La Ivy League cancella gli sport invernali e blocca gli sport primaverili per il Coronavirus

Visualizzazioni: 14
0 0
Tempo per leggere:2 Minuto, 47 Secondo

Giovedì la Ivy League annullato sport invernali e ha rinviato i suoi sport primaverili, citando i casi di coronavirus a picco negli Stati Uniti e la sicurezza degli studenti.

“Purtroppo, le attuali tendenze riguardanti la trasmissione del virus Covid-19 e i successivi protocolli che devono essere messi in atto stanno ostacolando il nostro forte desiderio di tornare alle competizioni intercollegiate di atletica leggera in modo sicuro”, ha scritto il consiglio della lega nell’annuncio giovedì.

La decisione unanime riguarda gli sport invernali come il basket, l’hockey sul ghiaccio, lo squash, il nuoto e le immersioni, il wrestling e l’atletica leggera al coperto. Inoltre, le squadre di sport primaverili come lacrosse, calcio, baseball e softball avranno le loro stagioni ritardate almeno fino alla fine di febbraio.

Gli atleti non perderanno un anno di idoneità indipendentemente dal fatto che si iscrivano o meno, ha affermato la lega, e gli atleti studenti iscritti sono ancora autorizzati a praticare, “a condizione che siano strutturati in conformità con le procedure di ciascuna istituzione e le normative statali e locali applicabili”.

L’annuncio arriva come casi di coronavirus razzo negli Stati Uniti: mercoledì ha visto il maggior numero di infezioni da nuovo coronavirus in un giorno fino ad oggi, superando 140.000, secondo un Database del New York Times – quando gli ospedali raggiungono la capacità, inducendo alcuni stati a reintegrare protocolli di allontanamento sociale più rigorosi, coprifuoco e mandati di maschere. Mercoledì, più di 65.000 pazienti affetti da coronavirus sono stati trattati negli ospedali, secondo il Progetto Covid Tracking, che è il numero più alto in qualsiasi momento della pandemia.

I college e le università sono stati collegati ad almeno 252.000 casi di coronavirus e almeno 80 decessi da oltre 1.600 scuole dall’inizio della pandemia, un Sondaggio del New York Times trovato.

La Ivy League aveva sospeso gli sport autunnali fino a gennaio e giovedì la conferenza ha dichiarato che non avrebbe organizzato quelle stagioni durante la primavera.

Altre conferenze che avevano preso decisioni simili per sospendere gli sport autunnali hanno invertito la rotta, prendendo precauzioni per mantenere il calcio a galla durante la caduta ma affrontando rinvii e cancellazioni a causa di infezioni da virus. La Southeastern Conference, sede di potenze calcistiche come Alabama e Texas A&M, rinviato quattro partite programmato per questo fine settimana in quanto i giocatori e il personale di tutti i programmi sono risultati positivi al virus.

“È una circostanza difficile, non c’è modo di dipingerla diversamente”, ha detto mercoledì il commissario della SEC, Greg Sankey, in una teleconferenza con i giornalisti. “Ma sapevamo che sarebbero emerse sfide per gli sport universitari. Sarebbero emersi alla Southeastern Conference, proprio come le sfide sono presenti in tutta la società nel nostro paese “.

Sankey ha detto che altri sport, tra cui sci di fondo, calcio, pallavolo, nuoto e immersioni, sono decollati senza troppe interruzioni; ha aggiunto che la pallacanestro avrebbe dovuto soffiare nelle prossime due settimane.

La Big Ten Conference, che Buttato fuori alla fine di ottobre, ha dichiarato una regola di “no contest” per i giochi annullati per problemi di virus per aderire a un programma serrato di nove settimane. Ha già dovuto cancellare due giochi per Wisconsin. Maryland, parte dei Big Ten, mercoledì ha interrotto tutte le attività calcistiche a causa dei crescenti casi di virus.



#Ivy #League #cancella #gli #sport #invernali #blocca #gli #sport #primaverili #Coronavirus

Informazioni sull\'autore del post

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *