Muore a 81 anni Irv Cross, primo analista sportivo di Black Network TV

Visualizzazioni: 10
0 0
Tempo per leggere:5 Minuto, 58 Secondo

Irv Cross, un difensore del Pro Bowl con due squadre della NFL che in seguito è passata alla storia come il primo analista televisivo nero a tempo pieno per un programma televisivo sportivo, è morto domenica in un ospizio a North Oaks, Minnesota. Aveva 81 anni.

La causa era la cardiomiopatia ischemica, una malattia cardiaca, ha detto sua moglie, Liz Cross. Aveva anche la demenza, che credeva fosse stata causata da commozioni cerebrali subite durante i suoi giorni di gioco. Aveva deciso di donare il suo cervello alla Boston University Centro di encefalopatia traumatica cronica.

Nel 1975, dopo nove stagioni con i Philadelphia Eagles e i Los Angeles Rams e quattro anni come analista di gioco per CBS Sports, la rete assunse Mr. Cross per unirsi al cast del suo spettacolo pre-partita, “The NFL Today”, iniziando un 15 -anno gestito come commentatore di alto profilo. Lui, Brent Musburger e Phyllis George – e, a partire da un anno dopo, l’esperto di scommesse Jimmy Snyder, noto come il greco – hanno visto in anteprima e analizzato le prossime partite del giorno e hanno dato punteggi a metà tempo.

Il cast era diverso dagli altri nella programmazione televisiva della NFL, con il signor Cross in un lavoro che nessun altro giornalista sportivo nero aveva ricoperto prima, e la signora George, un’ex Miss America, che divenne una delle prime giornaliste sportive femminili. Con divertenti battute e byplay, la combinazione di personalità si è rivelata estremamente popolare.

“Irv era una persona molto intelligente, laboriosa, estremamente gentile che ha sempre avuto un affetto per lui”, ha detto in un’intervista telefonica Ted Shaker, l’ex produttore esecutivo di CBS Sports. “Aveva costruito la sua credibilità come giocatore e analista di gioco, ed era il nostro ancoraggio a ‘The NFL Today'”. Ha aggiunto: “Come Phyllis, Irv è stato un vero pioniere”. (La signora George è morta a maggio a 70 anni).

Nel 1988, la CBS ha licenziato il signor Snyder per i commenti ampiamente pubblicizzati che aveva fatto in un’intervista sulle differenze fisiche tra atleti bianchi e neri. I suoi commenti, disse all’epoca il signor Cross, “non riflettono il Jimmy il greco che conosco, e lo conosco da quasi 13 anni”. (Il signor Snyder è morto nel 1996.)

Dopo che la CBS ha licenziato il signor Musburger in una disputa contrattuale nel 1990, la rete ha rivisto “The NFL Today”, ponendo fine al lungo periodo di Mr. Cross nel programma. È tornato a essere un analista di gioco alla CBS per due anni, ma dopo che il suo contratto non è stato rinnovato non ha più lavorato nella televisione di rete.

“Non avevo un agente e non ho cercato una posizione televisiva in modo aggressivo come avrei dovuto”, ha detto ha detto a Sports Illustrated nel 1996. “Sono semplicemente svanito.”

Il suo lavoro di trasmissione è stato premiato nel 2009 quando ha ricevuto il Pete Rozelle Radio-Television Award dalla Pro Football Hall of Fame di Canton, Ohio.

Irvin Acie Cross è nato il 27 luglio 1939 ad Hammond, in India, l’ottavo di 15 figli. Suo padre, Acie, era un operaio siderurgico; sua madre, Ellee (Williams) Cross, era una casalinga.

Il signor Cross ha detto che suo padre, un forte bevitore, aveva picchiato sua madre. “Mi lacera”, lui ha detto al The Chicago Tribune nel 2018. “È stato spaventoso. Si poteva dire che stava arrivando. Abbiamo provato a fermarlo un paio di volte. Salteremmo sulla sua schiena. È assolutamente crudo per me. “

Ellee Cross morì di parto quando Irv aveva 10 anni, lasciandolo a chiedersi se le percosse avessero peggiorato i problemi di salute di sua madre.

Dopo aver eccelso nel calcio alla Hammond High School – cosa che gli è valsa un posto nella sua hall of fame – Mr. Cross è stato un grande ricevitore e un difensore alla Northwestern University sotto l’allenatore Ara Parseghian. Da junior, ha preso un passaggio di touchdown di 78 yard durante una vittoria per 30-24 Northwestern su Notre Dame.

“Non avevamo molta profondità, ma Parseghian è stato bravissimo a far muovere i ragazzi e ad ottenere il massimo da loro”, Il signor Cross ha detto a una pubblicazione online della Northwestern nel 2018. “Le sue squadre hanno battuto Notre Dame tre volte consecutive dal 1958 al 1961”. Il signor Parseghian ha lasciato la Northwestern dopo l’inizio della stagione 1963 una corsa leggendaria come allenatore di Notre Dame.

Da anziano, il signor Cross è stato nominato atleta maschio dell’anno della Northwestern.

Gli Eagles lo hanno scelto nel settimo round del Draft NFL del 1961. Ha intercettato cinque passaggi nel 1962 e ha giocato nel Pro Bowl nel 1964 e nel 1965. La Hall of Fame running back Jim Brown una volta disse: “Nessuno in campionato affronta più duramente di Cross”.

Dopo cinque stagioni con gli Eagles, Mr. Cross fu ceduto ai Los Angeles Rams nel 1965 e vi suonò per tre anni. Tornò agli Eagles nel 1969 come giocatore e allenatore difensivo. Dopo essersi ritirato da giocatore alla fine della stagione, ha continuato ad allenare per un altro anno.

Mr. Cross ha iniziato a pianificare una carriera televisiva mentre era con gli Eagles, lavorando come commentatore sportivo radiofonico e presentatore sportivo televisivo nel fine settimana a Philadelphia durante la bassa stagione. Sebbene tentato dall’offerta di lavoro di front office dei Dallas Cowboys nel 1971, scelse invece di lavorare per la CBS Sports.

L’adesione a “The NFL Today” è arrivata con una certa pressione. Nell’intervista alla Northwestern ha ricordato che nel 1975 “il panorama televisivo era molto diverso, molto più bianco”.

“Non mi sono mai concentrato su questo”, ha detto il signor Cross, “ma ero perfettamente consapevole che se avessi fallito sarebbe passato molto tempo prima che un’altra persona di colore avesse un’opportunità simile”.

Quando il cast dello spettacolo è stato cambiato nel 1990, Greg Gumbel, che è Black, è stato assunto per lavorare al fianco dell’ex quarterback dei Pittsburgh Steelers Terry Bradshaw.

Dopo che il signor Cross ha lasciato la CBS ha cambiato corso, lavorando come direttore atletico presso la Idaho State University di Pocatello dal 1996 al ’98 e al Macalester College di St. Paul, Minnesota, dal 1999 al 2005.

Oltre a sua moglie, Liz (Tucker) Cross, è sopravvissuto alle sue figlie, Susan, Lisa e Sandra Cross; suo figlio, Matteo; un nipote; le sue sorelle, Joan Motley, Jackie McEntyre Julia Hopson, Pat Grant e Gwen Robinson; ei suoi fratelli, Raymond, Teal e Sam. Il suo primo matrimonio si è concluso con il divorzio. Viveva a Roseville, Minnesota, fuori dalle Twin Cities.

Quando il signor Cross giocava, le commozioni cerebrali di solito non venivano prese sul serio. Ne ha sostenuti diversi nella sua stagione da rookie, abbastanza per i suoi compagni di squadra da soprannominarlo Paper Head. Una delle commozioni cerebrali lo ha fatto perdere i sensi e lo ha mandato in ospedale.

Per proteggersi, il signor Cross aveva un casco realizzato con un’imbottitura extra.

“Ho solo cercato di tenere la testa fuori mano mentre facevo i contrasti”, ha detto a The Philadelphia Inquirer nel 2018. “Ma è così che è stato. La maggior parte delle volte ti davano dei sali profumati e tu tornavi dentro. Non lo sapevamo. “

#Muore #anni #Irv #Cross #primo #analista #sportivo #Black #Network

Informazioni sull\'autore del post

admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *