Non più una “tigre”, Amari Avery cercherà di far ruggire Augusta

Visualizzazioni: 6
0 0
Tempo per leggere:10 Minuto, 11 Secondo

Sono passati otto anni da quando Amari Avery ha fatto il suo primo “splash” – parola sua – nel golf. Un documentario Netflix del 2013 sui giocatori di golf delle scuole superiori ha presentato una bambina di 8 anni che navigava sul suo Riverside, in California, sulla sua bici, stelle filanti rosa sul manubrio mosse dal vento, mentre “Going Back to Cali” di Notorious BIG risuonava sullo sfondo .

Che cosa “Il gioco breve”Ha mostrato è venuto a definire la percezione di Avery sul circuito di golf junior. Gran parte del documentario era incentrato su come suo padre, Andre, l’aveva nominata “Tigre” dopo aver vinto un campionato del mondo junior a 6 anni e stava cercando di navigare nel costoso territorio del golf junior seguendo la gestione di Earl Woods di Tiger. L’arco narrativo di Amari nel film si conclude con lei e suo padre in lacrime dopo un finale deludente al Campionato mondiale di golf per bambini degli Stati Uniti.

Ora 17enne, Amari Avery rotolerà lungo Magnolia Lane con la possibilità di fare un tuffo diverso nel luogo più riconoscibile del golf.

“Sarà sicuramente un po ‘travolgente”, ha detto mentre camminava sul campo dell’Augusta National, dove è una delle 85 invitate all’Augusta National Women’s Amateur. “Ma penso che il solo fatto di essere lì possa essere d’ispirazione per ragazze come me. Sarò là fuori per suonare per me stesso e mostrare alle persone che le persone come me possono essere là fuori, possiamo essere a quel livello elevato e giocare “.

Quello storia del luogo con entrambi gli afro-americani e le donne – un uomo afroamericano non ha giocato al Masters Tournament fino al 1975 e il club non ha aggiunto i suoi primi due membri femminili, l’ex segretario di stato Condoleezza Rice e la finanziera Darla Moore, fino al 2012 – non è persa su Avery . Figlia di un padre afroamericano e di una madre filippina, è una delle poche golfiste nere a livello amatoriale o professionale di questo sport.

“Non pensavo che avrei visto nessuna donna giocare a golf competitivo all’Augusta National”, ha detto Renee Powell, che nel 1967 è diventata solo la seconda donna nera ad unirsi al LPGA Tour. “Figuriamoci una donna nera.”

Powell non ha mai avuto l’opportunità di giocare all’Augusta National e ha inviato un’e-mail al suo presidente, Fred Ridley, per lodarlo per aver ospitato l’evento amatoriale femminile, giocato per la prima volta nel 2019. In qualità di capitano della squadra degli Stati Uniti per la Junior Solheim Cup di quest’anno, che ospita il 12 migliori giovani dilettanti negli Stati Uniti contro i loro contrappunti europei – Powell controlla le migliori giocatrici juniores e occasionalmente controlla con Andre per tenere sotto controllo lo sviluppo di Amari.

“Sembra essere il vero affare”, ha detto Powell.

Questa è solo la seconda edizione dell’Augusta National Women’s Amateur, dopo l’annullamento dell’evento lo scorso aprile nei primi mesi della pandemia di coronavirus. Ma anche l’invito di Avery non garantisce che trascorrerà molto tempo nel sacro corso. Giocherà un round di allenamento lì all’inizio della settimana, ma poiché i primi due round del torneo si svolgono nel vicino Champions Retreat, Avery dovrà fare il taglio per giocare sul campo in cui il suo idolo, Tiger Woods, ha fatto così tanto storia.

“Non potevo nemmeno immaginare come sarebbe stato giocare all’Augusta National”, ha detto Avery nel suo modo tipicamente deliberato e misurato. La fase finale del torneo amatoriale si giocherà di fronte a un numero limitato di patrocinatori, proprio come il Masters di quest’anno, e trasmessa da NBC Sports. “Ovviamente essendo l’unica persona nera lì, spero di poter fare qualcosa là fuori e creare alcuni turbamenti, alcuni ruggiti.”

È pronta a lasciare un segno nel golf alle sue condizioni, ben lontana dalla reputazione che Averys si è guadagnata nel documentario Netflix, quella di un papà elicottero e del suo prodigio, spinti dalla pressione per vincere piuttosto che dal divertimento.

“Vogliamo parlarne in esistenza,” intervenne Andre. “Giocheremo ad Augusta nel torneo. Succederà. “

Per arrivare a questo punto, Amari ha inseguito il fantasma di Woods nel circuito di golf junior della California e nella sua stessa famiglia. Andre ha cercato di seguire il libro di Earl Woods “Training a Tiger” alla lettera, costretto in parte perché Amari e Tiger condividono gli stessi compleanni, sono nati nella stessa contea, hanno background di razza mista simili, hanno fatto buchi in uno sul stesso corso, ed entrambi hanno vinto i campionati del mondo junior alla stessa età. Andre anche una volta l’ha iscritta a un torneo junior come “Tigre Avery”. Dice che era uno scherzo dopo essere stato incoraggiato da un amico e si è subito rimproverato quando c’era confusione nel segnare il suo nome.

Ma Amari non si è sbiadito rispetto ai paragoni, anche se un’ondata di giovani golfisti ispirata alla tigre non è riuscita a crescere. Ha vinto il prestigioso campionato amatoriale femminile della California 2019. Al suo debutto allo US Women’s Amateur, è riuscita a superare la parte di gioco di colpi spietati della settimana e poi è passata ai sedicesimi di finale in match play. Ha vinto al Cactus Tour, un mini circuito femminile con campi pieni di professionisti. Lo scorso agosto, si è impegnata verbalmente a partecipare al potente programma di golf femminile presso la University of Southern California nel 2022.

L’Averys attribuisce a sua madre, Maria, il ruolo di colei che rende possibile l’inseguimento di golf in famiglia, tenendo d’occhio le pressioni ei costi e servendo come giudice finale di quando staccare la spina se uno dei due monta. Andre può lavorare a distanza come consulente di tecnologia dell’informazione mentre è in viaggio con Amari e Alona, ​​14 anni, anche loro un giocatore di golf junior molto apprezzato. Dei suoi quattro fratelli, Amari è la più vicina ad Alona, ​​che era sulla borsa per il debutto di Amari US Women’s Amateur la scorsa estate quando la sorella maggiore ha pubblicato un calamitoso 40 sui primi nove del suo round di apertura, ma si è stabilizzata per il secondo- miglior punteggio del secondo turno per rendere facilmente il tabellone di gioco della partita.

Per bilanciare la propria spinta contro le delusioni che possono venire durante un round difficile, Amari ha lavorato con Jay Brunza, uno psicologo a cui ha attribuito il consolidamento del suo approccio mentale in vista del dilettante femminile dell’anno scorso. “Stava dicendo: ‘Rimani stabile là fuori. Prova solo a colpire fairway e green “, ha ricordato Amari. “Mi dice un sacco di cose diverse che aiutano. Puoi andare là fuori e sparare un 40 e i prossimi nove un 33 e non sei fuori “.

Aiuta il fatto che Brunza abbia lavorato con l’adolescente Tiger Woods, facendo il caddie per lui durante tutti e tre i titoli amatoriali maschili di Woods.

Andre sarà sulla borsa per Amari all’Augusta National Women’s Amateur, sperando di fare un’impressione diversa rispetto a quando ha imprecato durante le discussioni con Amari quando aveva 8 anni, ed è stato raffigurato come il “genitore cattivo”, una rappresentazione che ammette era giusta .

“Non sono io che voglio caddy perché voglio i riflettori”, ha detto Andre. “È tutto quello che abbiamo passato. Ora si chiude il cerchio. Penso che sia il modo migliore per noi, con lei che andrà a scuola tra pochi mesi per farci suonare insieme in questa cosa “.

“Training a Tiger” è stato pubblicato nel 1997, molto prima del pieno impatto e costi collaterali dell’approccio di Earl Woods su suo figlio avrebbe potuto essere conosciuto. Ma per una squadra di genitori prodigio non bianchi che praticava il golf junior, il conto dei Woods era la mappa stradale principale a disposizione degli Averys.

Tuttavia, Andre ha detto che ha imparato a crescere insieme ad Amari. Ha rinunciato al soprannome di “Tigre”, ha smesso di cercare di imporre elementi dello swing di Tiger ad Amari e ha ceduto alle istruzioni di un allenatore. Prima del titolo amatoriale femminile della California del 2019 di Amari, la squadra ha attraversato una porta girevole di allenatori di swing, così tanti che padre e figlia hanno perso il conto.

“Stavamo solo saltellando cercando di trovare quella cosa chiave che cambierà le cose invece di limitarci a fidarci di un processo e lasciare che si gestisca da solo”, ha detto. “Ero appena giunto alla conclusione che le cose non andranno sempre velocemente.”

Anche Amari ha imparato a respingere suo padre. “Quando siamo là fuori sul corso e sto lottando o sto lavorando a qualcosa e lui cerca costantemente di dirmi di fare qualcosa, io sono tipo, ‘Papà, scendi. Voglio solo farlo da solo. ‘”

Entrambe le Avery hanno fiducia che potrebbe essere una potenziale superstar del LPGA Tour e hanno la Tiger trifecta: golf divertente, golf vincente e personaggio commerciabile. Andre ammetterà ancora di credere in un legame con i Woods. “Siamo così legati a quella cosa Tiger Woods-Earl Woods”, ha detto. “C’è una connessione, credo davvero. È divino. “

Man mano che Amari è cresciuta, ha migliorato il suo approccio al golf e la gestione del rapporto con il suo fan più accanito. Qualunque sia lo stigma che Andre può portare, è un genitore che ha impegnato molto tempo e denaro per l’istruzione e il viaggio per far progredire Amari nel gioco.

Quelle risorse richieste rappresentano ancora una sfida enorme per diversificare il gioco. Gli Averys sono spesso l’unica famiglia nera in eventi amatoriali di alto profilo, proprio come lo erano nel circuito junior, proprio come lo erano Earl e Tiger Woods.

“Semplicemente non mi sento come se ci fosse molta spinta per loro di essere qui”, ha detto Amari, aggiungendo, “questo è un po ‘quello che voglio portare nel gioco, influenzare alcuni di questi ragazzi che sembrano io, tipo ‘Ehi, puoi essere qui fuori. Puoi fare un tuffo qui. “”

Ha guardato il video dell’Augusta National Women’s Amateur 2019 e si è recata ad Augusta per la prima volta nella sua vita all’inizio di marzo per giocare al corso Champions Retreat. Pochi giorni prima di partire, Andre ha scoperto in una conversazione con il padre di Zoe Campos, che ha concluso con un pareggio per il quinto posto nel 2019, che Champions Retreat era in realtà una struttura a 27 buche. Aveva bisogno di capire il percorso a 18 buche su cui avrebbero giocato l’evento. C’era del lavoro di scouting da fare nell’ultimo mese.

Come tutti gli atleti adolescenti durante la pandemia di coronavirus, il programma e il lavoro di preparazione di Amari sono stati anormali. Ha detto che è stato lento da una rapida serie di eventi amatoriali di alto profilo la scorsa estate. Quest’anno ha fatto alcune partenze nel Cactus Tour, mostrando bene e finendo seconda in un campo di febbraio con professionisti e dilettanti. Alla fine di marzo, è andata a Houston e ha vinto il Mack Champ Invitational inaugurale, un evento per giovani golfisti di diversa estrazione iniziato da Cameron Champ, uno dei pochi giocatori di colore del PGA Tour.

Gli Averys hanno incontrato Lee Elder, il primo uomo di colore a giocare nei Masters e un titolare onorario per il torneo di quest’anno, ma non hanno mai incontrato Woods. Amari sognava un giorno di incontrarlo – e forse picchiarlo -, immaginando che un incontro casuale ad Augusta sarebbe stato probabilmente il più vicino che avrebbe ottenuto.

Poi, quando ha appreso per la prima volta del suo incidente d’auto a febbraio, ha avuto quello che ha definito un “momento Kobe” e ha temuto il peggio. “Non so nemmeno se potrei continuare a giocare a golf”, ha detto, considerando lo scenario peggiore il giorno del suo incidente. “È stato il ragazzo principale che ha guidato la mia intera carriera”, ha aggiunto. “Sono stato paragonato a Tiger e voglio che veda crescere la mia carriera e vederla progredire”.

Una visita all’Augusta National è un punto di svolta significativo in quella progressione, ma gli Averys hanno ricordi distinti e associazioni con il corso e i Master, specialmente quando si tratta della storia di Woods lì. Andre ne ha trasmesso molto tramite clip di YouTube, ma la prima vera opportunità di Amari di guardare da vicino il dominio di Woods in tempo reale è stata durante la sua storica vittoria nel 2019.

L’Augusta National Women’s Amateur le dà la possibilità di fare la storia del suo club.

#più #una #tigre #Amari #Avery #cercherà #ruggire #Augusta

Informazioni sull\'autore del post

admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *