NCAA March Madness Live Updates: Stanford affronta l’Arizona in finale

Visualizzazioni: 5
0 0
Tempo per leggere:8 Minuto, 17 Secondo

L'Arizona ha trattenuto gli avversari in modo offensivo durante questo torneo NCAA.
Credito…Carmen Mandato / Getty Images

Aari McDonald merita un credito significativo per la sua abilità difensiva che abbina il suo gioco offensivo nella guida dell’Arizona al gioco del titolo nazionale.

C’è anche molta difesa forte, però, che proviene dal resto del roster dei Wildcats.

Venerdì sera, l’Arizona ha tenuto UConn a 59 punti con il 36% di tiri, ei Wildcats hanno tenuto sette delle ultime otto squadre avversarie sotto il 40%.

“Sicuramente l’hai visto in mostra stasera”, ha detto McDonald. “UConn, è una centrale elettrica. Voglio dire, non c’è niente di meglio di così “.

Con McDonald in testa, altri elementi della difesa hanno avuto possibilità di successo. I Wildcats hanno avuto la settima miglior difesa della nazione per tutta la stagione. Cate Reese aveva tre palle rubate contro gli Huskies e Lauren Ware aveva un blocco dalla panchina.

In una vittoria di 10 punti su UConn, 12 dei punti dell’Arizona sono venuti fuori dai fatturati. Dietro McDonald, il resto della difesa dei Wildcats è fiorito.

L'allenatrice dell'Arizona Adia Barnes con la sua squadra nella seconda metà della semifinale contro l'UConn.
Credito…Kirby Lee / USA Today Sports, tramite Reuters

In occasione della semifinale di venerdì sera contro la testa di serie numero 1 UConn, l’allenatore dell’Arizona Adia Barnes ha parlato di come la fiducia potrebbe giocare un fattore per i suoi avversari, compreso il coach Geno Auriemma.

“È davvero importante perché UConn è stata lì tante volte”, aveva detto Barnes. “Coach Auriemma è una leggenda. È una specie di shock quando non va alle Final Four e non vince un campionato. Ha appena fatto un lavoro straordinario. Uno dei migliori allenatori che ci sia. Sono una squadra fiduciosa perché è territorio noleggiato. È inesplorato per noi. Questo è qualcosa a cui sono abituati “.

Dopo la partita, però, è stato Auriemma a dire che sentiva che il suo giovane gruppo era troppo immaturo per il momento. Questo è stato certamente un fattore, dato che i Wildcats più anziani hanno resistito alla fine, ma anche l’allenatore di Barnes meritava credito dato come ha gestito la sua stella, Aari McDonald, e gli altri giocatori intorno a lei.

Dopo aver raggiunto la partita di campionato, Barnes ha detto che il suo successo è stato particolarmente importante perché solo poche donne di colore hanno allenato le squadre per le Final Four e oltre.

“Rappresento molte cose diverse, ma la rappresentazione conta, le opportunità contano. Quando ci viene data un’opportunità, possiamo prosperare “, ha detto Barnes. “Mi è stata data un’opportunità da un direttore atletico che credeva in un giovane allenatore che allenava da soli cinque anni. Questo è solo il mio quinto anno da capo allenatore. Ero un assistente di cinque anni, un professionista di 13 anni “.

Alcuni osservatori ritengono che Charli Collier del Texas potrebbe essere selezionato con la prima scelta nel progetto WNBA.
Credito…Morry Gash / Associated Press

Alcuni dei giocatori che hanno recitato in questo torneo NCAA sono pronti per un passaggio alla WNBA

Sabato, i giocatori che sono stati eliminati prima delle Final Four hanno dovuto affrontare una scadenza per dichiararsi per il draft (quelli nelle Final Four hanno 48 ore in più dopo che le loro squadre hanno terminato la loro stagione). La scadenza ha spinto a una decisione importante, perché agli atleti viene concesso un anno in più di idoneità al college a causa della pandemia di coronavirus.

Domenica, il campionato ha pubblicato un elenco di 52 nomi di giocatori che si sono dichiarati per il draft.

Quelli già dichiarati che hanno avuto tornei forti includono Charli Collier del Texas, la scelta migliore prevista, Dana Evans di Louisville, Michaela Onyenwere dell’UCLA e DiDi Richards di Baylor. Ci si aspetta che tutti siano selezioni alte nel progetto a due turni.

Tra le Final Four, potrebbero dichiararsi Evina Westbrook della UConn e LeLe Grissett della Carolina del Sud, insieme all’anziano Aari McDonald dell’Arizona. McDonald in particolare ha aumentato il suo budget portando l’Arizona alla partita del campionato nazionale e segnando un grande punteggio nelle sue ultime tre partite.

Le giocatrici del Maryland Katie Benzan e Chloe Bibby erano possibilità che non hanno dichiarato, insieme ad Ali Patberg dell’Indiana.

Stanford ha vinto il torneo Pac-12 Conference per consolidare la sua posizione entrando nel torneo NCAA.
Credito…Ethan Miller / Getty Images

Nonostante tutto il clamore intorno ai Big Ten di questa stagione, è una squadra della Pac-12 Conference che isserà un trofeo del campionato nazionale.

“Nel Pac-12 abbiamo sempre detto che abbiamo le migliori squadre del paese, e avere due squadre Pac-12 parla da sé”, ha detto l’allenatore dell’Arizona Adia Barnes. “Stanford ha vinto il campionato Pac-12 e noi eravamo secondi. Entrambi nelle Final Four e nella partita di campionato, significa molto per la nostra conferenza “.

Sarà la prima volta dal 1992 che un titolo nazionale verrà dal Pac-12, che, a parte l’eccezionale corsa di Stanford in questa stagione, non sembra essere una seria minaccia da più squadre. I Big Ten, guidati dal Maryland insieme a Michigan, Michigan State, Rutgers, Iowa e un novellino dell’Indiana, hanno attirato più attenzione nazionale.

Tra quelle squadre Big Ten, solo l’Indiana è riuscita a superare gli ottavi di finale, quando ha ribaltato un seme n. 1, lo stato della Carolina del Nord. L’Arizona ha eliminato gli Hoosiers negli ottavi di finale.

I Big 12 hanno avuto delle ottime prestazioni con Baylor e Texas, ma sono stati eliminati prima delle Final Four.

Nella stagione regolare per l’ultima conferenza in piedi, Stanford è arrivato primo nella stagione regolare mentre l’Arizona è arrivato secondo. Stanford ha vinto il torneo della conferenza e ha anche battuto i Wildcats due volte nella stagione regolare, entrambe le volte a doppia cifra.

“Sono davvero orgoglioso che il Pac-12 abbia due squadre nella partita del campionato nazionale”, ha detto l’allenatore della Stanford Tara VanDerveer. “Sai, questo non è qualcosa che molte persone avrebbero potuto immaginare, 10 anni fa, 15 anni fa, 20 anni fa. Ed è davvero, davvero eccitante. “

Contro l'UConn nelle Final Four, Aari McDonald dell'Arizona è stata la più grande star della pista.
Credito…Elsa / Getty Images

Aari McDonald, il giocatore Pac-12 dell’anno, ha posseduto i piani di Alamodome, segnando almeno 26 punti in ciascuna delle ultime tre partite. È agile ma potente, taglia le difese e supera coloro che cercano di contenerla.

Sebbene sia spesso più efficace quando penetra le difese, è anche pericolosa dall’esterno: McDonald ha sparato quasi il 42 percento da oltre l’arco nella post-stagione.

Ed è un difensore formidabile, spesso ruba palla e trasforma le palle perse in punti. Ha anche avuto più di cinque rimbalzi difensivi in ​​ciascuna delle ultime quattro partite.

“È davvero sottovalutata in difesa”, ha detto Barnes dopo la semifinale nazionale. “Nella mia mente pensavo che avrebbe dovuto essere la difensiva nazionale dell’anno. Nessun altro giocatore ha avuto un impatto maggiore sul gioco su entrambe le estremità del pavimento. “

La semifinale di Stanford contro la Carolina del Sud è stata piuttosto fisica.  La finale contro l'Arizona sarà probabilmente simile.
Credito…Elsa / Getty Images

Entrambe queste squadre impiegano molta pressione della palla e hanno la lunghezza necessaria per coprire il pavimento.

Stanford e Arizona sono le migliori nel Pac-12 a difendere i colpi. L’Arizona ha tenuto l’UConn, con la sua tipica offensiva ad alto numero di ottani, al suo gioco con il punteggio più basso della stagione nelle semifinali nazionali. Stanford ha protetto il cerchio con una combinazione di Cameron Brink, Fran Belibi e Anna Wilson.

“Di solito difensivamente uno dei nostri punti di forza è la nostra difesa della guardia”, ha detto l’allenatore della Stanford Tara VanDerveer. “Anna Wilson è stata un difensore di blocco per noi tutto l’anno.”

E nessuna delle due squadre ha paura di commettere fallo o di subire un fallo.

“Intrappolare Aari è molto difficile”, ha detto venerdì l’allenatore dell’Arizona Adia Barnes del principale collaboratore dell’Arizona, Aari McDonald. “Penso che abbia fatto un buon lavoro nel tirare i falli. Aari ha subito nove falli nel gioco. “

Haley Jones è una delle minacce da 3 punti di Stanford.
Credito…Morry Gash / Associated Press

Con difensori solidi che congestionano la vernice, è un bene che nessuna delle due squadre abbia paura di tirare dall’esterno.

Sebbene l’Arizona abbia impiegato un po ‘più di tempo per prendere confidenza con il tiro dal profondo, i Wildcats hanno ottenuto 42 da 3 punti in questo torneo, tirando il 34 percento. Stanford ha stabilito un record nella sua vittoria contro la Carolina del Sud per le tre puntate fatte nel torneo con 56. UConn ha stabilito il precedente record di 54 nel 2015. Il Cardinal era 5 su 8 su tre punti venerdì sera.

E Stanford ha molti giocatori che possono sparare: Kiana Williams è uno dei tiratori più affidabili del Cardinal, ottenendo una tripla in ogni partita che aveva giocato dall’inizio di gennaio fino a venerdì sera. Nonostante questo errore, i migliori marcatori Haley Jones e Lexie Hull sono stati perfetti nei tiri da 3 punti.

“I miei compagni di squadra mi vedono tirare in allenamento, mi sento fiducioso”, ha detto Jones dopo aver vinto la semifinale. “Semplicemente instillano la loro fiducia in me quando non ce l’ho in me.”

Sebbene Stanford abbia prevalso in due precedenti incontri con l’Arizona in questa stagione, l’allenatore dell’Arizona Adia Barnes non ha paura dopo essere arrivato così lontano.

“Ci hanno battuto due volte quest’anno: ci devono battere una terza volta”, ha detto.

#NCAA #March #Madness #Live #Updates #Stanford #affronta #lArizona #finale

Informazioni sull\'autore del post

admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *