Peyton Manning selezionato per Pro Football Hall of Fame

Visualizzazioni: 6
0 0
Tempo per leggere:5 Minuto, 22 Secondo

Un paio di Aarons hanno tirato fuori una tripletta NFL sabato sera.

Il quarterback dei Green Bay Packers Aaron Rodgers ha vinto il suo terzo premio Associated Press Most Valuable Player, mentre Aaron Donald, attaccante difensivo dei Los Angeles Rams, ha vinto il suo terzo premio come miglior giocatore difensivo all’NFL Honors.

Un altro trio degno di nota per la serata: Charles Woodson, Peyton Manning e Calvin Johnson, che sono stati selezionati per la Pro Football Hall of Fame nel loro primo anno di idoneità.

Anche due membri della Washington Football Team hanno portato a casa i premi: il quarterback Alex Smith ha vinto il Comeback Player of the Year Award in una delle storie più stimolanti del 2020 e il rusher Chase Young è stato riconosciuto come il miglior rookie difensivo.

Derrick Henry, il rusher da 2.000 yard dei Tennessee Titans, ha vinto il premio Offensive Player of the Year, e l’onore di rookie offensivo è andato al quarterback dei Chargers Justin Herbert. Kevin Stefanski di Cleveland è stato nominato allenatore dell’anno e il coordinatore offensivo di Buffalo Brian Daboll si è guadagnato gli onori di assistente allenatore.

Rodgers ha avuto forse la migliore stagione della sua carriera di 16 anni, portando Green Bay a una stagione regolare 13-3, il miglior punteggio della NFC. Solo pochi mesi dopo che sono sorte domande sul suo livello di comfort con i Packers – e sulla loro scelta di un quarterback nel primo round del draft di aprile – Rodgers, che ha compiuto 37 anni a dicembre, ha strappato la NFL Rodgers in testa alla classifica con 48 passaggi di touchdown con un tasso di completamento del 70,7 per cento. È stato preso solo cinque volte.

La serata è stata anche di Manning, il quarterback la cui meticolosa attenzione ai dettagli ha contribuito a trasformare la graticola del 21 ° secolo in una scacchiera in erba. Il figlio della leggenda dei Saints Archie Manning e il fratello del due volte campione del Super Bowl Eli Manning saranno raggiunti entro la fine dell’anno a Canton da un altro blocco al primo turno, Woodson, il difensore che ha battuto Peyton Manning per l’Heisman Trophy nel 1997, e poi ha trascorso quasi due decenni cercando di fermarlo. Johnson, che era conosciuto come Megatron, era anche una selezione al primo scrutinio, i suoi soli nove anni di eccellenza nella regia con i Detroit Lions erano più che sufficienti per convincere la giuria.

Anche la guardia Alan Faneca, che ha realizzato nove Pro Bowls e perso solo una partita in 13 stagioni con Steelers, Jets e Cardinals; e John Lynch, il duro sicurezza che ha lucidato la sua reputazione a Tampa Bay, che domenica gioca a Kansas City per il titolo del Super Bowl.

Il ricevitore Cowboys Drew Pearson è stato selezionato nella categoria senior; l’ex Raiders Coach Tom Flores, come allenatore; e gli Steelers di lunga data esplorano Bill Nunn come collaboratore.

Facendo un cenno al Covid-19, gli elettori hanno evitato la loro tradizionale riunione di sabato a favore di un incontro virtuale il 19 gennaio. I nomi dei vincitori sono stati resi pubblici durante la cerimonia di premiazione NFL Honors sabato sera. Jaguars ha lasciato il tackle Tony Boselli e il linebacker dei Dolphins Zach Thomas erano tra i finalisti i cui nomi non sono stati chiamati.

Manning che entrava nella sala era quasi preordinato. È appropriato, in un certo senso, perché era noto per la sua intensa preparazione durante la settimana e sulla linea di scrimmage, facendo tutto il possibile per eliminare i dubbi sul risultato di ogni gioco prima che accadesse.

Il suo lavoro nella sala video, le sue sessioni di lancio e cattura fuori stagione “volontarie” con i ricevitori, i suoi interrogatori agli allenatori e ai compagni di squadra durante gli allenamenti – erano tutti roba da leggenda.

Quando Manning si è ritirato dopo aver guidato i Broncos al titolo nel 2016, aveva i record della carriera per il passaggio di yardage (71.940) e touchdown (539), tra gli altri, e faceva parte della conversazione come Greatest Of All Time.

Drew Brees e Tom Brady hanno eclissato quei numeri. Brady, che domenica gioca nel suo decimo Super Bowl, domenica si unirà a Manning come secondo quarterback per portare due franchigie al titolo. Tuttavia, è ben consapevole del ruolo di Manning nel rendere il gioco di passaggio dei giorni nostri quello che è oggi.

“Come ogni grande quarterback, ci sono molte responsabilità che ti assumi”, ha detto Brady la scorsa settimana riflettendo sul posto di Manning nel gioco. “Vuoi assicurarti che tutto rifletta come vedi il gioco e vuoi assicurarti che tutti siano sulla stessa pagina. E quando tutti lo vedono attraverso lo stesso paio di occhi, è un ottimo modo per giocare a calcio “.

Ha inaugurato un’era che ha trasformato la lettura delle X e delle O da un’arte a una scienza, impostando il modello per un gioco di passaggio moderno molto dipendente dalle letture pre-snap che portano a decisioni rapide e consentono ai quarterback più intelligenti per uscire dalle cattive giocate prima che accadano.

Tutte quelle intelligenze, ovviamente, smentivano un dono fisico che ha permesso a Manning di giocare per 18 anni, inclusa una rimonta da quattro delicati interventi chirurgici al collo che lo hanno lasciato incapace di afferrare un pallone all’inizio.

Settimane dopo la seconda operazione, Manning è sgattaiolato in una gabbia di battuta delle Colorado Rockies per lanciare, ma il suo primo lancio è durato circa 5 yard prima di svolazzare a terra. Non tre anni dopo, Manning ha lanciato 55 passaggi di touchdown – quel record è ancora il più alto in una stagione – e ha iniziato nel Super Bowl per i Broncos. Due stagioni dopo non era molto più in forma, malato di un infortunio all’arco che gli è costato metà della stagione e ciò che restava della sua mobilità limitata. Ma ha guidato i Broncos alla vittoria nel Super Bowl 50, poi ha lasciato il campo per sempre.

Manning è entrato ed è uscito dalla NFL nello stesso momento di Woodson, il cornerback che ha partecipato a un Super Bowl nei suoi primi otto anni con i Raiders, poi è andato a Green Bay per vincere il suo unico titolo di Super Bowl, prima di finire la sua carriera come un sicurezza a Oakland.

Ha concluso la sua carriera con 65 intercettazioni e 13 touchdown difensivi, a pari merito con Rod Woodson e Darren Sharper.

#Peyton #Manning #selezionato #Pro #Football #Hall #Fame

Informazioni sull\'autore del post

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *