Torneo NCAA: cose da sapere per la selezione domenica

Visualizzazioni: 13
0 0
Tempo per leggere:5 Minuto, 43 Secondo

Un anno dopo la cancellazione indotta dalla pandemia del torneo di basket maschile NCAA ha comportato un calo di 600 milioni di dollari nelle entrate della NCAA per il 2020, March Madness è tornato nel 2021.

Quest’anno, l’intero torneo a 68 squadre lo farà si svolgono in Indiana poiché la NCAA cerca di limitare i viaggi durante la pandemia.

Il torneo inizia giovedì con le prime quattro partite e termina con la partita per il titolo nazionale il 5 aprile. Ma prima arriva la domenica della selezione, quando verrà rivelato l’intero field di 68 squadre, comprese 31 qualificazioni automatiche e 37 offerte generali.

Ecco alcune cose da considerare prima della rivelazione, che inizia alle 18:00 ora orientale sulla CBS:

Gonzaga, Baylor e Michigan sembrano essere le serrature per tre delle quattro teste di serie numero 1, con l’Illinois in prima posizione per essere il quarto; questo darebbe alla Big Ten Conference carica di due semi principali. I Bulldog, gli Orsi e i Wolverine sono anche i tre favoriti per le scommesse migliori per il campionato.

Sotto la guida dell’allenatore Mark Few, Gonzaga, numero 1, ha vinto un record di 30 partite consecutive in due stagioni e sarà la prima squadra dal Kentucky nel 2015, e la sedicesima in tutto, ad entrare in un torneo NCAA senza sconfitte. (Quella squadra del Kentucky del 2015 ha perso contro il Wisconsin in una semifinale nazionale.)

Il numero 2 Baylor ha vinto le sue prime 17 partite prima di dover fare una pausa di tre settimane a causa di problemi di coronavirus all’interno del programma. Ha rimbalzato vincendo quattro partite consecutive.

“Tutti vorrebbero essere il numero 1, perché vuoi essere il migliore”, ha detto il mese scorso il coach Scott Drew di Baylor. “Allo stesso tempo, sappiamo tutti che la classifica di fine anno è quella che conta di più”.

Sotto la guida dell’allenatore Juwan Howard, il campione dei Big Ten della stagione regolare del Michigan dovrebbe essere un seme numero 1 per la prima volta dalla stagione 1992-93, quando Howard era un membro dei famosi “Fab Five” della squadra.

L’Illinois presenta una coppia dinamica nel playmaker junior Ayo Dosunmu e l’imponente centro del secondo anno Kofi Cockburn. Gli Illini non sono stati una testa di serie dal 2005, quando sono passati alla partita di campionato.

L’Alabama, la campionessa della stagione regolare della Southeastern Conference, e l’Iowa, che ospita Luka Garza, il favorito del premio Player of the Year, sembrano essere fortemente posizionati per i semi n. 2, per i quali anche Ohio State, Houston e Oklahoma State stavano giocando i tornei della conferenza sono terminati.

Se è marzo, significa che Syracuse è nella bolla dei tornei.

In cinque degli ultimi sei anni, gli Orange sono entrati in Selezione domenica con discutibili possibilità di partecipare al torneo. Sono entrati nel campo dei 68 nel 2016, 2018 e 2019 ma nel 2017 sono stati retrocessi in NIT

Gli Orange (16-9), che giovedì hanno spinto Virginia, la testa di serie numero 1 nel torneo della Atlantic Coast Conference, prima di perdere con una tripla da tre punti, hanno buone ragioni per entrare in campo. Alcuni staffettologi hanno elencato la squadra tra le ultime quattro squadre in campo.

“Ti chiarirò: dovremmo essere nel torneo”, l’allenatore del Syracuse Jim Boeheim ha detto ai giornalisti dopo la partita di giovedì.

Altre squadre in bolla includono Drake, che ha iniziato la stagione 18-0 e ha finito per perdere contro Loyola Chicago nella finale del torneo della Missouri Valley Conference, così come St. Louis e diverse squadre della Mountain West Conference: Utah State, Boise State e Colorado Stato.

Non essere sorpreso quando Duke e Kentucky mancano dalla tua staffa.

I due programmi si sono combinati per vincere tre campionati dal 2010, ma per la prima volta dal 1976, quando in campo c’erano solo 32 squadre, nessuna delle due sarà in campo quest’anno.

La stagione del Kentucky si è conclusa con grazia giovedì, quando i Wildcats hanno perso contro il Mississippi State nel torneo SEC. Il Kentucky ha saltato il torneo tre volte da quando ha lasciato a causa delle sanzioni NCAA nella stagione 1992.

“Le mie squadre hanno giocato storicamente come se avessero perso, sarebbero andate sulla sedia elettrica”, ha detto l’allenatore di Wildcats John Calipari sul finale di 9-16 della sua squadra. “Questa squadra no.”

La sconfitta del Kentucky avvenne circa due ore dopo quella di Duke ha annunciato che la sua stagione era finita dopo che un membro del programma è risultato positivo al coronavirus mercoledì sera.

L’ultima volta che Rutgers è stato al torneo NCAA è stato nel 1991, quando Mariah Carey era in cima alle classifiche pop di Billboard e Geo Baker non era nato.

Baker, una guardia senior di 6 piedi 4 di Derry, NH, sembra aver guidato gli Scarlet Knights nel loro primo torneo NCAA maschile in 30 anni. La squadra di Coach Steve Pikiell sarebbe scesa in campo un anno fa ma aveva il cuore spezzato quando il torneo è stato annullato a causa della pandemia.

“Per tutta la vita sono stato sottovalutato e penso che Rutgers sia sottovalutato in questo momento”, Baker ha detto al Big Ten Network. “E mi piace dimostrare alle persone che si sbagliano, e penso che sia quello che faremo qui.”

Tra le altre facce fresche del torneo ci sarà il programma Morehead State della Ohio Valley Conference, che fa la sua prima apparizione da quando ha eliminato Louisville nel 2011 come testa di serie numero 13; lo Stato degli Appalachi della Sun Belt Conference, che fa la sua terza apparizione in assoluto e la prima dal 2000; l’UNC Greensboro della Southern Conference, tornato per la prima volta dal 2018; e, dalla Mid-Atlantic Athletic Conference, Mount St. Mary’s, tornando per la prima volta dal 2017.

Se la tua squadra del cuore ha lo stato dell’Oklahoma nel suo girone, ha un problema.

I Cowboys presentano la matricola di 1,8 metri Cade Cunningham, la scelta n. 1 prevista nel draft NBA, e hanno ottenuto sei vittorie su avversari classificati in 19 giorni dopo aver battuto il numero 2 Baylor in una semifinale del torneo Big 12 venerdì.

Ai Cowboys è stato inizialmente concesso un divieto post-stagione dopo un’indagine dell’FBI su tangenti e corruzione ha implicato uno degli assistenti allenatori della squadra. Ma il caso è stato impugnato e Cunningham ha una possibilità legittima per portare i Cowboys alle Final Four.

“Non credo che nessuno si aspettasse che fossimo a questo punto in questo momento”, ha detto Cunningham in un’intervista ESPN in onda durante il torneo Big 12. Ha aggiunto: “Cercheremo di sfruttare al meglio questa opportunità. Ci è permesso giocare. “



#Torneo #NCAA #cose #sapere #selezione #domenica

Informazioni sull\'autore del post

admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *