Il dottor Fauci sulla stagione di baseball 2021 e il suo disastroso primo lancio

Visualizzazioni: 6
0 0
Tempo per leggere:6 Minuto, 45 Secondo

Fino a Dr. Anthony S. Fauci può ricordare, la scorsa stagione è stata la prima volta che la sua vita è stata quasi completamente priva di guardare il baseball. “Con mio grande dolore”, ha detto in un’intervista al New York Times venerdì sera. Ha aggiunto in seguito: “È stato davvero terribile”.

Prima che la pandemia di coronavirus capovolgesse il mondo e consumasse la sua vita, Fauci, il massimo esperto di malattie infettive del governo degli Stati Uniti e consigliere di sette presidenti, amava una tregua dal lavoro che veniva dalla visita al Nationals Park, aprendo una birra, mangiando una bevanda calda. cane e guardando le sue amate nazionali. Crescendo, suonava nelle sabbie di Brooklyn, adorava gli Yankees e memorizzava le statistiche dei giocatori.

“Il mio anno è stato completamente un anno perso”, ha detto Fauci, 80 anni. “Spero che il prossimo anno sarà un po ‘diverso, ma questo dipenderà dalle dinamiche dell’epidemia.”

Con l’allenamento primaverile che inizierà la prossima settimana in Arizona e Florida – entrambi frequenti punti caldi del virus – e la stagione della Major League Baseball che inizierà il 1 aprile, Fauci ha discusso delle sfide di salute pubblica future, del suo ottimismo sul fatto che una normale stagione di 162 partite possa essere giocata. , la sua convinzione che i fan possano tornare sani e salvi sugli spalti all’aperto e quello che ha detto ai funzionari di baseball.

Nonostante non abbia guardato molto il baseball la scorsa stagione, almeno sai come sono andati i Nationals? (Dopo aver vinto il titolo World Series nel 2019, sono andati dal 26 al 34 nel 2020, pari all’ultimo nella National League East.)

Sì, un po ‘deludente. Ma torneremo.

Dal punto di vista della salute, hai seguito e visto come MLB e i giocatori hanno gestito la stagione 2020 senza una bolla – dai primi focolai sui Miami Marlins e St. Louis Cardinals che hanno messo a repentaglio la stagione all’inasprimento dei protocolli e alle condizioni di bolle per tutta la postseason?

Sfortunatamente, non posso davvero commentare in modo intelligente perché ne ero completamente fuori. Mi sento male perché sono un fanatico del baseball, ma ne ero completamente fuori. Lavoravo solo 18, 19 ore al giorno, sette giorni alla settimana. Non ho avuto tempo.

I funzionari federali hanno parlato separatamente con MLB e il sindacato dei giocatori la scorsa settimana. Hai consigliato di posticipare la stagione o di continuare come previsto?

Non stavo raccomandando un modo rispetto all’altro perché era molto chiaro che c’era tensione tra la leadership della Major League Baseball e la Players Association – che i giocatori volevano che la stagione andasse secondo i programmi e c’era qualche preoccupazione sul fatto che dovrebbe ritardarlo, il che avrebbe implicazioni salariali e di altro tipo. Non potevo essere coinvolto in questo.

L’unica cosa che ho detto è che, dal punto di vista della salute pubblica, sembra che i casi – se si guarda alla trama dei casi – abbiano raggiunto il picco, si stanno voltando indietro e stanno iniziando a scendere. E probabilmente, più tempo passa, meno casi vedremo. A meno che – a meno che – e questa sia una possibilità, abbiamo un’impennata inaspettata relativa ad alcuni dei varianti. Quindi penso che sarebbe davvero una chiamata ravvicinata e non volevo entrare in nessuna controversia sul ritardarlo o non ritardarlo.

Vorrei solo dire che qualunque cosa tu faccia, devi fare il meglio che puoi per proteggere i giocatori e le persone associate al gioco perché non vuoi che finiscano per essere infettati. Col passare del tempo, ci saranno sempre più vaccini disponibili. E immagino che entro un periodo di tempo ragionevole i giocatori e tutti gli altri saranno in grado di vaccinarsi. Non penso che succederà prima dell’inizio della stagione, ma penso che sarebbe qualcosa che è all’orizzonte.

In ogni caso, non volevo schierarmi in nessuna disputa perché penso che sia una decisione empirica. È davvero un giudizio.

Anche altri campionati sportivi professionistici chiedono consiglio?

Hanno tutti. E questo è il motivo per cui sono un po ‘timido per questo perché è stato estrapolato dal contesto. Mi fanno domande che sono domande scientifiche sulla salute pubblica e io do loro risposte basate su dati scientifici solidi. La decisione che prendono, dipende da loro.

Sebbene i casi sono in calo, sono ancora più alti rispetto a quando la stagione 2020 è iniziata il 23 luglio. Quindi sei più o meno ottimista sul fatto che una stagione più lunga di 162 partite possa essere completata?

La cosa su cui nutro un po ‘di ottimismo – ma vorrei sottolineare che si tratta di un cauto ottimismo – è che, anche se i casi sono elevati rispetto a questo periodo dell’anno scorso, sono in discesa. E come ogni giorno che passa, sembra che diventi sempre meno. Se guardi circa un mese fa, avevamo da 300.000 a 400.000 casi al giorno. Ora, negli ultimi giorni consecutivi, abbiamo avuto meno di 100.000 casi, il che è notevolmente diminuito.

Quindi, mentre le piste continuano a scendere, stiamo andando nella giusta direzione. Sovrapponete a ciò il fatto che ora abbiamo vaccini altamente efficaci che sono in fase di lancio. Stiamo vaccinando sempre più persone ogni giorno. E avremo sempre più vaccini disponibili con il passare delle settimane e dei mesi. Quindi sembra che stiamo andando nella giusta direzione. Che rimanga o meno in quella direzione dipenderà da un sacco di cose: le persone continueranno a stare attente e ad attuare misure di salute pubblica? Cosa succederà con le varianti? Renderanno le cose più difficili avendo un ulteriore picco di infezioni? Non lo so.

Il grande jolly in questo sono davvero le varianti. Perché il variante che è nel Regno Unito che probabilmente diventerà più dominante negli Stati Uniti, i modelli ci dicono che avverrà probabilmente entro la fine di marzo. Se non aderiamo alle misure di salute pubblica nel modo in cui dovremmo, questo potrebbe decollare su di noi. Questo è il motivo per cui dico di essere cautamente ottimista perché potremmo voltarci e andare nella direzione opposta abbastanza rapidamente.

I regolamenti possono variare a seconda delle comunità, ma cosa ne pensi della probabilità che ci saranno fan sugli spalti durante formazione primaverile e il stagione regolare?

L’aspetto positivo del baseball è che la maggior parte è all’aperto. E se distanzi abbastanza bene le persone, induci le persone a indossare maschere, hai situazioni in cui le persone non si affollano alle concessioni l’una accanto all’altra per procurarsi cibo e cose del genere, puoi farcela in un modo abbastanza sicuro, io credere.

Il governatore di New York Andrew M. Cuomo ha annunciato che a partire dal 23 febbraio, con requisiti di test, distanza e copertura del viso, le arene e gli stadi con 10.000 o più posti a sedere possono ospitare il 10% della capacità della sede. È consigliabile?

Se lo farai al chiuso, devi avere una capacità significativamente inferiore rispetto a quando lo farai all’aperto. L’outdoor è una grande valvola di sicurezza nel senso della trasmissione di malattie respiratorie. L’outdoor è sempre meglio dell’interno.

Da appassionato fan dei Nationals, torneresti al Nationals Park per vedere una partita in questa stagione?

Dipenderà interamente dal livello del virus nella comunità. Se ogni volta che guardi le classifiche sul giornale sulle infezioni, continua ad andare sempre più giù e giù, poi quando mi preparo per andare a una partita – dove, per me, fa abbastanza caldo per andare a una partita – potrei benissimo decidere che voglio andare in tribuna. Ma ancora una volta, è difficile prendere una decisione a metà del freddo mese di febbraio su qualcosa che potresti fare a marzo o aprile perché non sai quale sarà il livello di infezione.

Un’ultima nota, vuoi lanciare un altro primo lancio cerimoniale dopo quello dell’anno scorso lancio errante al Nationals Park il giorno dell’apertura?

Vorrei una possibilità per riscattarmi. (Ridendo.)

Ti è stata data questa opportunità?

No, non hanno ancora parlato di questo.

Ti stai esercitando almeno nel frattempo?

Non l’ho fatto. Questo era il problema con il motivo per cui l’ho lanciato così male: mi sono allenato così tanto che mi sono fatto male al braccio.

#dottor #Fauci #sulla #stagione #baseball #suo #disastroso #primo #lancio

Informazioni sull\'autore del post

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *