Masters 2020: Tiger Woods è a 3 colpi dal vantaggio di Paul Casey

Visualizzazioni: 17
0 0
Tempo per leggere:4 Minuto, 27 Secondo

AUGUSTA, Ga. – A suo agio mentre giocava il suo 87 ° round al Masters, Tiger Woods ha pedinato l’Augusta National Golf Club giovedì con l’aplomb di qualcuno che gironzolava nel suo soggiorno alla ricerca della sua poltrona reclinabile, poggiapiedi e montagne russe preferita, per la bevanda fresca in mano. Colpo dopo colpo, il percorso era così familiare che avrebbe potuto affrontarlo al buio.

Perché Woods ha vinto il torneo cinque volte e lo è stato un appuntamento fisso di Masters negli ultimi 25 anni è possibile che abbia giocato sul campo da golf in quelle condizioni. E probabilmente ancora rotto alla pari.

Woods, il campione in carica, non era il leader dopo il primo turno di gioco di giovedì, che è stato ritardato da un temporale di quasi tre ore che ha lasciato dozzine di golfisti incapaci di terminare le loro sessioni. Con un quattro sotto il par 68, Woods è stato pareggiato per il quarto posto e tranquillamente tre colpi dietro il leader, Paul Casey.

Ma il giro di comando di Woods è stato l’affermazione più rumorosa della giornata. È stato un anno altalenante per Woods, ma in questo giorno era composto e praticamente mai fuori posizione sul diabolico tracciato dell’Augusta National. Sembrava quasi che fosse sul controllo della velocità di crociera, come se potesse raggiungere un 68.

“Ho fatto tutto bene oggi”, ha detto Woods, che non è incline all’auto-congratulazione, dopo il suo round.

Ogni altro contendente esperto in campo conosce la storia del Masters quando Woods ha un buon round di apertura. Non è vero che ha vinto ogni volta che ha girato 70 o più al primo turno. Tuttavia, è successo quattro volte. Ha lottato seriamente nelle altre tre occasioni in cui è stato due o più colpi sotto il pari dopo il primo giorno, finendo quarto due volte e sesto una volta.

Quando a Woods è stato chiesto se fosse sorpreso di quanto bene avesse giocato date le sue prestazioni irregolari durante la maggior parte di questa stagione, ha alzato le spalle.

“Capire come giocare a questo campo da golf è solo una parte importante del giocare bene qui”, ha detto. “È così familiare.”

Conosce il territorio; poteva anche trovare il telecomando della televisione nel buio del suo soggiorno.

Il gioco costante di Woods era in netto contrasto con quasi tutto il resto accaduto durante il primo Masters round mai disputato a novembre. Nient’altro sembrava usuale, con i verdi tipicamente infidi bagnati e lenti, i colori floreali primaverili mancanti e le gallerie assenti a causa della pandemia di coronavirus.

“C’erano molte differenze oggi”, ha detto Woods. “C’era un drone che volava sul green. Non senti i droni qui. Non c’erano clienti, né ruggiti. Molte novità oggi. Questo è un po ‘come è stato tutto l’anno. “

Molti giocatori avevano la stessa sensazione di trovarsi in un luogo riconoscibile, ma alterato. Xander Schauffele ha girato un brillante 67 per finire la giornata in parità per il secondo con Webb Simpson, ma non sembrava sicuro di cosa fare del suo giro.

“Molto sembrava sbagliato, in tutta onestà”, ha detto Schauffele. “I green sono davvero morbidi, quindi non c’è molto di cui aver paura. È stato davvero strano. Giocheresti meno break sui putt e colpiresti più forte, cosa che non fai mai qui “.

Casey, che ha avuto cinque piazzamenti nella top-10 in 13 precedenti apparizioni in Masters, ha fatto un’aquila sulla seconda buca con un colpo di avvicinamento che si aspettava finisse sul green.

“Ho colpito un ferro da 6 a un perno sinistro sul n. 2, e non puoi colpire quel colpo in aprile”, ha detto Casey. “Oggi, è stato lanciato e si è fermato all’istante. Ad aprile, sarebbe stato tra i clienti. Probabilmente ne faccio cinque, non tre. “

Ma quando si tratta di momenti divertenti e imprevisti in questo primo round del Masters, sarebbe difficile battere la vista di sette giocatori di golf, caddie e funzionari con il petto in alto tra le azalee alla ricerca della palla ribelle di Bryson DeChambeau.

Dopo aver iniziato il suo giro alla decima buca, DeChambeau ha buttato il suo tee shot sul numero 13 tra gli alberi e ha cercato un recupero delicato. Invece, ha agganciato malamente la sua palla ed è finita sepolta tra i cespugli dietro il green. Quindi, nel caso in cui non avesse trovato quella palla, DeChambeau ha colpito un tiro provvisorio che è atterrato a Rae’s Creek, a corto di green.

“Ero davvero preoccupato di trovare quella palla”, ha detto DeChambeau, che è entrato nel round come favorito del torneo. “Avrei fatto un brutto numero se non l’avessi trovato.”

Dopo aver trovato la palla, l’ha dichiarata ingiocabile e ha dovuto cadere su un pendio ripido. Ha poi bocciato un chip rischioso e ha finito per fare il doppio bogey. DeChambeau ha organizzato un rally impressionante per finire il suo round a due sotto il par e rimanere nella corsa al titolo. Ma i suoi impulsi in forte espansione, che erano dovrebbe sopraffare Augusta National, ha finito per essere un fattore solo su pochi buchi. Inoltre, non ha utilizzato il driver da 48 pollici – il più lungo consentito – che aveva sperimentato.

“La mia guida non era eccezionale”, ha detto DeChambeau. “Sai, questo posto ti può mordere se commetti degli errori. Ma sono molto contento della pazienza che ho dimostrato oggi “.

#Masters #Tiger #Woods #colpi #dal #vantaggio #Paul #Casey

Informazioni sull\'autore del post

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *