La NFL firma accordi con i media per un valore di oltre $ 100 miliardi

Visualizzazioni: 7
0 0
Tempo per leggere:6 Minuto, 3 Secondo

La NFL ha firmato nuovi accordi sui diritti dei media con CBS, NBC, Fox, ESPN e Amazon per un valore complessivo di circa $ 110 miliardi in 11 anni, quasi raddoppiando il valore dei suoi precedenti contratti.

I contratti, che entreranno in vigore nel 2023 e dureranno per la stagione 2033, consolideranno lo status della NFL come la lega sportiva più redditizia del paese. Prepareranno anche il terreno per i proprietari del campionato su cui fare bene prevede di espandere la stagione regolare per includere un 17 ° gioco e far pagare di più per i diritti di trasmissione.

Le crescenti entrate del campionato aiuteranno i piani di vasta portata per il prossimo decennio, un periodo in cui i proprietari delle squadre sperano di espandere il già solido calendario della NFL, fare incursioni più profonde nei mercati esteri e aumentare il pubblico del calcio tramite i servizi di streaming. La NFL è pronta a più che recuperare i circa $ 4 miliardi di perdite causate dalla mancata partecipazione massima alle partite nel 2020.

“Insieme al nostro accordo di lavoro recentemente concluso con la NFLPA, questi accordi di distribuzione introducono un’era di stabilità senza precedenti per la Lega e ci consentiranno di continuare a crescere e migliorare il nostro gioco”, ha detto in una dichiarazione il Commissario Roger Goodell.

Secondo quattro persone che hanno familiarità con gli accordi che hanno richiesto l’anonimato perché non erano autorizzati dalla NFL a parlare pubblicamente degli accordi, CBS, Fox e NBC pagheranno più di 2 miliardi di dollari ciascuno per mantenere le loro slot, con NBC che pagherà leggermente meno di CBS e Fox. ESPN pagherà circa 2,7 miliardi di dollari all’anno per continuare a trasmettere il Monday Night Football, ma anche per essere aggiunto alla rotazione per trasmettere il Super Bowl a partire dal 2026. L’accordo con ESPN inizia un anno prima, nel 2022, perché il suo attuale contratto scade uno. anno prima degli altri.

Ciascuno degli accordi delle emittenti include accordi per le rispettive piattaforme di streaming, mentre Amazon mostrerà i giochi del giovedì sera sul suo servizio Amazon Prime Video.

“Negli ultimi cinque anni, abbiamo iniziato la migrazione allo streaming. I nostri fan vogliono questa opzione e la lega sa che lo streaming è il futuro “, ha detto Robert K. Kraft, proprietario dei New England Patriots e presidente del comitato per i media della NFL.

La NFL non ha ancora annunciato chi trasmetterà il Sunday Ticket, un servizio in abbonamento che consente ai fan di guardare le partite del fine settimana fuori mercato che non vengono trasmesse a livello nazionale. DirecTV ha i diritti su quel servizio fino al 2022.

Il balzo delle entrate non cambierà inizialmente le fortune dei giocatori, che sono bloccati in un contratto collettivo di 10 anni ratificato in modo restrittivo nel marzo 2020. Secondo i termini di quell’accordo di lavoro, i giocatori vedranno un aumento della loro quota delle entrate della NFL , fino al 48 percento dal 47, mentre i proprietari della squadra hanno negoziato l’opzione di aggiungere una 17a partita al programma della stagione regolare nel 2021, qualcosa che i giocatori si erano opposti da tempo.

Sarà la prima grande espansione della stagione NFL in più di quattro decenni, quando le squadre iniziarono a giocare 16 partite, rispetto alle 14, nel 1978.

Gli stipendi dei giocatori nei prossimi anni aumenteranno moderatamente perché la maggior parte degli accordi sui media sono laureati, con il primo anno di un nuovo accordo che vale solo marginalmente più dell’ultimo anno di un accordo in scadenza. Garantendo un aumento di oltre il 60 percento delle entrate televisive, la quota dei giocatori del campionato passerà dal 48 al 48,5 percento in base al nuovo contratto collettivo.

I proprietari delle squadre NFL dovrebbero approvare formalmente il gioco aggiuntivo durante il loro incontro annuale a fine marzo, quando è probabile che ci sarà poco dissenso. Una volta approvato il gioco aggiuntivo, i giocatori ei proprietari delle squadre elaboreranno la logistica del calendario, che potrebbe includere l’eliminazione di una delle quattro partite di preseason che le squadre devono giocare e l’aggiunta di una seconda settimana di addio a ciascuna delle 32 programmazioni delle squadre.

Dovranno anche essere risolti molti altri problemi competitivi, poiché l’estensione della stagione regolare di una partita potrebbe influire anche su altre partite del calendario NFL che sono state modificate la scorsa stagione a causa della pandemia di coronavirus. I proprietari hanno votato il 16 dicembre per rendere la partita extra un incontro di interconferenza in modo da non influenzare i tie-break dei playoff. Ma ancora irrisolti sono i tempi degli allenamenti fuori stagione, il date di inizio dei campi di addestramento e le date di inizio e di fine della stagione regolare.

La lega è stata in grado di completare completamente la sua stagione 2020 nei tempi previsti in parte perché ha lavorato a stretto contatto con la NFL Players Association per definire i protocolli Covid-19 e una serie di altre regole.

Il direttore esecutivo del sindacato, DeMaurice Smith, ha detto che nessuna decisione sarebbe stata presa “senza un occhio a ciò che abbiamo imparato quest’anno”. “Marzo e aprile del 2021 non assomiglieranno a marzo e aprile del 2018 e del 2019”, ha aggiunto.

L’accordo di lavoro includeva anche un formato playoff espanso, con una squadra in più aggiunta in ogni conferenza, campi di addestramento più limitati e un allentamento delle regole che regolano l’uso della marijuana.

Molti giocatori inizialmente si sono opposti all’idea di una stagione regolare più lunga, il che ha detto che aumentava le loro possibilità di infortunio. Ma i proprietari della squadra erano ansiosi di espandere la stagione regolare come un modo per invogliare i partner televisivi nazionali della lega a pagare di più per i diritti di trasmissione.

Tutti gli accordi sui media nazionali della NFL, che insieme hanno un valore medio annuo di quasi $ 8 miliardi, dovevano scadere nei prossimi due anni. L’accordo di ESPN per mostrare le partite del lunedì sera era programmato per terminare dopo la stagione 2021, mentre gli accordi con CBS, Fox, NBC, DirecTV, Verizon e Amazon erano in vigore per tutta la stagione 2022.

Prima della pandemia di coronavirus, molti dirigenti della televisione e dei media digitali hanno affermato che il La NFL ha avuto il sopravvento nella negoziazione importanti aumenti delle tasse sui diritti perché la lega aveva un contratto di lavoro a lungo termine in atto e perché la sua programmazione ha subito meno ascolti rispetto ad altre trasmissioni di sport con sede negli Stati Uniti durante la pandemia. Le valutazioni per la stagione regolare del calcio sono diminuite solo il 7 percento, rispetto al 20 percento per le trasmissioni televisive in prima serata e cali ancora maggiori per altri eventi sportivi come i Masters, le finali NBA e le finali della Stanley Cup.

I giochi della NFL sono anche i programmi televisivi più visti in assoluto, costituendo 76 dei 100 programmi televisivi più visti nel 2020.

Anche altre leghe hanno firmato nuovi accordi con grandi aumenti durante la pandemia. Il La Southeastern Conference ha ricevuto un aumento di quasi sei volte in denaro per le sue partite di football universitario, mentre il NHL vedrà quasi sicuramente raddoppiare i suoi pagamenti mediatici quando finisce di vendere i suoi diritti.

#NFL #firma #accordi #con #media #valore #oltre #miliardi

Informazioni sull\'autore del post

admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *