La NFL ha impedito il coronavirus sul campo. Fuori è un’altra questione.

Visualizzazioni: 22
0 0
Tempo per leggere:2 Minuto, 48 Secondo

Ma nelle ultime settimane, il numero di casi positivi su squadre da Green Bay a Miami a Pittsburgh è aumentato, costringendo giocatori, inclusi quarterback famosi come Ben Roethlisberger e Matthew Stafford, per stare alla larga dalle strutture del team perché erano a stretto contatto con i compagni di squadra o il personale del team risultati positivi. Cinque allenatori dei Dolphins hanno saltato il viaggio della squadra in Arizona lo scorso fine settimana. Quattro uomini di linea offensivi sui Las Vegas Raiders sono stati messi in quarantena per cinque giorni dopo essere entrato in contatto con l’attrezzatura destra Trent Brown, risultato positivo al virus.

“Tutti noi siamo consapevoli che c’è stato un aumento nei casi che abbiamo visto nella NFL la scorsa settimana”, ha detto il dottor Allen Sills, l’ufficiale medico capo della lega. “Questo riflette molto quello che sta succedendo nel paese nel suo complesso. Non è una sorpresa, ed è qualcosa per cui ci stavamo preparando. “

Dopo l’allenamento ogni giorno, gli allenatori, il personale della squadra e i giocatori lasciano le loro strutture e si mescolano nelle loro comunità, compresi i luoghi in cui le infezioni sono in aumento. In Minnesota e Wisconsin, ad esempio, il numero medio di casi è quintuplicato dal 6 settembre, la prima domenica della stagione. L’aumento delle infezioni è aumentato ancora più rapidamente in Colorado e Illinois, sede di altre due squadre della NFL.

Alcuni giocatori continuano a mettere a rischio se stessi e i propri compagni di squadra. Daniel Jones e Saquon Barkley dei Giganti sono stati recentemente fotografati in interni con altri compagni di squadra in un ristorante. Dieci giocatori dei Raiders sono stati multati per aver partecipato a un grande raduno senza maschere, e la squadra è stata multata di $ 500.000 e ha agganciato una scelta al sesto round a causa di ripetute violazioni dei protocolli antivirus della lega. Il I titani sono stati multati di $ 350.000 per la loro scarsa gestione dell’epidemia.

“Tutti hanno ragione ad essere preoccupati, perché il numero di casi sta aumentando a livello nazionale e purtroppo continuerà a salire”, ha detto Patrick Godbey, presidente del College of American Pathologists. “Non credo che nessuno abbia un buon modo per sapere cosa stanno facendo le persone quando lasciano la struttura del team.”

Ci sono stati alcuni casi di fan che hanno assistito alle partite della NFL risultati positivi, anche se non è stato stabilito dove hanno preso il virus. Ma molte squadre hanno smesso di aumentare le dimensioni della loro già limitata capacità di posti a sedere negli stadi, consapevoli del rischio per la comunità più ampia. I Minnesota Vikings e i New England Patriots si sono arresi ogni speranza di ospitare i fan in questa stagione. I tifosi guardano anche meno calcio a casa. Il numero di spettatori delle partite della NFL è diminuito.

Il commissario Roger Goodell continua a dire che la lega si aspetta di completare una lista completa di partite e di giocare il Super Bowl, come previsto, il 7 febbraio a Tampa, in Florida. Ma la lega sta considerando di consentire solo il 20% circa dei seggi. pieni, di fan socialmente distanziati in piccoli gruppi se si conoscono. Sponsor della lega, inclusa la Bridgestone, che in genere invitano centinaia di clienti e dipendenti nella città del Super Bowl, hanno ridimensionato i loro piani di intrattenimento.



#NFL #impedito #coronavirus #sul #campo #Fuori #unaltra #questione

Informazioni sull\'autore del post

admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *