Per raggiungere il suo sogno, questo adolescente dovrà toccare il cielo

Visualizzazioni: 12
0 0
Tempo per leggere:5 Minuto, 35 Secondo

COPPER MOUNTAIN, Colo. – Come sua madre, Brian Rice ha praticato praticamente tutti gli sport.

Kat Brauer Rice, ex pugile professionista che, secondo Brian, era anche brava a basket, softball e calcio, ha trasmesso il suo atletismo al figlio di 16 anni. E ancora una cosa: la sua tradizione familiare di viaggi occasionali sugli sci.

Seduti fianco a fianco sul divano nel loro piccolo monolocale ai piedi delle piste del Copper Mountain Resort in Colorado, madre e figlio adorano parlare a vicenda delle capacità atletiche e di come i Risi siano andati tutti d’accordo – Brian’s sogno di diventare il primo snowboarder afroamericano a competere alle Olimpiadi.

Aveva 4 anni quando ha iniziato a fare snowboard, in un fosso fuori dalla loro casa a nord di Detroit, usando uno snowboard di plastica poco costoso. È diventato subito evidente, tuttavia, che Rice aveva talento e passione per lo sport. Ha iniziato a partecipare alle competizioni all’età di 11 anni. Entro un anno, stava vincendo ogni evento.

“Avevo praticato baseball, calcio, basket, football – ogni sport a cui puoi pensare. Niente mi ha portato tanta gioia come lo snowboard “, ha detto Rice.

Dal giorno in cui Kat lo ha visto scalare l’intera struttura del parco giochi all’asilo, Kat ha notato che suo figlio non aveva paura e aveva un “senso innato di consapevolezza del corpo”.

Questo è utile quando decidi di lanciarti da un salto delle dimensioni di un edificio di cinque piani, girando e capovolgendo più volte prima di atterrare. Questa è la natura delle competizioni di snowboard come lo slopestyle – in cui gli atleti affrontano una serie di salti e rail – e il big air, in cui vengono valutati in base alle loro prestazioni di trick da un singolo, massiccio salto.

“Sono sempre stato impavido, perseguivo quello che volevo fare, guidando con ragazzi più grandi e persone che erano migliori di me in modo da poter imparare tutti i trucchi e avere una reale comprensione di com’era essere uno snowboarder”, ha detto Rice .

Di solito lo faceva mentre era l’unico là fuori che sembrava come lui.

“Sono sempre stato l’unico ragazzo nero, l’unico snowboarder nero sulla collina”, ha detto. “Per quanto possa sembrare solo, avevo tutti i miei amici e non importava il colore della pelle, era sempre un grande momento per lo snowboard.”

Man mano che le abilità di Rice progredivano e iniziava a vincere contro una concorrenza più rigida, gli amici di famiglia iniziarono a chiamarlo Flyin ‘Brian. Si rese conto che per diventare un grande nome nello snowboard, avrebbe dovuto trasferirsi su montagne più grandi.

Rice ha vinto una competizione amatoriale regionale nel Michigan quando aveva 12 anni, guadagnandosi l’opportunità di partecipare a un campo di una settimana in Colorado. L’anno successivo, è atterrato nel radar degli allenatori dello Ski and Snowboard Club Vail, l’organizzazione che ha contribuito a lanciare le carriere di numerosi atleti olimpionici, in particolare Lindsey Vonn e Mikaela Shiffrin. È stato invitato a vivere con una famiglia ospitante in Colorado per l’inverno, tenendosi al passo con i compiti scolastici a distanza mentre si allenava e gareggiava.

La scorsa estate, i Rices hanno acquistato lo studio a Copper Mountain e Kat ha assunto un lavoro invernale a tempo pieno facendo il Village Safety Patrol al resort mentre si destreggiava nel ruolo sempre più impegnativo di madre e manager di Brian, la sua “mamma”.

Poiché gli sport invernali sono spesso costosi, con allenamenti di alto livello, allenamenti e competizioni nazionali e internazionali, Kat ha cercato supporto finanziario per la carriera di Brian nello snowboard.

“Ho letteralmente cercato su Google come ottenere uno snowboarder nero sponsorizzato per andare alle Olimpiadi”, ha detto Kat.

Ha trovato la National Brotherhood of Skiers, un’organizzazione con più di 3.500 membri la cui missione è aumentare il numero di persone di colore negli sport sulla neve, e Jim Dandy Ski Club, un affiliato NBS e il primo club di sci afroamericano, fondato a 1958 e con sede a Detroit. Entrambe le organizzazioni hanno sostenuto con entusiasmo la ricerca olimpica della Rice.

“Non è facile per una persona di colore del Midwest essere in grado di finanziare questo tipo di carriera”, ha detto Janice Jackson, presidente del Jim Dandy Ski Club. “Abbiamo avuto la missione di far apparire qualcuno di colore nella squadra statunitense di sci e snowboard. Abbiamo avuto persone che si sono avvicinate, ma non ci sono mai arrivate. Brian è arrivato, proprio qui nel nostro cortile. “

Alla fine di febbraio, Rice ha ottenuto uno dei migliori risultati della sua carriera: un quinto posto nella competizione US Revolution Tour Big Air ad Aspen, Colo. Il punteggio per questo tipo di evento si basa sul modo in cui gli atleti eseguono due prese a salto massiccio. La giornata era ventosa, portando alcuni atleti a ridurre le loro selezioni di trick e altri a ruotare sopra o sotto e schiantarsi. Il riso non era agitato. Andando contro alcuni dei migliori snowboarder della nazione, sapeva che avrebbe dovuto fare le cose in grande. Ha lanciato due prese che non aveva mai fatto prima: un backside 1260 (ruotando tre volte e mezzo partendo all’indietro) e un frontside 1080 (ruotando tre volte rivolto in avanti).

“Per lui per atterrare entrambi quei nuovi trucchi in quel tipo di giornata, è lì che ti separi dal branco”, ha detto Kat.

“Già”, ha aggiunto Brian. “Il duro lavoro paga. Alla fine della giornata, devo solo fare me. Devo rialzarmi e fare quello che devo fare. “

Il prossimo grande trucco dell’adolescente è un triplo tappo di sughero 1440 sul retro, che si lancia all’indietro ed esegue quattro rotazioni complete mentre esegue tre lanci fuori asse. La mossa è diventata relativamente standard tra i campioni di snowboard a livello olimpico, ma Rice si accontenta di progredire un trucco alla volta. Nel processo, vuole mostrare ad altri giovani afroamericani che gli sport tradizionali non sono le loro uniche opzioni e che anche in uno sport storicamente bianco come lo snowboard, il cielo è il limite.

“Altri sport sono diventati ripetitivi”, ha detto Rice. “Baseball, colpisci la palla e corri sulle basi. Calcio, calcia il pallone, provi a tirare in porta. Football, investi un ragazzo e cerchi di prendere la palla. Con lo snowboard c’è così tanta creatività. Ho visto dall’inizio che potevo farlo fare mio. Potrei avere libero sfogo e divertirmi quanto volevo. “

Non commettere errori, anche lui vuole competere alle Olimpiadi.

“Se, voglio dire quando Arrivo alle Olimpiadi, posso essere in cima a quel podio mostrando al mondo che non importa da dove vieni, il colore della tua pelle o chi sono i tuoi genitori. Si tratta solo di come ci si arriva “, ha detto. “Penso che se posso farcela, allora chiunque può.”

#raggiungere #suo #sogno #questo #adolescente #dovrà #toccare #cielo

Informazioni sull\'autore del post

admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *