Il velocista Christian Coleman bandito dalle Olimpiadi di Tokyo

Visualizzazioni: 11
0 0
Tempo per leggere:3 Minuto, 44 Secondo

Christian Coleman, il campione del mondo in carica nei 100 metri, salterà le Olimpiadi di Tokyo dopo che il massimo organo giudiziario dello sport lo ha punito con un divieto di 18 mesi dalle competizioni per aver saltato tre test antidoping entro un anno.

Il rigore, inflitto dalla Corte di Arbitrato dello Sport in Svizzera, è un duro colpo per Coleman, 25 anni, stella nascente in atletica leggera e la migliore speranza per gli Stati Uniti di vincere una medaglia d’oro in un evento che Usain Bolt , che ora è in pensione, ha dominato per più di un decennio.

L’inizio del divieto è stato retrodatato al 14 maggio 2020, il che significa che durerà fino a metà novembre. L’Athlete Integrity Unit, che gestisce la disciplina antidoping per World Athletics, l’organo di governo dello sport, originariamente sospese Coleman per due anni. Il collegio del tribunale sportivo ha ridotto la pena di sei mesi perché ha ritenuto “il grado di negligenza dell’atleta inferiore a quello stabilito nella decisione impugnata”.

“È deluso dalla decisione e manca le Olimpiadi, ma non si ferma”, ha detto Seth Coleman, il padre di Christian, durante un’intervista venerdì. “Non è stato seduto sul divano durante tutto questo.”

Infatti Coleman, che ha vinto la medaglia d’oro nei 100 metri ai Campionati mondiali di atletica leggera 2019 quando ha corso 9.76, era alle prove venerdì mattina in Kentucky e non è stato disponibile per un commento. Il padre di Coleman ha detto che suo figlio ha intenzione di competere durante la stagione indoor del prossimo anno e difendere il suo campionato del mondo l’anno prossimo a Eugene, Oregon.

Il caso di Coleman mostra quanto possano essere sostanziali le sanzioni anche per gli atleti che non risultano positivi ai farmaci che migliorano le prestazioni.

Coleman non ha mai fallito un test antidroga. È stato testato 13 volte nel 2019 e i funzionari antidoping hanno affermato di non avere motivo di sospettare che usi farmaci per migliorare le prestazioni. Ma tre volte nel 2019 Coleman non era dove aveva detto che sarebbe stato durante l’ora ogni giorno in cui gli agenti antidoping avrebbero dovuto essere in grado di testarlo.

Le regole richiedono agli atleti, all’inizio di ogni trimestre, di fornire agli ufficiali antidoping un programma di dove intendono essere ogni giorno per i prossimi tre mesi. Gli atleti possono aggiornare i propri file man mano che i loro programmi cambiano, ma devono specificare un’ora ogni giorno in cui si troveranno in un determinato luogo, a volte tra le 5:00 e le 23:00 ora locale.

Se un addetto al controllo antidoping si presenta durante quell’ora per raccogliere un’urina o un campione di sangue e l’atleta non è presente, conta come un test mancato. Gli ufficiali devono fare un “tentativo ragionevole” per localizzare l’atleta durante quell’ora, anche se una telefonata non è obbligatoria.

Lo sciopero finale di Coleman è avvenuto il 9 dicembre 2020, quando due agenti di controllo antidoping sono arrivati ​​a casa sua in una gated community a Lexington, Ky., Alle 19:09 Coleman aveva detto che sarebbe stato a casa dalle 19:15 alle 8: 15 pm Invece di chiamare casa di Coleman con il tastierino di sicurezza, che Coleman ha sostenuto che avrebbe sentito, hanno attraversato un cancello aperto e hanno bussato alla sua porta.

Coleman non ha risposto. Gli ufficiali aspettarono un’ora e se ne andarono.

Coleman ha testimoniato che era fuori a fare shopping natalizio e prendeva un pasto da asporto vicino a casa sua durante l’ora e che se un agente del controllo antidoping avesse chiamato sarebbe potuto tornare a casa entro cinque minuti, anche se non è così che funziona il processo.

In una dichiarazione, il tribunale ha osservato che Coleman avrebbe dovuto essere in “massima allerta quel giorno, dati i due fallimenti esistenti sulla posizione nei suoi confronti”. La corte ha detto, tuttavia, che se gli ufficiali avessero chiamato Coleman, sarebbe stato in grado di tornare a casa entro la finestra di 60 minuti. Una telefonata, ha osservato la giuria, è “una questione di prassi standard tra gli altri funzionari del controllo antidoping”.

L’assenza di Coleman crea una gara aperta per i tre posti americani nei 100 metri ai Giochi di Tokyo, che è sempre uno degli eventi più difficili per cui qualificarsi dagli Stati Uniti. Justin Gatlin è stato l’ultimo campione degli Stati Uniti all’evento, nel 2004, ma Gatlin ha macchiato quella medaglia d’oro con due divieti per doping durante la sua carriera.

#velocista #Christian #Coleman #bandito #dalle #Olimpiadi #Tokyo

Informazioni sull\'autore del post

admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *