Mets Fire Chili Davis nel ruolo di Hitting Coach

Visualizzazioni: 6
0 0
Tempo per leggere:5 Minuto, 13 Secondo

È tutto divertimento e giochi finché qualcuno non viene licenziato.

I Mets si sono fatti una bella risata durante il fine settimana a Philadelphia, quando hanno battuto i Phillies due volte con alcuni grandi successi nel tardo inning. Dietro lo schermo Zoom, Pete Alonso ha accreditato un personaggio immaginario di nome Donnie Stevenson per aver aiutato i battitori. Donnie, vedi, è un allenatore di avvicinamento.

“Abbiamo appena assunto una bella nuova assunzione – Donnie”, ha detto Alonso sabato sera. “Lui è carino. È un grande allenatore di colpi / avvicinamento. Donnie è stato fantastico nell’aiutare la squadra. “

Poi si è unito Michael Conforto: “Oggi è apparso all’incontro del nostro battitore. È tutto sull’approccio. È un tipo di approccio che colpisce. È un ragazzo che si limita a far arrabbiare i ragazzi e pronti a partire. “

Il front office ha avuto un approccio diverso. Dopo la sconfitta per 6-5 di lunedì a St. Louis, i Mets hanno licenziato i veri allenatori della squadra, Chili Davis e Tom Slater. I Mets hanno fatto una media di 3.30 run a partita, 29 ° nelle major e davanti solo ai pietosi Detroit Tigers. Eppure il team insiste sul fatto che i risultati sono stati irrilevanti in questo caso.

“Si basa più su una visione per quello che vogliamo che sia il nostro programma di hit della Major League”, ha detto Zack Scott, direttore generale dei Mets. “Non ho intenzione di immergermi troppo in profondità in quei dettagli per rivelare necessariamente quale sia quella visione, ma il processo dietro le quinte che sta succedendo è davvero ciò che è importante. Non si tratta di risultati. Non si tratta di 23 partite di risultati. “

A meno di cinque settimane dall’inizio del mandato di Steven Cohen come nuovo proprietario, i Mets sono 11-12. La maggior parte delle notti, non possono colpire. Il loro nuovo pezzo forte, l’interbase Francisco Lindor, è in battuta .163. Solo un giocatore di NL – Eugenio Suarez di Cincinnati – ha avuto una media inferiore fino a lunedì con un minimo di 100 presenze di base. E almeno Suarez ha avuto cinque fuoricampo. Lindor ne ha uno.

E mentre questo problema è anteriore a Lindor, vale la pena ripeterlo: l’offesa è stata così miserabile per Jacob deGrom che i Mets hanno sprecato il suo apice. Dal 2018, deGrom ha una media di 1,99 corse guadagnate, ancora i Mets sono 38-43 nelle sue partenze, un record che sfida ogni credenza.

È facile capire perché la frustrazione stia crescendo, ma a mezzogiorno di lunedì, il primo tifoso della squadra non aveva twittato riguardo ai licenziamenti. Il messaggio più recente di Cohen riguardava: chi altro? – l’amico fittizio dei battitori: “Amo Donnie. Una risorsa importante per il team e anche piuttosto economica. ” Cohen ha anche incoraggiato un fan dei Mets la cui moglie era in travaglio a chiamare il bambino Donnie.

La relativa accessibilità di Cohen agli altri fan dei Mets è lodevole. Ma nell’era dei social media e dell’interazione socialmente distante con i giornalisti, è sempre più difficile valutare cosa sta realmente accadendo. Alla domanda di Dave Lennon di Newsday sulla tempistica dei licenziamenti – dopo che i giocatori avevano accreditato un falso guru per la loro mini-ondata offensiva – Scott sembrava perplesso.

“Non sono sicuro di aver compreso completamente la tua domanda”, ha detto. «Dovresti chiedere ai giocatori di Donnie. Immagino che l’unica cosa su cui commenterò è che ovviamente abbiamo avuto molti successi nelle ultime due sere, segnato alcuni punti. Penso che ciò dovrebbe evidenziare che non si tratta di risultati recenti. Si tratta del processo dietro le quinte. “

Se i Mets fossero stati i primi in NL nei punti segnati, invece che ultimi, è una scommessa sicura che non avrebbero licenziato Davis e Slater. Poi di nuovo, se avessero segnato più punti, il processo – qualunque cosa significhi – sarebbe stato molto probabilmente migliore.

È tutta semantica, comunque, e il lavoro di allenatore di colpire ora spetta a Hugh Quattlebaum con Kevin Howard come suo assistente. Quattlebaum, 42 anni, era stato il direttore dello sviluppo della lega minore. Howard, 39 anni, era stato il direttore dello sviluppo dei giocatori. Entrambi sono più giovani degli allenatori sostituiti: Davis ha 61 anni, Slater 53.

“Sono entrambi buoni costruttori di relazioni”, ha detto Scott di Quattlebaum e Howard, che sono ex interni della lega minore. “Entrambi vedono molto bene la meccanica di successo. Si preparano molto bene, lavorano sodo. Penso che i due si completino a vicenda e porteranno molto sul tavolo “.

Il fatto è che nessuna squadra sta colpendo bene in questo momento. I lanciatori dettano l’azione e il loro mestiere è diventato rapidamente così avanzato che i battitori non possono tenere il passo. Ondate di braccia vive sono addestrate per sopraffare i battitori per brevi raffiche, utilizzando la tecnologia per modellare con precisione i loro passi fuori velocità per il massimo effetto.

Fino a lunedì, le squadre hanno registrato una media di 7,7 colpi a partita, che sarebbe il minor numero di sempre, e 9,05 strikeout a partita, che sarebbe il massimo. La media di battuta della Major League è .233, un altro minimo record, e la percentuale su base è .310, la più bassa dal 1968.

Questo non vuol dire che i Mets stiano facendo il meglio che possono. Mentre Lindor sta uscendo dalla sua peggiore stagione – ha battuto .258 con un .750 in base più una percentuale di colpi su 60 partite per Cleveland nel 2020 – è un battitore molto, molto migliore di questo. Ma come nuovo arrivato con $ 363,5 milioni impegnati per lui fino al 2031, non ha alcuna partecipazione ai fan di Citi Field e deve ancora guadagnarsi la loro fiducia.

“Non mi sembra giusto, di sicuro”, ha detto Lindor la scorsa settimana, dopo essere stato fischiato a casa. “Interessante, perché questa è la prima volta che è successo nella mia carriera, e divertente perché vengo fischiato e le persone pensano che tornerò a casa e penseranno al motivo per cui vengo fischiato.”

Ha aggiunto: “Stanno fischiando perché non ci sono risultati. Questo è tutto. Si aspettano risultati, io aspetto risultati e io li ottengo “.

Lo capiscono tutti. I risultati non c’erano, e ora non ci sono più due allenatori. Nessuna parola sullo stato di Donnie.

#Mets #Fire #Chili #Davis #nel #ruolo #Hitting #Coach

Informazioni sull\'autore del post

admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *