Houston resiste e raggiunge gli ultimi quattro

Visualizzazioni: 4
0 0
Tempo per leggere:5 Minuto, 48 Secondo

INDIANAPOLIS – C’era una volta la Southwest Conference dove dominava il calcio e vagavano i rinnegati. Era una terra di buste piene di soldi, lavori fittizi e reclutatori che portavano più doni di Babbo Natale. Ad un certo punto, sei scuole erano in libertà vigilata dalla NCAA, il calcio metodista meridionale è stato sospeso per un anno e la serie di scandali ha intrappolato anche un governatore del Texas e un amministratore fiduciario del Texas A&M che era un proprietario parziale dei Dallas Cowboys.

Il campionato era anche il luogo in cui nessuno prestava molta attenzione al basket.

Il sud-ovest è scomparso da tempo, vittima dei suoi stessi eccessi e delle sedie musicali del riallineamento delle conferenze, i suoi membri sparsi per il panorama del college. Ma per coloro che potrebbero portare un po ‘di nostalgia per quei giorni selvaggi (del sud) ovest, le Final Four attireranno le corde del cuore come i booster usavano per tirare fuori mazzette di denaro.

Due campi della diaspora si uniranno in una semifinale nazionale sabato dopo che Houston ha concluso una corsa straordinaria del seme numero 12 dell’Oregon State con una vittoria per 67-61 nella finale regionale del Midwest lunedì. Le teste di serie numero 2 Cougars giocheranno il vincitore della finale regionale del sud di lunedì tra Baylor, ora nei Big 12, e Arkansas, ora nella Southeastern Conference.

I Cougars, che sono nelle Final Four per il momento dal 1984, hanno portato un vantaggio di 17 punti nel primo tempo ma si sono stabilizzati quando Quentin Grimes ha colpito un 3 punti dalla cima dell’arco a 3 minuti e 21 secondi dalla fine, portandoli in vantaggio stare.

I Cougars (28-3), che hanno recuperato da un deficit di 10 punti nel secondo tempo per battere Rutgers numero 10 nel secondo turno, hanno attraversato un girone distrutto, affrontando il 15 °, 10 °, 11 ° e 12 ° gruppo. Il loro ultimo avversario, Oregon State (20-13), stava cercando di diventare il seme più basso per raggiungere le Final Four.

Houston ha una ricca storia di basket, che risale agli anni ’60, quando Elvin Hayes ha alimentato una squadra che ha minacciato la dinastia dell’UCLA e portandola avanti fino alla metà degli anni ’80, quando le squadre ad alta quota di Phi Slama Jama – guidato dai futuri Hall of Famers Hakeem Olajuwon e Clyde Drexler – è andato a tre Final Four consecutive, perdendo partite consecutive per il titolo.

Da allora sono successe molte cose. Poco è stato un bene per i Cougars.

Relegata alla Conference USA una volta che il Southwest si sciolse nel 1996 e poi si trasferì all’American Athletic Conference, Houston ebbe scarso successo nel realizzare le sue ambizioni atletiche per rivaleggiare con le scuole del fratello maggiore come il Texas e il Texas A&M.

Uno swing, però, ha dato i suoi frutti: assumere Kelvin Sampson, un allenatore saggio ma pieno di scandali. Ha ottenuto il sostegno finanziario di Tilman Fertitta, il magnate dei ristoranti e dei casinò che possiede gli Houston Rockets. Ha investito $ 20 milioni in una campagna per rinnovare il padiglione Hofheinz dei Cougars, ora noto come Fertitta Center.

Sampson, che nel 2018 ha portato Houston alla sua prima vittoria in un torneo in 34 anni, ora ha i Cougars in grado di vincere il loro primo campionato – e lo farebbe da outsider.

L’unica squadra al di fuori delle conferenze Power 6 a vincere un campionato dall’UNLV nel 1990 è stata il Connecticut nel 2014, dopo la sua prima stagione negli Stati Uniti dopo aver trascorso decenni nel Big East. Houston si adatta bene a quel profilo con una banda di trasferimenti e talenti trascurati.

Sei Cougars, tra cui quattro titolari, hanno iniziato la loro carriera altrove – nessuno in modo più prominente di Grimes, un’acclamata recluta che ha segnato il suo arrivo al college di basket in Kansas segnando 21 punti in una vittoria contro una squadra dello Stato del Michigan che è finita in le Final Four.

Ma Grimes, non così a suo agio come avrebbe voluto, tornò a casa a Houston.

Sampson è stato in grado di lanciare un track record di sviluppo, lucidato da sei anni trascorsi come assistente NBA, anche se quel periodo è stato essenzialmente un esilio dopo essere atterrato in Oklahoma e poi in Indiana in libertà vigilata per aver violato le regole NCAA.

Se Sampson ha raramente avuto talenti d’élite, ha costantemente costruito vincitori attorno a giocatori di baseball dal naso duro che costruiscono una fortezza attorno al canestro che stanno difendendo. Nelle sue 27 stagioni precedenti come capo allenatore – nello Stato di Washington, Oklahoma, Indiana e Houston – era stato abbastanza buono per raggiungere regolarmente il torneo NCAA ma per una sola trasferta alle Final Four, nel 2002 con l’Oklahoma. La coppia di difesa di quella squadra – Hollis Price e Quannas White – fa parte del suo staff con i Cougars.

Sicuramente stavano annuendo con approvazione lunedì sera mentre i Cougars prendevano spazio dal pavimento dell’Oregon State pieno di tiratori, lasciandoli agitati. Price e White dovevano essere particolarmente contenti di DeJon Jarreau, una vigorosa guardia di 6 piedi 5 che, come loro, è di New Orleans.

Un trasferimento dal Massachusetts, Jarreau aveva 10 punti, 8 assist e 8 rimbalzi, ma il suo lavoro migliore potrebbe essere stato in difesa. Ha infastidito Ethan Thompson, che aveva segnato 48 punti nelle due partite precedenti ed era stato particolarmente abile nel raggiungere la linea di tiro libero, dove aveva effettuato 25 dei 26 tiri nel torneo. Lunedì, Thompson è stato limitato a 11 punti, sebbene abbia contribuito con 7 rimbalzi e 6 assist per alimentare la carica in ritardo dello Stato dell’Oregon.

I Beavers erano fioriti nelle partite a ruota libera nel fine settimana di apertura del torneo, superando il Tennessee quinto testa di serie e poi eliminando Oklahoma State quarto testa di serie, un popolare cavallo oscuro delle Final Four che aveva la presunta scelta al draft NBA n. 1, Cade Cunningham.

Ma le molestie dei Cougars hanno interrotto le corsie di passaggio e hanno costretto i Beavers nella scomoda posizione di cercare di battere i difensori più veloci dal dribbling. Ciò ha inevitabilmente portato a palle perse, che hanno alimentato opportunità di transizione per Houston, e sebbene i Cougars non abbiano sparato particolarmente bene, la loro attività sui tabelloni (19 rimbalzi offensivi) è stata profumatamente ricompensata. Houston era in vantaggio per 34-17 all’intervallo.

La difesa a zona dei Beavers è diventata più attiva dopo l’intervallo e ha confuso Houston, e Oregon State è stato anche molto più abile nel tenere i Cougars fuori dal tabellone. Costantemente, i Castori si arrampicarono a una distanza impressionante per una carica finale. È arrivato quando Gianni Hunt ha messo a segno una tripla per pareggiare il punteggio, 55-55, a 3:40 dalla fine.

Ma Grimes ha risposto con la sua 3-pointer, che era l’ultimo canestro dei Cougars prima di una serie di tiri liberi. Ciò si è rivelato sufficiente.

#Houston #resiste #raggiunge #gli #ultimi #quattro

Informazioni sull\'autore del post

admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *