione Biden dovrebbe spingere un boicottaggio a tutto campo che tenga gli atleti a casa anche se un ministro degli esteri cinese la scorsa settimana ha avvertito di una “robusta risposta cinese”?

Dovrebbero Gli sponsor delle aziende statunitensi si ritirano? Le emittenti americane dovrebbero rifiutarsi di mostrare la Cina in una luce favorevole?

Gli atleti invernali vanno a Pechino mentre i diplomatici americani stanno alla larga? Ci sono alcuni esperti che credono che gli atleti possano inviare i segnali più acuti, salendo per protesta sui podi delle medaglie, durante la cerimonia di apertura o le gare.

Ma questo sta chiedendo molto a un gruppo escluso dal vero potere dal Comitato Olimpico Internazionale, che ha ancora la regola 50 sui suoi libri, una legge che vieta rigorosamente le manifestazioni di dissenso. Andare contro significa rischiare di essere escluso dalla futura concorrenza.

“Sarei terrorizzato di protestare in Cina, e sarei terrorizzato per i miei compagni di squadra americani se qualcuno di loro decidesse di alzarsi in piedi” e rendere note le loro opinioni mentre sono lì, ha detto Noah Hoffman, due volte sciatore olimpico di fondo che è ora un membro del consiglio di Global Athlete, un’organizzazione no profit che spinge a riformare i Giochi.

Hoffman ha notato che il Comitato Olimpico e Paralimpico degli Stati Uniti ha recentemente accettato di consentire la protesta degli atleti, ma fino a quando il CIO non farà lo stesso, le voci degli atleti continueranno a essere mute.

Ricordiamo che nel 2014 le Olimpiadi invernali sono state ospitate a Sochi, in Russia. La nazione ospitante non solo ha condotto una massiccia operazione di doping durante l’evento, ma Crimea annessa poco dopo, suscitando una diffusa condanna internazionale. Perché il CIO ha assegnato i Giochi del 2022 a un’altra autocrazia con uno scadente record di diritti umani?

Nel 2015, quando è stata presa la decisione finale, restavano solo due opzioni: la Cina – che ha tenuto i Giochi estivi sette anni prima – e un’altra dittatura, il Kazakistan. Le nazioni che sembrerebbero ospitare più ideali, tra cui Norvegia e Svezia, hanno abbandonato la corsa, parte di una tendenza allo scetticismo sui costi di ospitare un’Olimpiade.

Le Olimpiadi moderne, fondate nel 1890 come un modo per mostrare “una vita basata sulla gioia trovata nello sforzo, il valore educativo di un buon esempio e il rispetto dei principi etici fondamentali universali”, sono ora sinonimo di scandalo di molte varietà, tra cui doping, corruzione e abuso fisico degli atleti.

Hanno scatenato sofferenze tra i poveri e la classe operaia nelle città ospitanti attraverso la gentrificazione e l’allontanamento forzato di decine di migliaia di residenti in luoghi da Pechino a Seoul a Rio.

non lo dimenticherò mai reporting dal costoso, arene appena costruite dei Giochi di Rio del 2016 e poi diretti alle vicine favelas, le comunità povere di case popolari punteggiate attraverso la città portuale.

Lì, vicino a fogne a cielo aperto che scorrevano con fiumi di urina e feci, ho sentito le storie angosciate di residenti che erano stati cacciati dalle loro piccole case per far posto alla costruzione olimpica. Ho anche visto una caratteristica sempre presente dei Giochi: la polizia in stile paramilitare apparentemente ad ogni angolo, le mitragliatrici al seguito, i ragazzi di strada che scacciavano dagli angoli, tenendo d’occhio la gente del posto in modo che la città potesse mantenere un’immagine genuina del mondo.

Rio non poteva permettersi le Olimpiadi, come Atene, che nel 2004 ha dato vita a un gioco estivo di giochi che finì per costare quasi $ 11 miliardi – il doppio delle prime previsioni – in un precursore dei guai finanziari greci che videro la nazione quasi fallire . Quelle città non sono certo sole.

È ora di porre le grandi domande sull’impresa olimpica.



I vantaggi valgono i costi?

Le Olimpiadi dovrebbero continuare ad esistere se continuano a causare tali danni?

Come potrebbe essere una vera riforma?

Ecco alcune idee.

Smettila di assegnare i Giochi a nazioni autoritarie che ignorano palesemente i diritti umani.

Dare agli atleti una maggiore potenza, non solo per poter protestare dalle tribune delle medaglie, ma in modo che possano essere partner alla pari nel plasmare l’intero movimento olimpico.

Invece di saltare in giro per il mondo, prendi in considerazione delle alternative. Forse parcheggia i Giochi in modo permanente in un paio di luoghi ben utilizzati: uno per l’estate, uno per l’inverno. Ciò ridurrebbe i costi, i danni ambientali e gli spostamenti. Inoltre porterebbe fine a una procedura di offerta che invita alla corruzione.

O decentralizza. Tieni singoli eventi in siti già costruiti in tutto il mondo durante una finestra di tre settimane. Certo, dovremmo rinunciare allo spettacolo di una sontuosa cerimonia di apertura e al pensiero di atleti di sport diversi che si mescolano nei Villaggi Olimpici. Ma in un mondo interconnesso pieno di spettacoli sontuosi, tutto ciò è ancora un must?

Lo ammetto, non ci sono molte risposte dirette, ma è ora di lavorare verso un nuovo futuro.

#ora #ripensare #alle #Olimpiadi

Informazioni sull\'autore del post

admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *