Jorge Velandia è il primo vicedirettore generale del Venezuela

Visualizzazioni: 8
0 0
Tempo per leggere:8 Minuto, 35 Secondo

CLEARWATER, Florida – Il baseball è lo sport nazionale del Venezuela. Il paese ha inviato 428 giocatori ai principali campionati – un numero superato solo dagli Stati Uniti (oltre 17.000) e dalla Repubblica Dominicana (794), secondo il sito web Baseball-riferimento.

Alcune delle più grandi star di questo sport negli ultimi decenni provengono dal paese sudamericano: Miguel Cabrera, Félix Hernández, Johan Santana, Bobby Abreu, José Altuve. La nuova stella del Venezuela, Ronald Acuña Jr. degli Atlanta Braves, forse solo Mike Trout e Mookie Betts sono i migliori giocatori di baseball.

Data questa ricca tradizione, molti nello sport sono rimasti sbalorditi dal fatto che un venezuelano non avesse raggiunto i ranghi più alti del front office di un club di major league fino a dicembre, quando i Phillies hanno promosso Jorge Velandia, un ex giocatore che si era fatto strada nell’organizzazione, a vicedirettore generale.

“Quando ci stavamo preparando per fare un annuncio e ne stavamo parlando e in qualche modo è venuto fuori che questo sarebbe stato il primo assistente direttore generale dal Venezuela, ho pensato: ‘Davvero? Non ne avevo idea ‘”, ha detto Dave Dombrowski, il presidente delle operazioni di baseball dei Phillies, che ha diretto le squadre per più di due decenni. Le squadre di Dombrowski hanno visto stelle venezuelane come Magglio Ordóñez, Carlos Guillén, Víctor Martínez e Cabrera, ma mai uno dei loro connazionali così in alto come il 46enne Velandia.

“Sono rimasto sorpreso”, ha continuato Dombrowski, “perché il numero di giocatori di baseball di qualità dal paese sia dentro che fuori dal campo è immenso”.

Velandia controlla molte scatole per le esigenze del baseball moderno. Il suo curriculum include esperienza di gioco, coaching, scouting ed executive. Parla correntemente l’inglese insieme al suo spagnolo nativo. E negli ultimi anni ha compiuto uno sforzo concertato per diventare più esperto nell’analisi e nella tecnologia che ora guidano le decisioni durante il gioco.

“È stato lì e lo ha fatto, il che è un po ‘diverso dal GM di oggi”, ha detto Benny Looper, un ex assistente direttore generale di Phillies che ha aiutato Velandia a passare al coaching e allo scouting. “Non penso che tu debba farlo, ma penso che sia stato d’aiuto aver camminato con quelle scarpe.”

Credito…tramite The Norfolk Tides

Nato e cresciuto nella capitale venezuelana, Caracas, Velandia ha giocato a baseball professionistico per 18 anni, comprese parti di otto stagioni per sei squadre nei principali campionati, in gran parte a causa del forte fielding come interno e di un QI nel baseball che superava i suoi colpi più deboli e più piccoli statura.

Velandia non si sarebbe mai aspettata di giocare così a lungo. I suoi genitori provenivano da umili origini e diventarono avvocati, trasferendo la famiglia nella classe medio-alta. Si aspettavano che Velandia andasse al college dopo aver frequentato le migliori scuole private, ma a quel punto il loro figlio si era innamorato del baseball.

Hanno ceduto, permettendo a Velandia di viaggiare per nove ore in macchina a Maracaibo, la seconda città più grande del Venezuela, per allenarsi e giocare. A 17 anni ha firmato con i Detroit Tigers per $ 7.500, un bonus moderato anche nel 1992, ed è venuto negli Stati Uniti per suonare parlando solo i pezzi di inglese che aveva imparato a scuola. Ma ha stretto un patto con i suoi genitori.

“Il nostro piano come famiglia era di dedicare cinque anni al baseball”, ha detto Velandia. “E se al quinto anno non fossi bravo, studierei legge o medicina dello sport.”

Però era abbastanza bravo. Nel 1997, ha fatto il suo debutto in Major League con i San Diego Padres. Nel corso della sua carriera, Velandia era anche curioso degli scout e dei dirigenti che sedevano dietro casa base durante le partite e decidevano il destino di coloro che erano in campo.

Durante l’ultima stagione da giocatore di Velandia, nel 2009, era alla filiale di Classe AAA dei Phillies ad Allentown, Pa., Quando gli fu chiesto di diventare un giocatore-allenatore. Ruben Amaro Jr., che era stato il compagno di squadra di Velandia nel ballo invernale venezuelano e poi era il direttore generale dei Phillies, aveva detto a Looper che Velandia era qualcuno che avrebbero dovuto prendere in considerazione per le posizioni post-partita. Così Looper iniziò a dare a Velandia rapporti di esplorazione in bianco e chiedendogli di riempirli sui giocatori avversari.

“Ha una vera abilità nel vedere il gioco e vedere piccole cose che molti di noi trascurano, molti fan trascurano e persino gli scout trascurano”, ha detto Looper. “E questo è stato immediatamente riconoscibile.”

I Phillies hanno tracciato un percorso per lui. Lo hanno mandato nelle scuole di scout. Gli hanno chiesto di allenare colpendo per una squadra di classe A. Lo hanno promosso attraverso il sistema agricolo e nel front office, dove ha scovato a livello internazionale e nazionale, dilettanti e professionisti.

“Ogni volta che andavo nei campionati minori durante l’allenamento primaverile e mi sedevo in alcuni degli incontri, lo ascoltavo parlare di giocatori e analizzarli, ero piuttosto impressionato dal modo in cui vedeva la partita, vedeva i giocatori ‘ capacità e la sua capacità di valutare “, ha detto Amaro, che è di origine cubana.

Amaro, di cui padre è diventato un mentore per Velandia dopo averlo ingaggiato con i Tigers, ha persino chiesto a Velandia di servire come allenatore ad interim della major league nel 2015. Lontano dai Phillies, Velandia ha contribuito a costruire il roster del Team Venezuela per il World Baseball Classic 2013 ed è stato il GM di i Tiburones de la Guaira del campionato invernale venezuelano per cinque anni.

Dopo che i Phillies hanno sostituito Amaro con Matt Klentak nel 2015, Velandia è stato promosso assistente speciale del GM, posizione che ha ricoperto per quattro anni. Ha chiesto a Klentak e al suo capo, il presidente della squadra Andy MacPhail, che stavano rinforzando il magro dipartimento di analisi dei Phillies, se poteva saperne di più su quel lato del gioco.

Di tanto in tanto, altre squadre hanno intervistato Velandia per lavori di allenatore in Major League o posizioni di scouting di alto livello. I Phillies lo hanno intervistato per il loro posto vacante manageriale in vista della stagione 2018, ma quel posto alla fine è andato a Gabe Kapler. Hanno fatto lo stesso lo scorso inverno, questa volta per la loro posizione di GM. Quel lavoro alla fine è andato a Sam Fuld, un ex giocatore che era diventato il direttore delle prestazioni integrative di baseball dei Phillies, perché Dombrowski ha deciso che Fuld aveva più esperienza di front-office.

Tuttavia, Dombrowski è rimasto così impressionato da Velandia che lo ha promosso a vicedirettore generale. Dombrowski ha detto che Velandia sarebbe un tuttofare, compreso l’apprendimento dell’aspetto amministrativo della gestione di una squadra.

“Volevamo portarlo intorno a noi su base regolare e utilizzare le sue conoscenze perché penso che abbia molte capacità ed è un futuro direttore generale”, ha detto Dombrowski.

È un’aspettativa condivisa da Velandia. “Non si tratta solo di essere uno”, ha detto, “ma di fare un buon lavoro”.

Non è sicuro del motivo per cui nessun altro venezuelano aveva raggiunto prima queste vette nei principali campionati. Anche se non ha deciso di essere un pioniere venezuelano, ha detto che sarebbe stato un onore rappresentare il suo paese in cima a una squadra.

In MLB ci sono molti latini in campo – vicino al 30 percento, e di più nei campionati minori – ma una carenza di loro che gestiscono squadre, una situazione che Amaro ha definito “davvero atroce”. Omar Minaya, nato nella Repubblica Dominicana e cresciuto nel Queens, è stato il primo direttore generale latino nella storia della MLB, nel 2002 con i Montreal Expos. Al Avila, che è di origine cubana, è l’unico attuale.

Velandia ha detto che non si è mai sentito come se fosse stato ignorato perché è latino o perché “parlo con un accento”. Ha aggiunto: “Sento che il cielo è il limite e se faccio bene il mio lavoro, le porte si apriranno”.

Ma, ha detto Velandia, alcune cose potrebbero aiutare soprattutto: avere i massimi responsabili delle decisioni – come l’ex presidente dei Chicago Cubs Theo Epstein ha detto la scorsa estate – riconoscere la rappresentazione ineguale e affrontarla; maggiori opportunità di istruzione universitaria per i giocatori latinoamericani, che spesso rinunciano alla scuola per firmare con le squadre quando hanno appena 16 anni; sforzi per incoraggiare un maggior numero di latini ad aspirare a posti di lavoro come dirigenti di top team una volta in pensione; e più formazione sull’analisi in ogni organizzazione, qualcosa che ha detto che i Phillies avevano dato la priorità.

Molti dei primi ad adottare l’analisi dei dati nel baseball non erano giocatori che alla fine hanno occupato i front office. La maggior parte dei capi delle operazioni di baseball in MLB ora lo sono uomini bianchi che hanno frequentato college d’élite e non hanno giocato a livello professionale. Velandia ha detto che credeva che i giocatori stessero recuperando terreno e che la prossima ondata di GM sarebbero stati ex giocatori, tipo Chris Young con i Texas Rangers e Fuld, che comprendono il ruolo dell’analisi e della tecnologia, ma hanno anche un’esperienza diretta della vita sul campo.

“Nel baseball, c’è spazio per tutti”, ha detto Velandia.

Mentre parlava una mattina di recente, Velandia era seduta sul balcone degli uffici esecutivi del BayCare Ballpark, la struttura di addestramento primaverile dei Phillies a Clearwater, Florida. In precedenza, Velandia aveva interrotto un’intervista per ricevere una telefonata dal direttore di Phillies Joe Girardi, chiamando dal campo durante una pratica mattutina di battuta.

Accanto a Girardi c’erano Larry Bowa e Charlie Manuel, due ex manager dei Phillies, ora sulla fine degli anni ’70, che servono come consiglieri speciali e presenze gregarie durante gli allenamenti primaverili. Prima della sua promozione, Velandia si univa a loro in uniforme in modo che potessero essere in campo ad aiutare i giocatori. Si chiamavano i Tre Amigo, e Bowa e Manuel spesso dissero a Velandia di non dimenticarli quando un giorno sarebbe diventato direttore generale. Ora lo stuzzicavano di nuovo.

“Ora che sono al livello più alto, dicono che sono troppo fico per la scuola per uscire”, ha detto Velandia, ridendo.

#Jorge #Velandia #primo #vicedirettore #generale #del #Venezuela

Informazioni sull\'autore del post

admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *