Hernandez e Strawberry. Reyes e Wright. Lindor?

Visualizzazioni: 3
0 0
Tempo per leggere:9 Minuto, 38 Secondo

In sei stagioni con Cleveland, Francisco Lindor ha messo in mostra una serie poliedrica di abilità che, confezionate sotto una passione irrefrenabile e un sorriso incantevole, si sono combinate per renderlo uno dei giocatori più eccitanti, carismatici e vincenti del baseball.

A partire da giovedì, Lindor metterà in mostra quel pacchetto completo per i Mets, con la possibilità di fare qualcosa di ancora più profondo. Data la sua età, il talento e l’apparente dedizione allo sport, e purché alla fine firmi con il club a lungo termine, Lindor, 27 anni, ha la possibilità di diventare il miglior giocatore di posizione a tutto tondo che i Mets abbiano mai avuto.

“Poteva superarli tutti”, ha detto Bobby Valentine, che dal 1977 ha giocato, allenato, gestito ed è stato un analista televisivo per i Mets. “La sua cassetta degli attrezzi ha il miglior set di strumenti, credo, di chiunque abbia mai giocato per i Mets.”

Mike Piazza ha colpito la palla più lontano e ha avuto una media di battuta migliore, ma non era un difensore o un corridore di prim’ordine. Carlos Beltran è stato il miglior free agent a firmare nella storia della franchigia, ma ne ha falliti alcuni dopo i suoi primi quattro anni con la squadra. Darryl Strawberry ha colpito la palla sulla luna e ha avuto la velocità per rubare le basi, ma era meno coerente al piatto e non poteva eguagliare la difesa di Lindor.

Jose Reyes aveva la velocità e il sorriso, David Wright ha messo in piedi alcuni anni di alto livello e Keith Hernandez ha avuto un innegabile impatto a tutto tondo sulla squadra del campionato 1986.

Ma Lindor, che i Mets hanno acquisito in uno scambio di successo a gennaio, può competere con chiunque di loro in termini di sostanza e stile. Uno switch-hitter, colpisce per la potenza da entrambi i lati del piatto e accumula corse. È un eccellente interbase difensivo. Usa la sua velocità e il suo know-how sui percorsi base, dimostrando regolarmente di poter segnare dalla prima base su una palla nello spazio vuoto, afferrare una base extra o rubarne una quando necessario – e fa tutto con un talento accattivante sotto un lampo di capelli a volte multicolori.

Ron Darling, l’ex lanciatore dei Mets diventato emittente televisiva, ha detto che Hernandez è stato il migliore con cui abbia mai giocato. La rara combinazione di abilità offensive e difensive di Hernandez, oltre alla sua impareggiabile conoscenza del gioco, istinti, prestazioni in situazioni di frizione e la sua reputazione di ammirato compagno di squadra, hanno reso Hernandez unico.

“Lindor ha quelle qualità”, ha detto Darling, che ha visto giocare Lindor da quando è arrivato per la prima volta nei grandi campionati nel 2015. “Deve restare e farlo, ma c’è l’opportunità per Lindor di entrare un giorno nella Hall of Fame in a Mets hat. Potrebbe succedere, ecco quanto è bravo “.

Le statistiche brillano già sulla pagina di riferimento del baseball di Lindor, stuzzicando i fan dei Mets che lo vedono come la base del futuro, a patto che i Mets possano firmarlo per un’estensione del contratto, ora o alla fine della stagione. I negoziati sono in corso durante l’allenamento primaverile, ma il giocatore e la squadra sarebbero separati da decine di milioni di dollari e Lindor ha detto che avrebbe terminato i colloqui una volta iniziata la stagione. Ciò lo renderebbe un agente libero dopo la stagione, a quel punto potrebbe firmare nuovamente con i Mets o unirsi a un’altra squadra.

Il mercato per Lindor sarebbe robusto.

Ha segnato almeno 32 fuoricampo e 40 doppi in ciascuna delle tre stagioni prima della stagione 2020 accorciata dalla pandemia, e ha segnato almeno 99 punti in ciascuna delle sue ultime quattro stagioni complete, guidando entrambi i campionati con 129 punti segnati nel 2018. Ha una media di battuta di 0,285 in carriera e una percentuale di colpi di 0,833 su base più. Nelle ultime quattro stagioni, ha ottenuto il maggior numero di fuoricampo (111) e di successi extra-base (258) tra gli shorttop.

È anche uno dei maghi difensivi del baseball. Lindor ha vinto il Gold Glove Award per gli shortstops dell’American League nel 2016 e nel 2019 e secondo FanGraphs, si è piazzato tra i primi sei tra gli shortstops nella valutazione della zona finale – una metrica che misura il contributo difensivo complessivo di un giocatore – in ciascuno degli ultimi cinque le stagioni. L’anno scorso era il numero 1. E per i tradizionalisti che apprezzano la sicurezza indicata dalla percentuale di fielding, le acrobazie di Lindor non gli hanno impedito di mettere insieme un punteggio di .981, che è il quarto tra gli short stop attivi e l’undicesimo più alto di sempre. .

Quale giocatore Mets attuale o precedente può vantare quella combinazione di velocità, abilità, potenza e difesa? Sicuramente, solo una manciata. Se ce ne sono.

Non c’è modo di quantificare definitivamente una discussione soggettiva sul miglior giocatore in posizione di Mets di sempre. Ma se vince sopra la sostituzione – un’aggregazione di dati statistici che tenta di misurare tutte le abilità di un giocatore mentre si adegua al park e all’era – è considerato un benchmark approssimativo, allora Lindor si accumula molto bene.

Si unisce ai Mets con una GUERRA cumulativa di 28,8, secondo Baseball Reference. La media di 4.8 vittorie all’anno è impressionante, ma i numeri di Lindor sarebbero indubbiamente più forti se non fosse per il programma abbreviato dello scorso anno, che gli è costato fino a 102 partite. Nelle cinque stagioni precedenti, aveva una media di 5,52 WAR all’anno, con un massimo di 7,8 nel 2018. Mentre quei numeri alla fine sarebbero diminuiti, come fanno per qualsiasi giocatore anziano, i Mets potrebbero ragionevolmente aspettarsi di vedere diversi anni del primo di Lindor. resta con la squadra oltre il 2021.

Se quegli anni migliori possono eguagliare o superare i suoi anni migliori a Cleveland, Lindor potrebbe distinguersi da numerosi grandi Mets.

Strawberry ha giocato otto stagioni con i Mets e una media di 4,58 WAR a stagione. La media di Beltran con i Mets era di 4,44 e quella di Piazza di 3,08.

Jose Reyes, il giocatore che potrebbe servire come metro di paragone per Lindor come interbase veloce e che colpisce con un approccio gioioso al gioco, ha avuto una GUERRA media di 3,1 durante il suo periodo originale di nove anni con la squadra. La GUERRA media di Wright era 3,51.

Strawberry, Piazza, Beltran, Reyes e Wright erano tutti grandi giocatori di posizione di Mets, e altri come Gary Carter, Howard Johnson ed Edgardo Alfonzo hanno avuto tratti sensazionali. Ma Howie Rose, che potrebbe aver visto più giochi di Mets di chiunque altro, concorda con Darling sul fatto che Hernandez potrebbe avere la più forte affermazione come il miglior Met a tutto tondo di sempre.

Ora l’annunciatore radiofonico della squadra, Rose ha assistito alla sua prima partita dei Mets al Polo Grounds il 6 luglio 1962 – la loro stagione inaugurale – e la sua carriera di radiodiffusione dei Mets risale al 1987. Ha detto che l’impatto di Hernandez con la squadra non può essere sopravvalutato.

Hernandez ha battuto oltre .300 nelle sue prime quattro stagioni con i Mets, ha avuto una percentuale di base superiore a .400 tre volte, è stato tra i primi 10 a votare per il premio Most Valuable Player della National League tre volte e ha vinto cinque guanti d’oro all’inizio base.

“Il suo guanto diceva Rawlings su di esso, ma avrebbe potuto altrettanto facilmente dire Stradivarius”, ha detto Rose, riferendosi ai violini di livello mondiale. “Non ha solo interpretato la posizione, l’ha eseguita, ed è stato anche un eccellente battitore.”

Hernandez ha avuto una GUERRA media di 3,8 durante i suoi sette anni con i Mets, ma Rose ha sottolineato che la metrica non potrebbe mai spiegare le inconfondibili qualità di leadership di Hernandez.

Rose ha detto che Lindor ha il talento per eguagliare Hernandez (più potere, ma forse meno virtuosismo in campo) ed è ansioso di vedere se Lindor, che ha un ruolo attivo nell’unione dei giocatori, assume anche un ruolo di leadership con i Mets.

“Questo gruppo va d’accordo, si divertono insieme e hanno una certa dinamica che ogni giocatore in arrivo deve essere un po ‘cauto mentre lo attraversano”, ha detto Rose. “Lindor non sembra essere particolarmente circospetto. Il suo sorriso annuncia il suo arrivo e la sua abilità certifica la sua posizione. Per quanto riguarda l’adozione di un ruolo di leadership, è una cosa delicata. Ma sembra che gli venga naturale. “

Ma non tutti i paragoni per le stelle in arrivo sono favorevoli, e Lindor non è il primo giocatore ad arrivare a Flushing via Cleveland con un curriculum straripante. Roberto Alomar si presentò con la stessa speranza nel 2002.

All’epoca in cui i Mets acquisirono Alomar da Cleveland nel 2001, aveva una GUERRA media annuale di 4,81, solo un segno di spunta migliore di quella di Lindor, ma procedette ad avere due stagioni terribili nel Queens. Una notevole differenza tra i due è che Alomar, che è stato eletto nella Hall of Fame nel 2011, aveva 34 anni durante la sua prima stagione con i Mets, sette anni più di Lindor ora.

“Lo stanno ottenendo in una grande età”, ha detto Rose di Lindor. “Supponendo che firmi nuovamente, vedremo quale dovrebbe essere il meglio di Francisco Lindor.”

Jim Duquette, analista di MLB Network Radio, era un assistente direttore generale dei Mets all’epoca del commercio Alomar. Notò qualcos’altro a favore di Lindor.

“Alcuni ragazzi puoi quasi scommettere che sono fatti per New York, e penso che Lindor sia uno di quei tipi”, ha detto Duquette. “I ragazzi che suonano con molta energia tendono a prosperare a New York, e penso che ci sia un’altra marcia per Lindor”.

Piazza, che è fiorito a New York durante la sua carriera nella Hall of Fame, ha notato durante gli allenamenti primaverili che Lindor ha il temperamento non solo per avere successo in città, ma per eccellere sotto i suoi riflettori scintillanti.

“Penso che ce l’abbia”, ha detto Piazza. “Deve uscire e dimostrarlo, ovviamente. Ma sembra un ragazzo davvero in gamba. Ha i capelli colorati, questo è certo. Mi piace.”

Lindor desidera ardentemente anche il tempo in campo, mancando solo 30 delle 708 partite possibili nelle ultime cinque stagioni. Ross Atkins, il direttore generale dei Toronto Blue Jays, era il direttore dello sviluppo dei giocatori quando Cleveland arruolò Lindor dalla Montverde Academy in Florida. Atkins ha notato una ragione meno nota per il successo e la durata di Lindor.

“Una cosa che alcune persone non si rendono conto di Francisco è quanto sia forte e quanto fisico”, ha detto Atkins. “Non è il ragazzo più alto, ma è uno dei giocatori più forti del gioco. E non è solo che può spostare il peso. È il modo in cui dispiega quella forza. È uno dei migliori atleti professionisti del mondo “.

Con o senza un’estensione del contratto a lungo termine, l’esperimento inizia giovedì, quando i fan di Mets inizieranno a valutare se Lindor crolla come Alomar, Jason Bay, Mo Vaughn o Kaz Matsui, diventa una meraviglia di un anno e se ne va nel 2022, o si inserisce tra i più grandi giocatori di posizione Mets di sempre.

“Sono sempre stato attratto da quanto ama giocare”, ha detto Darling di Lindor. “Non ne ha mai abbastanza, e ragazzo, ami che la tua superstar sia quel tipo di giocatore. Deve ancora uscire e farlo, ma in termini di puro talento, ha la possibilità di essere il migliore “.

#Hernandez #Strawberry #Reyes #Wright #Lindor

Informazioni sull\'autore del post

admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *