Un buco in uno spinge Corey Conners in cima alla classifica Masters

Visualizzazioni: 8
0 0
Tempo per leggere:3 Minuto, 28 Secondo

AUGUSTA, Ga. – Il vecchio che lavorava vicino a un tabellone vicino al numero 2 lo sapeva. Doveva sapere, perché tutti lo sapevano.

Il boato del sabato pomeriggio aveva tutti i tratti distintivi di un momento classico realizzato al Masters Tournament: il forte aumento del rumore mentre qualcosa di sensazionale si svolgeva da qualche parte sui 345 acri, le percussioni quando il possibile diventava una certezza, e poi gli echi che svanivano tra i pini.

“Quale buco?” l’uomo ha chiesto.

La risposta, si è scoperto, è stata la sesta, dove Corey Conners aveva raccolto un paio di colpi con un buco in uno, il sesto nella storia del torneo all’Augusta National Golf Club. Il suo tee shot con un ferro da otto, subito dopo uno spauracchio, era atterrato appena oltre il bunker. La palla ha avuto tre rimbalzi, ognuno più piccolo del precedente. Poi la fisica ha preso il sopravvento in una settimana in cui i verdi di Augusta sono stati paragonati al vetro.

Ci sono voluti forse quattro secondi perché la palla entrasse nella coppa dal momento in cui ha colpito il green, così velocemente che Conners si era appena mosso nel tee box. Alzò le braccia in esultanza. Si piegò all’indietro e batté il pugno destro. Ha accettato le congratulazioni di Collin Morikawa, il suo partner per la giornata.

“Non sembrava che il vento stesse aiutando quanto mi aspettavo, ma, fortunatamente, è volato abbastanza lontano”, ha detto in seguito Conners, che è entrato sabato a due sotto la pari nel torneo. “Stavo cercando di farlo volare da qualche parte sopra il bunker e farlo entrare, farlo andare vicino al buco.”

“Penso di aver colpito il perno con un po ‘di vapore”, ha aggiunto, “ma era proprio nel mezzo, quindi un momento piuttosto speciale.”

Ha terminato sabato con un 68, quattro sotto il par, e sarà in lizza quando il torneo terrà il suo round finale domenica, grazie in gran parte al suo turno da stella al numero 6.

“Ogni colpo fa una grande differenza”, ha detto Charles Coody, che ha vinto il Masters nel 1971 e ha usato un ferro a cinque colpi per un buco in uno sul numero 6 l’anno successivo. “Ha giocato bene negli ultimi tempi, quindi sono abbastanza sicuro che avrà buone possibilità.”

Il numero 16 di Augusta National ha ceduto molte più buche in una di qualsiasi altra sul campo, e giovedì ne ha ceduta una a Tommy Fleetwood. Ma la sesta buca ha visto più di ogni punto tranne il 16.

“È abbastanza a livello laggiù quando si colpisce dal tee e tutto il resto”, ha detto Coody della sesta buca sabato, quando ha visto il torneo in televisione. “Stai colpendo solo un po ‘della pendenza, il che ti aiuta a mantenere il green un po’ meglio.”

Conners, un canadese di 29 anni con una sola vittoria al PGA Tour a suo nome, ha avuto, come tanti golfisti, un rapporto complicato con l’Augusta National. Nella sua prima apparizione, nel 2015, ha mancato il taglio ma ha mostrato una promessa: un primo round 80, un secondo round 69. Quattro anni dopo, ha pareggiato per il 46 ° posto dopo un round finale pieno di miseria. A novembre, quando è stato giocato il Masters ritardato dalla pandemia, ha segnato un 65 al secondo turno, fondamentale per pareggiare per il 10 ° posto alla fine.

Le condizioni di quest’anno erano molto diverse.

“Ha molta più velocità”, ha detto del corso martedì. “I green stanno rotolando più velocemente. Ho dovuto modificare alcune delle note nel mio libro per suonare molto più break nei green, e alcuni punti intorno al green dove forse avevi una possibilità a novembre, non hai molte possibilità in questo momento. “

Aveva appena finito un giro di prove con Mike Weir, il vincitore del Masters 2003 e l’unico figlio del Canada ad aver mai vinto uno dei principali tornei di golf. Weir ha intrattenuto Conners con storie di vittoria e ha offerto alcuni suggerimenti, una delle tradizioni dei Maestri.

Ma sabato, il pomeriggio dopo il taglio, Weir non era più in campo. Fu il turno di Conners di provocare un ruggito.

#buco #uno #spinge #Corey #Conners #cima #alla #classifica #Masters

Informazioni sull\'autore del post

admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *