Michael McDowell non è sorpreso di aver vinto la Daytona 500

Visualizzazioni: 7
0 0
Tempo per leggere:5 Minuto, 9 Secondo

Michael McDowell correva nella NASCAR da 14 anni, con poco prezioso da mostrare. La Daytona 500 di domenica è stata la sua 358a carriera. In ciascuno dei precedenti 357, aveva finito in un posto diverso dal primo.

Seduto insolitamente vicino al comando nell’ultimo giro mentre domenica sera è passata al lunedì mattina presto, McDowell ha beneficiato quando i leader si sono scontrati, provocando un incidente con reazione a catena. Per un solo istante, ha preso il comando. Ma è stato il momento giusto: quando è uscita la bandiera gialla di avvertenza, le posizioni dei corridori sono state bloccate. In un istante, e senza guidare per un solo giro, McDowell ha vinto la gara più grande del calendario NASCAR.

McDowell, 36 anni, ha parlato con il New York Times della gara, del suo finale scioccante e di come ci si sente a sapere che non sarà mai più un cavallo oscuro.

La seguente intervista è stata condensata e modificata per chiarezza.

È l’ultimo giro della Daytona 500. Ci sono due ragazzi tra te e la bandiera a scacchi e stanno cadendo davanti a te. Cosa fai?

Eravamo Brad Keselowski, Joey Logano e io che andavamo alla checker. Abbiamo fatto una corsa così buona, mi sentivo come se avessimo il controllo della gara. Sapevo che Brad avrebbe fatto una mossa, così io e Brad ci siamo messi insieme. Abbiamo avuto una grande corsa arrivando a Joey. Brad ha fatto la sua mossa e Joey l’ha bloccata. Uno è andato a sinistra, uno a destra e io ho guidato a destra nel mezzo.

Quali erano le tue possibilità se non ci fosse stato un incidente?

Stai arrivando alla fine della Daytona 500. Nessuno rimarrà in coda. Sapevo che Brad non si accontentava di finire secondo e lasciare che Joey vincesse la gara. E sapevo che Joey non si accontentava di lasciare vincere Brad. Quindi mi sentivo come se fossi in un’ottima posizione, non importa cosa, anche se non c’è stato l’incidente. Sapevo che Brad avrebbe fatto una mossa su Joey, e il mio piano era di uscire dalla curva 4 quando ha fatto quella mossa e rimanere incollato a quella macchina. Quando ha fatto quella mossa, stavo andando, si spera, a essere in grado di fare il mio passaggio vincente e snooker entrambi.

Quando le persone si schiantano intorno a te in un momento così importante, devi ricordarti di non tirare indietro il gas, che potrebbe essere il tuo primo istinto in una situazione pericolosa?

Bene, non puoi sollevare. Perché stai arrivando alla linea, sai che una volta che ti lasci andare, hai finito. Una volta che hai fatto quella corsa, sai che devi rimanere impegnato.

Le persone che potrebbero non seguire la NASCAR regolarmente potrebbero pensare: Wow, qualche cavallo oscuro ha appena vinto la Daytona 500. Che affare sfacciato. Senti che lo era?

Sai, non è una cosa strana. Daytona è un posto in cui ho avuto un certo successo. Ovviamente non avevo vinto. Ma ho un paio di top five e una manciata di top 10 in pista. Quindi quando ci vado mi sento come se avessi l’opportunità di essere nella conversazione e potenzialmente vincere la gara.

Ma capisco, voglio dire, per i milioni di fan che potrebbero non guardare regolarmente la NASCAR, questa è la mia prima vittoria e in genere non siamo i favoriti per vincere quella gara, ovviamente. Non è offensivo per me. Quando tornerò qui l’anno prossimo, non sarò più visto come il cavallo oscuro. Mi piacerà.

Chi pensavi avesse la macchina più forte? Denny Hamlin, che ha condotto 98 giri ed è arrivato quinto?

Quello che è stato in grado di fare solo con una manciata di compagni di squadra è davvero impressionante. È molto forte e le altre Toyota stavano lavorando insieme e alla fine stavano facendo grandi mosse. Ma alla fine correva dodicesimo o qualcosa del genere e questo è troppo lontano per avere una possibilità.

In realtà hai avuto un grande incidente all’inizio della gara, non solo il grande incidente infuocato alla fine. La tua macchina ha avuto dei danni in quella, vero? Come ha fatto a guidare dopo?

Abbiamo avuto qualche contatto leggero. Ho appena spazzolato il muro. L’ho colpito molto quadrato. Non è stato qualcosa che ha danneggiato la nostra performance. Ma abbiamo sicuramente dovuto eseguire bene le riparazioni. La mia squadra ha fatto un ottimo lavoro. Siamo in tempo, per così dire, quando sei coinvolto in un incidente. Hai solo sei minuti per fare le riparazioni sulla pit road prima di essere squalificato dalla gara. Ma abbiamo fatto le riparazioni. Non abbiamo perso un giro.

Suppongo che, prima di questa gara, se qualcuno chiedesse per cosa è famoso Michael McDowell, sarebbe dai milioni di visualizzazioni su YouTube di te che ti allontani da un incidente spettacolare al Texas Motor Speedway nel 2008. Hai dato alle persone qualcosa di nuovo per ricordarti di te?

Lo spero, ma sappiamo tutti che il filmato dell’incidente continuerà a vivere per sempre.

Che io vinca la Daytona 500 o che sia caduto, è solo una parte della storia di questo sport. La caduta è stata ovviamente molto significativa e purtroppo fa parte della mia storia. Ma sono stato in questo mondo abbastanza a lungo ora e ho dovuto perseverare e macinare. Non avevo dubbi sulla mia capacità di svolgere il lavoro prima di questa settimana, e voglio dire che la vittoria consolida la mia convinzione che stiamo andando nella buona direzione.

A differenza di alcuni piloti, non hai nessun vero nemico in quell’area del garage. Anche Logano ha detto in seguito: “Se non potessi vincere, preferirei che lo facesse Michael”. Aiuta a non avere nemici là fuori nel giro finale?

Vuoi sempre avere amici. Ma essendo realistici qui, sai che quei ragazzi con cui corri avrebbero fatto tutto quello che dovevano fare per vincere la gara. Non mi aspetto niente di diverso.

I libri di storia dimostreranno che hai guidato l’ultimo giro in questa Daytona 500. Ma, davvero, non hai mai guidato un giro completo, in nessun momento. Ti infastidisce?

Siamo rimasti in testa solo per circa tre o quattro secondi, poi la gara è finita. È fantastico per me.

#Michael #McDowell #sorpreso #aver #vinto #Daytona

Informazioni sull\'autore del post

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *