Rory McIlroy mira all’equilibrio e una giacca verde

Visualizzazioni: 11
0 0
Tempo per leggere:3 Minuto, 58 Secondo

Rory McIlroy ha assistito al volo della sua palla con sgomento venerdì mattina. “È così cattivo,” Egli ha detto. “Oh mio Dio.”

Alla 16a buca del suo 12 ° Master, McIlroy ha inviato un tee shot errante al breve par-3 che si è schiantato in acqua. In quell’istante, sembrava più qualcuno con un handicap a due cifre rispetto al giocatore che era il numero 1 al mondo quando la pandemia di coronavirus ha interrotto il PGA Tour a marzo.

Ha terminato il suo primo round ritardato dalla pioggia a tre sul par. Ma McIlroy, uno dei favoriti del pre-torneo, non dovrebbe essere escluso dall’unico campionato importante che deve ancora vincere.

Ha rimbalzato nel secondo round con un sei sotto il par 66 per un totale di 36 buche di tre sotto che lo ha lasciato ben al di sotto della linea di taglio prevista del par pari.

La buona notizia è che McIlroy ha altre 36 buche per catturare i leader. La cattiva notizia è che dovrà recuperare almeno sei colpi.

“Onestamente ho giocato così bene arrivando qui, e poi vado al primo round e tiro 75, e sono tipo, ‘Da dove diavolo viene?'” Ha detto McIlroy.

Mentre camminava dalla casa di punteggio al campo pratica per colpire sei colpi durante la sua pausa di mezz’ora tra i round, McIlroy ha ricevuto un discorso di incoraggiamento da Jimmy Dunne, un amico che è un membro dell’Augusta National.

Dunne è stato una specie di caddie di vita per McIlroy, presentandolo a libri come “Essentialism: The Disciplined Pursuit of Less” di Greg McKeown e sfidandolo a pensare fuori dalla bolla del golf.

A lungo considerato l’erede di Tiger Woods, McIlroy, 31 anni, ha collezionato quattro titoli importanti prima del suo 26 ° compleanno. Una vittoria al Masters gli darebbe una carriera da Grande Slam. Qualcosa di meno estenderebbe la sua striscia senza vittorie nelle major a sei anni.

McIlroy è profondamente curioso, un ricercatore convinto che la felicità nella sua vita personale porterà al successo sul campo da golf e non viceversa. In un’intervista all’inizio di quest’anno con Golf Digest, McIlroy ha detto di aver lavorato diligentemente nell’ultimo anno per migliorare i suoi rapporti con i suoi genitori; sua moglie, Erica Stoll; e altri nella sua cerchia ristretta.

“Forse ho sentito che tutto ruotava intorno a me e tutti dovrebbero sapere di cosa ho bisogno”, ha detto McIlroy.

È tornato sul tema nella sua conferenza stampa pre-Master questa settimana quando gli è stato chiesto come la nascita il 31 agosto del suo primo figlio – una figlia, Poppy Kennedy – avesse cambiato la sua prospettiva.

“Sono cresciuto come figlio unico e figlio unico giocando a golf”, ha detto McIlroy, “quindi mi sento come se il mondo intero ruotasse intorno a me per molto tempo. E ora non lo è. Ruota intorno a questa piccola persona. “

La ricerca di McIlroy di non essere il centro del suo mondo si rivela quasi rivoluzionaria nel mondo degli sport professionistici. Durante la sua grande siccità in campionato, c’è chi si è chiesto se McIlroy sia troppo preparato per il bene del suo gioco.

“Sicuramente puoi essere troppo altruista”, ha detto Tim S. Grover, l’autore di “Relentless”, un libro sulla mentalità dei grandi interpreti basato sul suo lavoro di personal trainer con giocatori di basket come Michael Jordan, Kobe Bryant e Dwyane Wade.

Il 2020 di McIlroy è stato sicuramente un racconto di due stagioni. Nelle sue 11 partenze in tutto il mondo prima della chiusura del tour, è finito fuori dai primi cinque solo due volte e ha collezionato due vittorie. In 12 partenze da quando la competizione è ripresa, non ha avuto una posizione nei primi cinque.

Grover, il fondatore di Attack Athletics Inc., non è sorpreso.

“C’è un periodo di adattamento in cui hai un neonato tra essere all-in e cercare di capire come bilanciare una nuova persona nella tua vita che richiede il tuo tempo e la tua attenzione”, ha detto Grover venerdì in un’intervista telefonica. “Quindi in questo momento la mia ipotesi è che sia ancora in quella fase.”

McIlroy deve lasciare che le persone intorno a lui prendano il controllo a casa, ha aggiunto Grover. Deve fidarsi di loro se dicono che hanno tutto coperto, invece di rimescolarsi per essere contemporaneamente il miglior genitore e il miglior giocatore che può essere.

Cercare di migliorare tutte le proprie relazioni interpersonali allo stesso tempo può essere come cercare di migliorare ogni aspetto del proprio gioco – guida, scheggiatura e messa – contemporaneamente.

McIlroy farebbe meglio a concentrarsi su una relazione alla volta, ha detto Grover, aggiungendo: “Quando cerchi di essere tutto per tutti, finisci per non essere nulla per te stesso e per loro. Finisci per essere bravo invece che fantastico. “



#Rory #McIlroy #mira #allequilibrio #una #giacca #verde

Informazioni sull\'autore del post

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *