La ricerca della palla di Bryson DeChambeau lo spinge fuori da Masters Hunt

Visualizzazioni: 25
0 0
Tempo per leggere:6 Minuto, 10 Secondo

AUGUSTA, Ga. – Era quasi un dato di fatto che Bryson DeChambeau avrebbe fatto qualcosa di memorabile al torneo Masters di quest’anno. Non sembrava essere un tee shot in piena espansione così alto nel cielo della Georgia da atterrare lontano dalla vista.

Altrettanto sorprendente: quell’oscillazione e la conseguente penalità per una palla persa, potrebbero far sì che DeChambeau, il favorito del pre-torneo, salti il ​​taglio e venga rimandato a casa dal Masters 2020 sabato. Il tee shot mancante venerdì ha innescato una sorta di fusione a tre buche per DeChambeau mentre batteva la palla sul campo e lasciava cinque colpi ai leader.

Finora è stato quel tipo di Master per DeChambeau, arrivato all’Augusta National Golf Club inondato di pubblicità per i suoi viaggi prodigiosamente lunghi. Ma nei suoi primi due turni, mantenere i suoi colpi dritti è stato un grosso problema.

Considera uno scambio venerdì sera tra un giornalista e Jon Rahm, uno dei compagni di gioco di DeChambeau negli ultimi due giorni:

Reporter: “Eri coinvolto nella ricerca della palla di Bryson?”

Rahm: “Quale?”

Ne riparleremo più avanti. Il dramma inverosimile per DeChambeau è iniziato dalla terza buca.

A quel punto, DeChambeau, che venerdì ha finito uno sopra il pari per il torneo con sei buche rimaste da giocare in un secondo turno troncato, si stava godendo una sorta di rinascita del torneo. Dopo un inizio irregolare all’inizio di giovedì, si era ripreso per arrivare a due sotto il par, il che lo lasciò in agguato dietro il quartetto che ora guida l’evento: Dustin Johnson, Justin Thomas, Abraham Ancer e Cameron Smith, che erano tutti a nove sotto dopo aver terminato il loro secondi turni.

La terza buca da 350 yard e par 4 doveva essere una preda facile. Venerdì, DeChambeau ha fracassato un colpo che è atterrato a circa 20 yarde dal green e appena a sinistra del fairway in un rough alto. La palla è scomparsa nell’erba. Su più ripetizioni televisive al rallentatore, la sfera bianca sembrava essere scesa a circa 330 metri dal tee ed era svanita quando veniva a contatto con l’erba.

Nel golf, questa è conosciuta come una pallina tappata ed è spesso visibile solo se qualcuno è in piedi direttamente sopra di essa e guarda dritto verso il basso, ma poiché il Masters 2020 si svolge senza spettatori, non c’erano fan intorno alla buca per guidare DeChambeau la posizione corretta.

Quando DeChambeau ha raggiunto l’area in cui è atterrato il suo tee shot, era chiaro che avrebbe avuto bisogno di rinforzi se avesse mai trovato la palla. Augusta National è tipicamente un valore anomalo come un campo da golf da campionato perché manca di erba alta al di fuori dei fairway. Ma questo è durante la sua tradizionale ambientazione di aprile.

Rimandato a novembre a causa della pandemia di coronavirus, il torneo si gioca su terreni che presentano alcuni punti con erba alta diversi centimetri e che venerdì sono rimasti inzuppati da piccole pozzanghere da un temporale del giorno prima.

DeChambeau ha calpestato l’erba nelle vicinanze del punto in cui la sua palla sembrava essere caduta. Rahm e il loro compagno di gioco, Louis Oosthuizen, si sono uniti a lui, così come i loro caddy e ufficiali del torneo. Ad un certo punto, un gruppo di 14 uomini stava calpestando l’erba alla ricerca della pallina da golf Bridgestone di DeChambeau.

Sulla base dei replay televisivi, sembrava che stessero guardando a circa 10 metri a sinistra di dove avrebbero dovuto cercare. Un funzionario delle regole ha iniziato a cronometrare l’episodio perché dopo tre minuti qualsiasi palla che non può essere trovata è considerata persa, il che disegna una penalità di un colpo e richiede al giocatore di tornare indietro e ripetere il suo tiro dal punto in cui l’ha colpito. Questo viene conteggiato come il terzo colpo in buca del giocatore, il che è sufficiente per far star male qualsiasi giocatore di golf.

Un DeChambeau sempre più angosciato ha chiesto lamentosamente il regolamento ufficiale Ken Tackett mentre il tempo stringeva: “Quindi stai dicendo che se non riusciamo a trovarlo, è una palla persa?”

Si Certamente. DeChambeau iniziò a chiedersi ad alta voce se le condizioni di bagnato costituissero ciò che il regolamento del golf chiama “acqua occasionale” e se ciò potesse proteggerlo dalla penalità di un colpo e dal dover tornare sul tee. Tackett scosse la testa: no.

Il tempo era scaduto e la palla era ufficialmente persa. DeChambeau è salito su un carrello da golf e ha colpito un’altra pallina dal terzo tee. Ha colpito quasi lo stesso punto della palla precedente, tranne per il fatto che è rimbalzato ed è rimasto visibile. Ma quando DeChambeau è tornato sulla scena, era ovvio che l’intero incidente lo aveva scosso.

Ha inviato un chip corto, il suo quarto colpo in buca, volando a 20 yard sopra il green. Il suo lancio da lì ha saltato altri 15 piedi oltre la buca. Due putt dopo, DeChambeau ha avuto un doppio spauracchio sconcertante e scoraggiante.

“So che lo ha colpito un po ‘, perché non ha giocato il suo miglior golf dopo”, ha detto Rahm.

Rahm era empatico e diplomatico.

Apparendo esausto, DeChambeau ha agganciato il suo motore alla quarta buca, poi ha colpito male un ferro dal grezzo – “Oh, l’ho tirato su”, ha urlato dopo lo swing.

Ha iniziato a giocare molto più velocemente e difficilmente ha misurato alcuni colpi prima di colpirli, come se avesse un’auto Uber in attesa di rimuoverlo dalla scena. È stata una reazione inconscia che qualsiasi sciocco di tutti i giorni avrebbe riconosciuto, il genere di cosa che fanno i giocatori di golf quando le loro menti sono sopraffatte da un misto di esasperazione e imbarazzo.

Gli spauracchi consecutivi seguirono sulla quarta e sulla quinta buca. Ora DeChambeau, che ha rifiutato di venire nell’area delle interviste della clubhouse venerdì alla fine, era di quattro in più per il suo round.

Rahm, che faceva anche parte della squadra di ricerca che giovedì aveva aiutato DeChambeau a trovare una palla che ha fatto esplodere tra i cespugli di azalee dietro il 13 ° green, ha capito cosa stava passando il suo compagno di gioco.

“È un peccato che le regole del golf non ti permettano di capire che è da qualche parte lì e continuare a giocare – perché ha dovuto re-tee”, ha detto Rahm. “Voglio dire, quando hai Bryson che lo colpisce tanto forte quanto lo colpisce ed è un po ‘agganciato con non molto spin in un’area morbida, eravamo tutti fiduciosi che fosse abbastanza sepolto e che sarebbe stato difficile da trovare.”

A suo merito, DeChambeau ha fatto montare una rimonta. Dopo la sua debacle alla terza, ha fatto birdwatching su tre delle nove buche successive, ma ha mancato un putt dell’aquila di quattro piedi all’ottava buca dopo un superbo drive e un preciso tiro di avvicinamento. Non è ancora fuori dal torneo, anche se trovare un modo per contendersi richiederà uno spettacolare rally nelle sue ultime sei buche per finire il secondo round sabato.

“E ‘un combattente e lo sta dimostrando”, ha detto Rahm.

Tuttavia, tutto sommato, non era il modo in cui DeChambeau voleva lasciare il segno nell’evento più significativo del golf.

C’è stata un’ultima indegnità per coronare la giornata di DeChambeau: Rahm ha detto che la pallina mancante era stata trovata nell’erba alta vicino al terzo minuto verde dopo che la ricerca era stata abbandonata.

#ricerca #della #palla #Bryson #DeChambeau #spinge #fuori #Masters #Hunt

Informazioni sull\'autore del post

admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *