Il Concussion Settlement della NFL esaminerà il pregiudizio razziale nei pagamenti

Visualizzazioni: 9
0 0
Tempo per leggere:5 Minuto, 29 Secondo

Il giudice che sovrintende al punto di riferimento NFL concussione insediamento ha ordinato a un mediatore di esaminare le preoccupazioni sull’uso della lega di curve di punteggio separate – una per gli atleti neri, un’altra per i giocatori bianchi – utilizzate dai medici per valutare le affermazioni relative alla demenza che i giocatori in pensione dicono “esplicitamente e deliberatamente” discriminate contro centinaia se non migliaia di giocatori neri.

Segue la mediazione tra la NFL e gli avvocati che rappresentano i circa 20.000 giocatori in pensione coperti dall’accordo due giocatori neri in pensione, Kevin Henry e Najeh Davenport, hanno intentato una causa per i diritti civili e una causa contro l’accordo ad agosto ciò ha richiesto la fine della pratica dei benchmark regolamentati dalla razza per valutare le loro affermazioni di demenza e morbo di Alzheimer. Entrambi i casi sono stati archiviati, ma gli avvocati dei due giocatori hanno in programma di presentare ricorso.

La loro accusa di discriminazione sistematica ha gettato una luce dura sulla soluzione raggiunta nel 2015. Da allora i pagamenti della transazione sono stati afflitti da ritardi, prestatori predatori, accuse di frode e una mancanza di trasparenza. Le critiche alle politiche di valutazione basate sulla razza arrivano in un momento critico per la NFL, che cerca di affrontare disuguaglianza razziale e preoccupazioni sociali sollevate dai giocatori neri, che costituiscono circa il 70 per cento dei giocatori attivi nei roster del campionato.

Dopo che le cause sono state archiviate, quattro membri del Congresso hanno richiesto dati alla NFL per determinare se i giocatori neri fossero discriminati. (La NFL ha rifiutato di condividere.) Il mese scorso, un rapporto di ABC News includeva la corrispondenza tra medici assunti per valutare i giocatori in pensione in cui i neuropsicologi sollevavano preoccupazioni sul fatto che la normazione della razza discriminasse i giocatori di colore. Questo mese, più di una dozzina di mogli di giocatori NFL neri in pensione hanno inviato al giudice una petizione con quasi 50.000 firme che chiedevano la fine delle norme sulla razza.

Per ora la mediazione tiene vive le loro lamentele.

Il giudice che sovrintende alla transazione, Anita B. Brody della Corte distrettuale degli Stati Uniti per il distretto orientale della Pennsylvania, ha archiviato le cause perché si trattava di un “attacco collaterale improprio” alla transazione. Brody ha espresso preoccupazione per i parametri di riferimento basati sulla razza utilizzati dai medici della lega, ma non ha fornito dettagli specifici per guidare il mediatore, che deve “affrontare le preoccupazioni relative alla questione delle norme sulla razza”.

Un giudice magistrato fungerà da mediatore tra la NFL e Christopher Seeger, l’avvocato principale dei querelanti che rappresenta l’intera classe di circa 20.000 giocatori in pensione. Non esiste una tempistica per le parti per raggiungere un accordo.

Gli avvocati di Henry e Davenport, così come le mogli degli ex giocatori, hanno espresso dubbi sul fatto che Seeger rappresenterà equamente gli interessi dei giocatori neri nella mediazione. La NFL e Seeger, hanno detto, hanno introdotto l’uso della norma sulla razza nell’accordo transattivo nel 2017 e non hanno alcun incentivo ad ammettere ora che è imperfetto.

“Siamo profondamente preoccupati che la soluzione proposta dalla Corte sia di ordinare alle parti che hanno creato questo sistema discriminatorio di negoziare una soluzione”, ha detto Cyril Smith, un avvocato di Henry e Davenport. “La classe degli ex giocatori neri che rappresentiamo deve avere un posto al tavolo e un processo trasparente, in modo che non saremo di nuovo nello stesso posto tra quattro anni ad affrontare un altro accordo fatalmente imperfetto”.

Amy Lewis, il cui marito, Ken Jenkins, giocava nella NFL, era altrettanto scettica. Lasciare la NFL e Seeger a trovare un accordo è “dare alla volpe un’altra possibilità di sorvegliare il pollaio”, ha detto in una lettera al giudice Brody inviata per conto di più di una dozzina di altre mogli di giocatori della NFL. “Come può qualcuno di noi avere fede che le parti che violano non lo seppelliranno, ancora una volta, e negheranno i diritti civili ai nostri mariti?”

Lewis ha detto che il gruppo avrebbe chiesto al Dipartimento di Giustizia e al Congresso di avviare un’indagine sulle “violazioni dei diritti civili e possibili collusioni” tra la NFL e Seeger.

In una dichiarazione, Seeger ha affermato di “non aver visto alcuna prova di pregiudizio razziale nel programma di transazione”, ma “continua a rivedere le affermazioni per determinare se qualsiasi reclamo è stato negato in modo inappropriato a seguito dell’applicazione di questi aggiustamenti”.

Ma ha detto che gli aggiustamenti demografici basati sulla razza dovrebbero essere scartati e che i giocatori a cui è stato negato il reclamo a causa della normativa sulla razza dovrebbero avere un nuovo punteggio dei loro test senza gli aggiustamenti basati sulla razza se ci fossero prove di discriminazione.

“Questo significa eliminato e andato dall’insediamento”, ha detto Seeger in una nota.

Alcuni avvocati rimangono scettici sul fatto che Seeger, che in precedenza negava l’esistenza di qualsiasi discriminazione, spingerà la NFL abbastanza forte da rivalutare i punteggi delle migliaia di giocatori neri che sono stati testati e potrebbe anche non sapere perché sono stati esclusi, un processo ciò potrebbe portare a centinaia di giocatori che alla fine si qualificano per pagamenti, ciascuno potenzialmente del valore di centinaia di migliaia di dollari.

“Non è difficile da fare, ma potrebbe essere costoso per la NFL”, ha detto Justin Wyatt, che rappresenta più di 100 giocatori in pensione nell’insediamento. “Dobbiamo cercare dove le persone sono state discriminate, e questo significa salvare ogni giocatore afroamericano. Spetta a noi assicurarci che questo processo sia privo di discriminazioni “.

Il senatore Ron Wyden dell’Oregon, che con il senatore Cory Booker del New Jersey e due membri della Camera ha chiesto alla NFL dati sulla normazione della razza, ha affermato che “la lega non è riuscita a produrre un brandello di prove scientifiche a sostegno dell’assurda affermazione che l’utilizzo di questo la formula basata sulla razza in qualche modo aiuta gli ex giocatori neri, invece di impedire ingiustamente loro di ottenere benefici “.

Ha aggiunto: “La NFL non ha più scuse – deve abbandonare immediatamente questa formula razzista”.

Finora, la NFL ha pagato più di $ 765 milioni a 1.189 giocatori con demenza, morbo di Alzheimer e altre malattie cognitive e neurologiche. Tuttavia, a molti più giocatori sono state negate, verificate o ritirate le loro richieste, incluso circa il 70% delle richieste di demenza.

In una dichiarazione, la NFL si è detta soddisfatta della decisione del giudice di archiviare i casi e non vedeva l’ora di lavorare con il mediatore, il giudice magistrato David R. Strawbridge, “per affrontare le preoccupazioni della Corte”.

#Concussion #Settlement #della #NFL #esaminerà #pregiudizio #razziale #nei #pagamenti

Informazioni sull\'autore del post

admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *