La Georgia sta affrontando un attacco politico. Al Master, è come al solito.

Visualizzazioni: 3
0 0
Tempo per leggere:7 Minuto, 21 Secondo

AUGUSTA, Ga. – La Georgia e la sua nuova legge elettorale sono coinvolti in una marea politica.

Ma ci sono poche prove di ciò su e intorno ai terreni dell’Augusta National Golf Club, dove è in corso l’evento sportivo più amato dello stato, il Masters Tournament. Non ci sono proteste lungo Washington Road. Ci sono solo chiamate limitate in Georgia, anche tra i più feroci critici della legge, per ribaltare un rituale primaverile in un club che si trova in quella che una volta era una piantagione di indaco e non ha ammesso un membro nero fino al 1990.

In effetti, anche dopo che la Major League Baseball ha scelto di farlo sposta il suo All-Star Game dalla Georgia per protestare contro la legge che limita l’accesso al voto, non c’erano dubbi sul fatto che il Masters sarebbe andato avanti come previsto questa settimana – un riflesso della magra repubblicana del golf, ma anche della volontà affinata di Augusta National di sfidare le pressioni e, soprattutto, la realtà che il potente, marchio mistico dei Maestri dipende da un corso e da un solo corso.

“Quando si pensa al torneo di golf Masters, il primo importante dell’anno, l’Augusta National Golf Club, suggerire che ‘non succede’ ad Augusta parla davvero della mancanza di conoscenza delle persone sull’Augusta National e, soprattutto , the Masters ”, ha detto il sindaco Hardie Davis Jr. di Augusta, ex legislatore democratico nello stato e dichiarato oppositore della nuova legge elettorale.

Il torneo inizierà giovedì, meno di una settimana dopo l’annuncio del baseball sull’All-Star Game, una mostra che ora si giocherà a Denver e, a differenza dei Masters, ogni anno va in scena in una città diversa. Ma Augusta National è ancora oggetto di controlli da ben al di fuori dei suoi cancelli, anche perché i suoi membri includono dirigenti le cui società attuali e precedenti sono state sottoposte a pressioni per condannare le macchinazioni ad Atlanta, la capitale dello stato.

Martedì alla Casa Bianca, il presidente Biden ha affermato che “spetta ai Maestri” decidere se il torneo debba essere spostato fuori dalla Georgia. Ha aggiunto che è stato “rassicurante vedere che le operazioni e le imprese a scopo di lucro si stanno esprimendo”.

Funzionari del club, che è rimasto tutto maschile fino al 2012, non ha risposto alle richieste di commento sulla legge prima del torneo. Il presidente dell’Augusta National, Fred S. Ridley, terrà la sua conferenza stampa annuale mercoledì, quando probabilmente gli verrà chiesto la misura, che, tra le altre disposizioni, limitava il tempo per gli elettori di richiedere votazioni assenti e conferiva ampi poteri alla legislatura controllata dai repubblicani.

Ridley, che è diventato presidente dell’Augusta National nel 2017, ha spesso avuto un tono più conciliante rispetto ai suoi predecessori su qualsiasi controversia si fosse diffusa intorno al torneo. Meno di 20 anni fa, il presidente William Johnson, il cui soprannome era Hootie, ha subito pressioni per consentire a una donna di entrare a far parte dell’Augusta National e ha risposto decretando che un giorno una donna potrebbe essere invitata ad aderire “ma quel programma sarà il nostro e non al punto di una baionetta. “

Al culmine delle proteste nel 2003, Augusta National ha tenuto il Masters senza il supporto di sponsor televisivi. Era “ingiusto”, ha detto Johnson all’epoca, “mettere gli sponsor dei media Masters nella posizione di dover affrontare questa pressione”.

Ma lo scorso autunno, con il paese impegnato in un dibattito sostenuto su alcune delle ingiustizie razziali che avevano subito all’Augusta National nel corso della sua storia, Ridley ha detto che il club e tre soci aziendali avevano promesso $ 10 milioni per un paio di quartieri di Augusta poco serviti che sono alle prese con povertà e abbandono generazionali.

Giovedì, Lee Elder, che nel 1975 è diventato il primo golfista nero a giocare con i Masters, si unirà ai tradizionali antipasti onorari Jack Nicklaus e Gary Player per colpire i tee shot cerimoniali del torneo 2021. Per molte persone, le decisioni finali di Augusta National sono state benvenuto ma in ritardo, una critica familiare per un club dove opacità e cautela sono tra le norme.

Questa volta, il golf ha dato a Ridley un po ‘di copertura. Lo sport ha espresso rabbia misurata e ha suggerito di non avere alcun desiderio o volontà di boicottare la Georgia.

Il PGA Tour, che non controlla i Masters, ha dichiarato nel fine settimana che non sposterà il Tour Championship, che si giocherà ad Atlanta, a causa delle ripercussioni economiche e benefiche che la decisione avrebbe sulle zone povere vicine. Ha aggiunto, tuttavia, che la scelta “di organizzare un evento in un particolare mercato non dovrebbe essere interpretata come indifferenza all’attuale conversazione sui diritti di voto” e che era “una priorità nazionale fondamentale ascoltare le preoccupazioni sulla soppressione degli elettori – in particolare da comunità di colore che sono state emarginate in passato “.

La PGA of America, che sta pianificando di tenere il campionato femminile di PGA nella periferia di Atlanta a giugno, ha detto che stava “monitorando gli sviluppi”.

“Riteniamo che le elezioni dovrebbero essere accessibili, eque e sicure e sostenere un’ampia partecipazione degli elettori”, ha aggiunto.

E quasi nessuno dei migliori giocatori di questo sport ha chiesto apertamente un altro approccio, in contrasto con la tattica della Major League Baseball Players Association, che aveva espresso le sue riserve sul pubblico dell’All-Star Game.

Collin Morikawa, che ha vinto il campionato PGA dello scorso anno, ha detto questa settimana che le questioni relative al voto erano “molto importanti” e che non credeva che i giocatori di golf si stessero “facendo da parte per bloccarlo e dimenticarsene”.

“Il tema dei diritti degli elettori e tutto il resto, questo dovrebbe essere l’argomento di cui parliamo, non se siamo qui a giocare a golf”, ha detto.

Bryson DeChambeau, che spera di lottare dopo una deludente esibizione di Masters lo scorso anno, ha evitato i più chiari tentativi politici ma ha citato i contributi del golf alle comunità in cui si tengono i tornei.

“Cerchiamo di dimostrare che, qualunque cosa accada, faremo del nostro meglio per essere un esempio per il mondo”, ha detto. “Penso che quando arriveranno quei tempi, avremo l’opportunità di mostrare al mondo ciò che possiamo fornire”.

Ma quando è stato chiesto martedì se il golf o l’Augusta National dovrebbero prendere una posizione energica contro la legge, Cameron Champ, che è birazziale e uno dei pochi giocatori di colore del tour, ha risposto: “Lo penserei” e pochi istanti dopo ha descritto la decisione del baseball come “una grande dichiarazione”.

“Si rivolge davvero a certe comunità nere, rende più difficile per loro votare”, Champ, che indossava scarpe leggere “Black Lives Matter” in un torneo lo scorso anno, ha detto dello statuto della Georgia.

Una questione cruciale per l’Augusta National nelle prossime settimane e nei prossimi mesi sarà come bilanciare le sue opinioni con qualsiasi pressione possa affrontare il suo manipolo di sponsor di tornei o le società che impiegano i suoi membri. Una dinamica simile è emersa nei primi anni 2000, quando Citigroup ha effettivamente riconosciuto che Sanford I. Weill, un membro dell’Augusta National che era allora il presidente della società, aveva detto al club che era favorevole all’aggiunta di donne ai membri.

Se Augusta National condannasse la legge, il suo messaggio avrebbe un’influenza enorme nello stato.

Sebbene l’elenco dei soci del club non sia pubblico, i terreni custoditi sono un luogo di ritrovo per molte delle figure più potenti del Sud e dei loro ospiti. E i suoi membri noti includono reali politici bipartisan, compreso Condoleezza Rice, che è cresciuto in Alabama segregata ed è stato segretario di stato nell’amministrazione di George W. Bush, e Sam Nunn, un democratico che ha rappresentato la Georgia nel Senato degli Stati Uniti per circa 24 anni.

In una lettera di lunedì, il senatore Marco Rubio, repubblicano della Florida, ha chiesto a Rob Manfred, il commissario della MLB, se intende rinunciare alla sua appartenenza all’Augusta National. Un portavoce della lega non ha risposto a una richiesta di commento, ma Rubio ha affermato di non essere “senza illusione” che Manfred avrebbe rinunciato perché ciò “richiederebbe un sacrificio personale, in contrasto con il risveglio della virtù aziendale che segnala il trasferimento dell’All-Star”. Gioco.”

Davis, il sindaco di Augusta, ha elogiato la mossa del baseball ma ha detto di non essere preoccupato per il torneo, che i funzionari locali ritengono sia responsabile di almeno $ 50 milioni di impatto economico, quando il Masters è in esecuzione a capacità normale. Ha sostenuto che le persone in città avrebbero sfidato e protestato contro la nuova legge, ma sarebbero anche state profondamente protettive nei confronti della loro più rinomata tradizione atletica.

“Questa è la nostra squadra sportiva”, ha detto. “Non abbiamo i Falcons, i Cowboys o i Baltimore Ravens. Ma quello che facciamo, ogni anno, nello stesso periodo, è il torneo di golf Masters “.

#Georgia #sta #affrontando #attacco #politico #Master #solito

Informazioni sull\'autore del post

admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *